Skin Care for Pressure Injury Prevention

Pressure injuries are a significant risk for patients and pose a tremendous clinical challenge to medical providers. Serious pressure injuries can present a substantial threat to patients’ survival when comorbidities are present, and even less serious pressure injuries can negatively affect a patient’s comfort and well-being. Although some pressure injuries are unavoidable, best practices in patient skin care can greatly reduce the risk in many circumstances,1 with some research demonstrating that up to 95% of pressure injuries are preventable.2

Skin Assessment and Risk Factors

The first step in determining a patient’s care plan in relation to the development of pressure injuries is the completion of a risk assessment. Certain patient populations are at high risk for the development of pressure injuries, and individual risk can be identified using a standardized risk assessment tool such as the Braden Scale for Predicting Pressure Sore Risk©, the Pressure Ulcer Scale for Healing (PUSH), or the Waterlow tool.3 These tools can help to identify at-risk populations, such as patients who4:

  • Experience impaired mobility
  • Have incontinence or difficulty controlling moisture
  • Do not have adequate nutrition or hydration
  • Are older
  • Are obese
  • Have a lack of sensory perception secondary to spinal cord injuries or neurological disorders
  • Have an amputation
  • Have a medical condition that affects blood flow, such as diabetes or vascular disease
  • Are unable to communicate adequately
  • Have a history of developing pressure injuries

Patients should also be assessed for the presence of pressure ulcer complications, such as cellulitis, bone and joint infections, cancer, and sepsis. Some of these complications can be life-threatening, but at the very least, they represent challenges in delivering effective treatment and promoting healing of the injury.4

Best Practices for Patients At-Risk for Pressure Injuries

Pressure injury prevention can be achieved, in most cases, by following treatment guidelines and best practices, including the following:

Inspecting and Monitoring the Skin
Skin care begins with routine assessment of the skin itself. Patients and/or caregivers should look closely for early warning signs of pressure injuries (especially at high-pressure points), always keep the skin clean and dry, and protect the skin at points with high friction. Advanced monitoring tools, such as pressure mapping or real-time patient monitoring, can use sensors to alert the patient or caregiver to any changes in the environment that may increase the risk for the development of a pressure injury. This provides the opportunity for early intervention and prevention of a pressure injury.5

Best practices for skin care in this patient population include the following:

  • Perform daily skin inspections.
  • Moisturize at least twice daily to maximize the lipid barriers.
  • Use additional skin barriers, such as silicone, petrolatum, dimethicone, or zinc oxide, particularly if the patient experiences incontinence.
  • Cleanse, rinse, and dry the skin after incontinence or when excessive moisture is present.
  • Pad and protect vulnerable areas with the appropriate dressings.
  • Use breathable fabrics and change every two hours, or when necessary.

Pressure Redistribution
Managing friction and shear is essential in preventing pressure injuries. There are two primary ways to do this. The first consists of selecting the best materials available for the patient environment and support surfaces, such as beds, mattresses, and cushions. These support surfaces should also redistribute weight equally. The fabric selected can also have a tremendous impact on the amount of mechanical stress the patient experiences; for instance, it has also been shown that materials made of silk create much less friction force than cotton-based fabrics.5 Achieving proper pressure redistribution involves the following procedures:

  • Use appropriate support surfaces. Assess the current ones in use, and identify when there are better options available.
  • Identify and account for any comorbidities.
  • Use a mechanical lift when moving bariatric patients.
  • Use the appropriate fabric to minimize friction, shear, and pressure.
  • Pad the edges of casts, splints, braces, and other medical devices.
  • Keep the head of the bed flat or below 30 degrees, when possible.
  • Check for bottoming-out with patients in bed and chair pressure redistributing cushions or mattresses.

Patient Positioning
Properly managing mechanical stress also involves repositioning the patient at the recommended interval, which should be at least every two hours.1 Auditory tools, such as alarms or sensors, may be used to remind the patient or staff when repositioning should occur. Repositioning may also be facilitated by devices, pads, or slings that make it easier to move the patient. Pressure mapping technologies can also be used to optimize the positioning of the patient. This technology enhances the visual inspection of a patient’s skin by assessing the cellular-level mechanisms and biomarkers that are associated with the early development of pressure ulcers.6 Proper patient repositioning includes the following4,5:

  • Reposition patients in chairs hourly, and encourage those who are able to shift their weight to do so every 15 minutes.
  • Turn and reposition at least every two hours for patients confined to a bed.
  • Use draw sheets or positioning devices to pull up, transfer, and position your patients.
  • Use heel or elbow protectors for hospice and palliative care patients.
  • Check medical devices every two hours.

In addition to the listed best practices, patients and caregivers should pay particular attention to nutrition and hydration. Those patients with inadequate nutrition are much more likely to develop pressure injuries. Ensuring that the patient has a well-balanced diet, adequate intake of fluid, and supplements when needed can also significantly reduce the likelihood of developing pressure injuries.1

Conclusion

Pressure injuries can negatively affect patient outcomes and it is vital to prevent them whenever possible. Pressure injury prevention starts with good skin care and a head-to-toe skin assessment. Evaluate patients on admission to determine a care plan in relation to pressure injuries. Care plans can include moisturizing the skin, protecting bony prominences, protecting the skin from moisture, pressure redistribution, and more. Always involve the patient in the care plan in order to achieve greater compliance.

[Tratto da: www.woundsource.com ]

Interventi di lesioni da pressione in popolazioni speciali

Le lesioni da pressione richiedono cure complesse. Possono essere incredibilmente dolorosi per i pazienti e rappresentano un enorme onere finanziario per il sistema sanitario. Un sottogruppo di questi pazienti comprende coloro che sono particolarmente inclini a sviluppare ulcere da decubito a causa di condizioni di comorbilità. Questo sottogruppo comprende pazienti che possono avere disabilità cognitive, quelli che hanno una lesione spinale o che hanno subito un’amputazione e pazienti bariatrici.

Fattori di rischio di lesioni da pressione in popolazioni speciali

I fattori di rischio generali per le lesioni da pressione in qualsiasi paziente includono l’immobilità, la mancanza di percezione sensoriale, la cattiva alimentazione e l’idratazione e la presenza di qualsiasi condizione che influisce sul flusso sanguigno. 1 Le popolazioni speciali hanno spesso circostanze contrassegnate dalla presenza di ulteriori fattori di rischio. Sebbene questi fattori di rischio all’interno di ciascun sottoinsieme della popolazione speciale possano variare, in genere includono i seguenti elementi:

  • Individui con una lesione del midollo spinale: queste persone hanno un rischio maggiore di lesioni da pressione secondarie all’immobilità derivante dalla sedia a rotelle. Queste lesioni si verificano comunemente sulle superfici di seduta del corpo.
  • Individui fragili dal punto di vista medico: le ulcere da decubito si verificano comunemente in coloro che devono ricevere cure a lungo termine. Questo gruppo comprende pazienti con disabilità cognitive (compresi i pazienti pediatrici), quelli con malformazioni genetiche e quelli con deficit neurologici. 2
  • Pazienti bariatrici: questi pazienti hanno un rischio maggiore perché hanno un peso aggiuntivo sulla superficie che viene a contatto con il letto o la sedia a rotelle.

Alla luce dell’aumentato rischio che devono affrontare questi pazienti, è fondamentale capire come ridurre o prevenire il rischio di lesioni da pressione.

Prevenzione di lesioni da pressione in popolazioni speciali

Le lesioni da pressione possono essere prevenute con strategie di cura delle ferite rapide e approfondite. Data la varietà dei fattori di rischio affrontati da ciascun sottoinsieme all’interno dello speciale gruppo di popolazione, esistono diverse tattiche per ridurre la probabilità di sviluppo di lesioni da pressione. Gli sforzi di prevenzione si concentrano generalmente sulla ridistribuzione della pressione , sulla riduzione del taglio e sul controllo del microclima. 3

Individui con lesioni
al midollo spinale Per prevenire lesioni da pressione legate alla sedia a rotelle, la scelta dell’attrezzatura migliore è indispensabile. Ciò include cuscini di seduta ad alta immersione e con distribuzione uniforme del carico. Quando sono presenti lesioni da pressione esistenti, l’uso di un dispositivo di posizionamento a pressione alternata può aiutare quando i benefici dello scarico sono maggiori del potenziale di taglio. I cuscini dovrebbero anche consentire la ventilazione per ottimizzare la temperatura e ridurre al minimo l’umidità. Quando sono presenti lesioni da pressione avanzate, potrebbe essere necessario un totale riposo a letto fino a quando le lesioni da pressione non guariscono. 3

Individui fragili dal punto di vista medico Gli
individui con deficit cognitivo, compresi i pazienti pediatrici e i pazienti adulti più anziani con demenza, possono potenzialmente aumentare il rischio di lesioni da pressione. Ciò è particolarmente vero per i pazienti la cui mobilità è anche compromessa o quando vi è un deterioramento dei sottosistemi neurofisiologici associati a percorsi motori, sensoriali, autonomici, cognitivi o comportamentali. 4 La prevenzione delle lesioni da pressione in questi pazienti richiede che gli operatori sanitari siano vigili nel fornire valutazioni regolari della pelle , fornire il riposizionamento a intervalli appropriati, assistere con movimento ed esercizio quando possibile e ottimizzare l’ambiente in qualsiasi altro modo identificabile che possa ridurre la probabilità che una pressione si svilupperà un infortunio.

Pazienti con un arto amputato
I pazienti con un’amputazione hanno un rischio maggiore di avere problemi alla pelle, tra cui lesioni da pressione. Circa i tre quarti di quelli con un’amputazione degli arti inferiori che usano una protesi hanno problemi di pelle, tra cui lesioni da pressione. 5 L’arto residuo è esposto a diverse condizioni che possono portare alla formazione di lesioni da pressione, tra cui elevata forza di taglio, aumento dello stress, aumento dell’umidità e contatto umido prolungato con la protesi. Per questi pazienti, il monitoraggio della vestibilità e del comfort sono fondamentali per ridurre al minimo una rottura dell’integrità e della funzione della pelle. 5Piccole regolazioni protesiche o la fornitura di una nuova presa da installare possono aiutare a migliorare le condizioni, anche se i casi più gravi possono richiedere il disuso della protesi. 5

Pazienti bariatrici I
pazienti bariatrici rappresentano anche una popolazione di pazienti particolarmente sensibile alle lesioni da pressione. Oltre all’aumento del rischio, guariscono più lentamente a causa della ridotta vascolarizzazione. La prevenzione di lesioni da pressione in questi pazienti richiede spesso un adeguato riposizionamento e rotazione del paziente, un’adeguata pulizia della pelle e una corretta alimentazione e l’assunzione di liquidi. 6 Oltre a ciò, è necessario selezionare un’attrezzatura ottimale per questi pazienti, compresi i letti che supportano il peso dell’individuo e le sedie a rotelle sufficientemente larghe per accogliere il paziente. 3

Conclusione

I piani di prevenzione delle lesioni da pressione non sono adatti a tutti; è sempre importante considerare la situazione di ogni singolo paziente e i fattori di salute che possono contribuire al loro rischio complessivo e pianificare di conseguenza gli interventi. Le popolazioni sopra elencate sono tutt’altro che gli unici gruppi più inclini allo sviluppo di lesioni da pressione, quindi fai sempre le tue ricerche e considera ogni possibilità quando pianifichi i tuoi pazienti.

[Tratto da: www.woundsource.com ]

Reducing Amputations in the Community: The impact of a collaborative continuum of care model between a Healogics® Wound Care Center® and vascular surgery practice

Chronic leg wounds, which are common complications of diabetes and peripheral arterial disease, are risk factors for amputation. A multidisciplinary approach to patient care has been recommended to increase patient satisfaction, enhance healing, and save limbs. With this approach in mind, a study was undertaken to assess the impact of a collaboration between a wound care center (Healogics Wound Care Center) and a vascular surgery practice (Stanford Health Care’s Vascular & Endovascular Surgery) on quality of care and clinical outcomes.

This large study included patients who underwent lower extremity interventions before and after the opening of the wound care center. Results showed that patient outcomes were significantly improved, including a much lower rate of amputation, by the coordination of care between the wound care and vascular practices.

Wound care professionals will find that this study, sponsored by Healogics Wound Care Center, validates current wound care best practices and makes the case for interdisciplinary collaboration with vascular surgery practices to reduce amputations in at-risk patients.

This white paper discusses the following:

Epidemiology of lower extremity amputation

Conditions predisposing to chronic leg wounds

Patient overlap in wound care centers and vascular surgery practices

Collaboration between a wound care center and a vascular surgery practice

Results of the collaboration in terms of amputation rates

Positive effects of a multidisciplinary collaborative continuum of care

This paper is written for health care providers with an interest in advanced wound care solutions.

[Tratto da: www.woundsource.com ]

The Future of Pressure Injury Prevention

Pressure injuries represent a great challenge in patient care, as well as a significant burden on the health care system. This burden is likely to continue to increase as a result of the growing geriatric population, along with the increasing rates of obesity, diabetes, and cardiovascular disease.1 Recent estimates in the United States show annual costs of pressure injury treatment to be approximately $9.1 to $11.6 billion.2 In addition to cost, these localized injuries to the skin are often very painful for patients, particularly as the injuries become more severe.

There are a number of recent technological advances that can prevent the development of pressure ulcers in at-risk patients. This prevention is most commonly achieved by reducing or redistributing pressure at the sites that are most vulnerable for skin and tissue damage, although important aspects of prevention also include minimizing the patient’s risk factors, when possible. Several newer and emerging technologies are reviewed here in terms of their ability to assist with this process.

Pressure Mapping Technologies for Pressure Injury Prevention

Pressure mapping technologies were developed to measure the amount of pressure placed on different parts of the body when in various positions. This is a development that allows clinicians to use technology more accurately to determine the areas most at risk for breakdown. Pressure mapping is especially useful because it may potentially allow imaging to predict the areas of breakdown before clinicians are able visually to appreciate or assess the classic skin changes of a developing pressure injury, which may be well under way in the deeper tissues before examination reveals any physical changes. Pressure mapping can serve as an integral step in the process of prevention given that pressure injuries begin with tissue ischemia and subsequent tissue necrosis because external pressure to the tissue exceeds capillary closing pressure.

As a result of the data collected from pressure mapping technology, pressure-relieving wheelchair cushions have been developed; evidence suggests that 30 to 35 degrees of wheelchair tilt can relieve pressure from the ischial and sacral area.1 Pressure mapping can also assist in determining the pressure points at risk for ulceration in patients confined to a bed. Caregivers can also determine the effect of repositioning to achieve greater pressure relief.1 When used to identify when repositioning is necessary and to achieve optimal pressure relief, pressure mapping technologies can be highly effective in reducing the likelihood that a pressure injury will develop.

Patient Monitoring Technologies for Pressure Injury Prevetion

Patient monitoring systems frequently use wireless sensors that are placed on patients to record position and movement. Many also feature auditory cues that alert caregivers and/or patients that repositioning is necessary at regular intervals. In clinical settings, this often leads to timelier repositioning at the recommended intervals.3

These monitoring systems serve to assess the risk factors (pressure, shear/friction, and mobility) in real time, which allows for early intervention to minimize the risk of tissue ischemia. More recent patient monitoring technologies now monitor additional factors, such as motion and heat, to further enhance the ability to optimize conditions in a way that reduces the risk that the patient will develop a pressure injury.

Pads and Material Design

Recent developments in the design of materials, such as those used in mattresses or on pads that cover pressure points on a patient, can also optimize the patient’s static environment to reduce the risk of pressure injuries. Pads consisting of high-density foam can be used to cover high-risk pressure points, such as the sacrum or heels. Although these can be effective, it has also been found that pads with cutouts can increase pressure at the edges (known as the edge effect). Mattress pads, such as egg crate mattress overlays or those made from natural sheepskin, can also decrease pressure across a large surface area. Another useful material is silk fabric, which creates much less friction force than cotton-based fabrics and is superior for use in pressure ulcer prevention.1

Conclusion

When used for at-risk patients, whether in the home or in the clinical setting, technology can reduce the likelihood that pressure injuries will form. Although these technologies often do not address or resolve the underlying primary causes of pressure injuries, such as immobility or increased pressure and shear forces, they can help the patient and/or caregiver optimize the patient’s conditions and the overall care plan. This is especially true when the patient’s environment is enhanced with materials that reduce moisture, friction, and shear.

[Tratto da: www.woundsource.com ]

Why Silver in Wound Care: Separating Fact from Fiction

Wound infection and biofilm continue to emerge as causes of wound chronicity. Innovative technologies that break down the complex microbial communities inherent in these wounds are important considerations in the treatment plan. Advanced antimicrobial wound dressings play key roles in managing wound exudate and optimizing the wound healing environment.

Ionic silver exhibits antimicrobial activity against a broad range of microorganisms. Silver has multiple sites of antimicrobial action on the target cells within the wound bed. This antimicrobial activity supports silver’s important role in controlling bioburden in wounds while potentially limiting the need for antibiotics and reducing the risk of development of antibiotic resistance.

Although silver has been used as a topical antimicrobial agent in wound care for hundreds of years, clinicians continue to be unclear about the element’s mode of action and the various forms of silver available within wound dressings. This program will review the history of silver’s use in wound care, its mode of action, and the various formulations of silver available in antimicrobial wound dressings.

Registrants attending this session will learn:

  • The history of silver’s use in wound care and the antimicrobial action of silver in wounds
  • How to separate fact from fiction regarding effects of silver, e.g., tissue staining, toxicity
  • Distinctions between silver antimicrobial dressing formulations and the impact on the dressing’s antimicrobial action in wounds
[Tratto da: www.woundsource.com ]

Infiammazione ma non come la conosci tu!

Parliamo molto dell’infiammazione della ferita e molti di voi saranno consapevoli del processo cellulare coinvolto nell’infiammazione cronica della ferita. Le metalloproteinasi della Matrice sollevate (MMP) e le citochine all’interno della ferita sono spesso viste come i colpevoli del perché le ferite non riescono a guarire.

Tuttavia, sei consapevole che l’ipertensione venosa aumenta questi stessi enzimi all’interno dei tessuti, sia che tu abbia una ferita o no?

Alla conferenza del Center of Interdisciplinary Research on Compression (CIRC) dell’ottobre 2019, Leanne Atkin e Alison Hopkins hanno avuto il piacere di ascoltare ricercatori ed esperti chiave in questo campo. Tutte le presentazioni hanno indicato la potente risposta all’infiammazione della gamba e dei tessuti in risposta all’ipertensione venosa gravitazionale.

Molti dei sintomi segnalati dai pazienti sono legati esclusivamente alla risposta infiammatoria: eczema, edema, lipodermatosclerosi, prurito, dolore e pesantezza. Questi sono tutti dovuti all’attivazione di un numero di marker infiammatori, inclusi MMP e citochine, proprio come in una ferita.

Quindi è eccitante sentire che la compressione ha un ruolo importante nel ridurre questi mediatori dell’infiammazione. È stato dimostrato che la terapia compressiva riduce MMP e citochine offrendo un’elevata azione antinfiammatoria. Quindi dimentica i farmaci antinfiammatori non steroidei: pensa invece a quale dose di compressione devi somministrare per creare un effetto antinfiammatorio.

La compressione del dosaggio deve essere personalizzata; dobbiamo allontanarci dal magico 40 mmHg, poiché per molti pazienti questa potrebbe non essere una dose abbastanza forte di trattamento antinfiammatorio.

Quindi è stato favoloso ascoltare gli esperti del CIRC che descrivono come questa risposta infiammatoria possa essere “disattivata” con una compressione efficace. Ma la realtà è che nel Regno Unito abbiamo un uso crescente di compressione subottimale o nulla. Ci rendiamo conto che la nostra pratica quotidiana è molto lontana da questa scienza emergente. Come possiamo colmare questa lacuna? Come possiamo mettere in cascata queste conoscenze e tradurle in benefici per i nostri pazienti e personale?

Dobbiamo cambiare la narrativa dal parlare di una ferita bloccata nello stadio infiammatorio a quella dell’arto bloccato anche lì? Ciò renderebbe più chiara la necessità di compressione per voi e i vostri pazienti?

Il compito per noi è garantire che tutti riconosciamo i cambiamenti della pelle venosa e l’edema come parte del processo infiammatorio. Siamo fortunati che a differenza di molte altre condizioni infiammatorie come l’artrite e il cancro, lo stimolo distruttivo può essere attivato e disattivato semplicemente in piedi / mentendo o mitigandolo con la dose appropriata di terapia compressiva. Quindi “spegnere l’infiammazione delle gambe” è un concetto di cui abbiamo bisogno per mettere le nostre teste e parole in giro; porta una forte enfasi sul ruolo della compressione come terapia, l’arte e l’applicazione tecnica da parte del medico e la dose individuale richiesta per i nostri pazienti.

La sfida per tutti noi è:

  • Riconosci che lo stato infiammatorio dell’arto deve essere attivamente ridotto
  • Titolare appropriatamente la dose di compressione per garantire una risposta antinfiammatoria
  • Comprendi che la terapia compressiva è una potente terapia potente, comprovata ed efficace

[Tratto da: www.legsmatter.org ]

Preparazione del paziente per la prevenzione degli infortuni da pressione

Con le popolazioni che invecchiano che affrontano condizioni mediche comorbide sempre più complesse accoppiate a polifarmacia e organismi multiresistenti, la guarigione delle ferite può spesso sembrare una battaglia in salita e senza fine. Ci sono spesso elementi che non possono essere dissipati e alcuni fattori saranno sempre al di fuori del controllo del paziente e del medico. Gli ostacoli che possono essere eliminati dovrebbero essere, ma a volte la conformità è una preoccupazione.

Conformità contro aderenza

Spesso gli operatori sanitari e gli operatori sanitari sono gli agenti di cambiamento o il catalizzatore per spostare il paziente o i membri della famiglia da uno stato di non conformità e stagnazione alla conformità e, si spera, alla guarigione delle ferite. Cominciamo con la parola conformità. La conformità è un termine obsoleto che insinua che il paziente deve conformarsi alle decisioni del fornitore di assistenza sanitaria. L’adesione ridefinisce davvero la relazione e riflette la scelta del paziente e la “libertà di decidere se adottare le raccomandazioni del fornitore e che la mancata osservanza non dovrebbe essere un motivo per focalizzare la colpa”. 1

Motivi della non aderenza al piano di prevenzione degli infortuni da pressione

Ci possono essere diversi motivi per cui un paziente non aderisce alla prevenzione delle lesioni da pressione o ai metodi di trattamento. Coloro che necessitano di assistenza per girare e riposizionare possono risentire della mancanza di autonomia e quindi rifiutare di consentire a un’infermiera di riposizionarli. Il più spesso possibile, spiegare a questi pazienti l’importanza della rotazione e del posizionamento per la prevenzione delle lesioni da pressione; documentare sempre tali conversazioni. Quei pazienti che hanno già sviluppato una lesione da pressione possono avere difficoltà ad aderire alla modifica del programma a causa del dolore associato. Ancora una volta, documentare il dolore del paziente e tutte le misure utilizzate per ridurre il dolore nel sito di medicazione. 2I professionisti della cura delle ferite hanno accesso a molte diverse opzioni di guarigione. Esistono numerosi sostituti della pelle, medicazioni, opzioni di debridement e molte modalità avanzate della ferita per incoraggiare la guarigione della ferita. Come specialisti delle ferite, dovremmo delineare le opzioni per i pazienti per consentire loro di sceglierne uno. Come parte della creazione di aderenza, è compito del clinico della ferita suggerire opzioni dal peggiore al migliore. È compito del paziente scegliere un’opzione, ma notare che non è necessario scegliere l’opzione migliore. A volte creare aderenza significa cambiare l’obiettivo. L’obiettivo potrebbe non essere sempre quello di guarire. A volte l’obiettivo è prevenire il peggioramento della ferita o il mantenimento del comfort del paziente.

Educazione alla prevenzione di lesioni da pressione

Per quanto riguarda l’educazione alle lesioni da pressione, la prevenzione è la migliore. Un modo per prevenire lesioni da pressione è mantenere il paziente in movimento ogni volta che è possibile. Maggiore è il movimento, migliore è il flusso sanguigno e migliore è la riduzione delle forze di taglio o di attrito. Mantenere la pelle pulita, asciutta e idratata è un ottimo modo per mantenerla sana . Gestisci il microclima permettendo l’evaporazione del sudore o impedendo all’incontinenza di raggiungere la pelle.

Indagare sulla causa di un infortunio da pressione

Se si è già sviluppata una lesione da pressione, provare a identificare il fattore precipitante. È seduto su una sedia a rotelle per troppo tempo? Forse il cuscino della sedia a rotelle deve essere sostituito o non è gonfiato al livello corretto. Non dimenticare di valutare le condizioni cliniche generali del paziente. Forse hanno avuto un aumento o una perdita di peso significativi. Forse una condizione metabolica sta riducendo la capacità della pelle di rimanere intatta. Se il paziente trascorre una notevole quantità di tempo a letto, valutare il materasso. Se non riesci a vedere il materasso di persona, forse il paziente farebbe una fotografia per rivederlo alla prossima visita.

Conclusione

Con un’assistenza basata sul valore, i pazienti hanno il potere di prendere il posto di guida mentre acquistano le loro cure sanitarie. È compito del professionista sanitario aiutare il guidatore a navigare nella road map medica che include opzioni per l’assistenza, la diagnosi, il trattamento e persino la scelta di un fornitore o specialista, in caso di necessità. 3 Più i nostri pazienti si sentono in controllo della propria salute, maggiore è il controllo che possono assumere, il che a sua volta garantisce l’adesione al piano di trattamento e all’obiettivo collettivo stabilito tra paziente e fornitore. Il desiderio dei pazienti di avere il controllo della propria salute è una grande strategia di prevenzione delle lesioni da pressione.

[Tratto da: www.woundsource.com ]

Classificazione e gestione delle ferite chirurgiche

Le ferite risultanti da procedure chirurgiche hanno molti punti in comune con ferite di altre eziologie. Tuttavia, ci sono alcune differenze notevoli nella loro classificazione, così come nelle pratiche di cura raccomandate che promuovono la guarigione di queste ferite. Nel comprendere queste differenze, è importante comprendere la classificazione delle ferite chirurgiche.

  • Ferite pulite: queste ferite non mostrano segni di infezione o infiammazione e il loro rischio di infezione è generalmente inferiore al 2%. Spesso coinvolgono la pelle, gli occhi o il sistema vascolare e non coinvolgono organi interni. 1
  • Ferite pulite: queste ferite non mostrano alcun segno esteriore di infezione, sebbene si verifichino durante le procedure che coinvolgono gli organi interni. Il rischio di sviluppare un’infezione del sito chirurgico (SSI) con questo tipo di ferita è generalmente inferiore al 10%. 1
  • Ferite contaminate: si tratta di ferite aperte e fresche che comportano la riparazione o la rimozione di un organo interno, il che significa che sangue o altri fluidi dall’organo possono versare nella ferita. Un esempio è qualsiasi intervento chirurgico che coinvolge il tratto gastrointestinale, che ha un alto rischio di infezione. Il rischio di infezione da questo tipo di ferita è approssimativamente dal 13% al 30%. 1
  • Ferite contaminate sporche: queste ferite presentano un’infezione già presente durante il periodo dell’intervento e il rischio di sviluppare una SSI con questo tipo di ferita è elevato, quasi al 40%. 1

Va anche notato che esiste una differenza tra ferite incisionali e ferite escissali. Le ferite incisive vengono create quando pelle, muscoli e grasso vengono incisi per riparare una parte del corpo. Le ferite escissali si verificano quando viene rimossa una cisti o un altro tipo di tessuto. Sebbene questi due tipi di ferite siano molto simili, c’è una differenza nella loro capacità di gestire la tensione. La minima tensione sulle ferite incisionali causerà l’allungamento dell’elastina e la fibbia del collagene, rivelando principalmente l’elastina. Con ferite da escissione nelle stesse circostanze, si verifica il contrario; il collagene si allunga e le fibbie di elastina. 2 Sebbene ciò non influisca sul tipo di cura richiesto da una ferita, ha implicazioni per la preminenza delle cicatrici per ciascun tipo di ferita. 2

Prendersi cura di una ferita chirurgica

A differenza di molte ferite traumatiche, le ferite chirurgiche sono realizzate con precisione in un’area pulita con tecniche che minimizzano il rischio di infezione. I chirurghi si sforzano anche di ridurre al minimo la quantità di traumi alla pelle circostante, al tessuto connettivo, ai vasi, ai nervi e agli organi interni. Come lesione pianificata, vi sono maggiori opportunità di ridurre al minimo i danni ai tessuti, controllare le complicanze come l’infezione e prevenire la deiscenza. 3 Questa pianificazione generalmente porta a migliori risultati di guarigione per la maggior parte dei pazienti; tuttavia, possono ancora verificarsi complicazioni come l’infezione. Il settantasette percento dei decessi nei pazienti chirurgici è correlato all’infezione, il che significa che la prevenzione dell’infezione è essenziale nella cura delle ferite post-chirurgiche. 3

Come per altre ferite, le ferite chirurgiche devono essere pulite secondo le indicazioni del medico e occorre prestare attenzione alle tecniche di cura speciali che potrebbero essere necessarie per diversi tipi di suture o punti. Le ferite devono essere vestite usando tecniche adeguate. Il tipo di medicazione selezionato è fondamentale per migliorare l’ambiente di guarigione dopo l’intervento chirurgico. Ad esempio, le medicazioni con idrogel sono comuni nel trattamento di ulcere da decubito, ustioni, abrasioni o lacerazioni cutanee, ma sono utilizzate meno frequentemente per i siti di incisione chirurgica. Le pellicole trasparenti vengono spesso utilizzate per i siti di incisione chirurgica chiusi e le medicazioni a base d’argento possono essere utilizzate su ferite ad alto rischio di infezione. 1

Dato l’alto rischio di sviluppare SSI dopo un’operazione, i medici svolgono spesso un ruolo attivo nella cura del paziente durante il ciclo di guarigione della ferita; questo può essere o meno il caso di altri tipi di ferite. Il coinvolgimento del medico inizia spesso con valutazioni preoperatorie per identificare e minimizzare qualsiasi fattore di rischio per il paziente. Condizioni come obesità, ipertensione, malnutrizione, uso di sostanze, età avanzata, diabete, fumo ed eccessivo carico biologico possono influire sull’integrità della pelle e sulla guarigione delle ferite. Riconoscere questi fattori di rischio è essenziale per sviluppare il piano di assistenza più efficace possibile. 3

Durante le fasi preoperatoria e postoperatoria, è anche importante riconoscere altri fattori che possono influenzare lo stato di guarigione, come i seguenti 3 :

  • Fattori correlati al paziente: comorbidità, allergie, farmaci, dolore, malattie
  • Fattori correlati alla ferita: dimensioni, infiammazione o infezione, sito, risposte al trattamento, ischemia
  • Fattori correlati agli operatori sanitari: abilità, conoscenza
  • Fattori relativi alle risorse e al trattamento: costo, disponibilità, efficacia, idoneità del trattamento

[Tratto da: www.woundsource.com ]

Prevenzione delle infezioni del sito chirurgico

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) definiscono un’infezione del sito chirurgico (SSI) come “un’infezione che si verifica dopo un intervento chirurgico nella parte del corpo in cui si è verificato l’intervento chirurgico”. 1 Il CDC continua affermando che l’infezione può essere superficiale coinvolgendo solo la pelle o possono verificarsi infezioni più gravi che coinvolgono strutture più profonde, come tessuti sotto la pelle, organi o dispositivi o materiali impiantati. Il CDC offre strumenti e linee guida per prevenire SSI e fornire istruzione al pubblico. L’istruzione pubblica include suggerimenti e consigli su come prevenire l’infezione dei siti chirurgici dei pazienti. Sebbene tali passaggi non possano sempre prevenire l’infezione di una ferita chirurgica, è sempre importante coinvolgere il paziente nelle cure postoperatorie.

Secondo le recenti statistiche pubblicate, circa dal 2% al 5% dei pazienti chirurgici svilupperà un SSI, che è fino a 300.000 persone ogni anno negli Stati Uniti. 2 Inoltre, le SSI rappresentano il 20% di tutte le infezioni acquisite in ospedale, rendendole la più comune e costosa di tutte le infezioni acquisite in ospedale. 2 SSI costano da $ 3,5 miliardi a $ 10 miliardi all’anno e aumentano la durata della degenza ospedaliera di 9,7 giorni. 2

Misure preventive di infezione del sito chirurgico per gli operatori sanitari

Vi sono diverse precauzioni raccomandate per gli operatori sanitari. Alcune di queste precauzioni sono state praticate per decenni, mentre altre stanno emergendo con prove a supporto delle linee guida. Pulire mani e braccia fino ai gomiti appena prima dell’intervento è una pratica comune da molti anni, così come lavarsi le mani con acqua e sapone prima e dopo la cura del paziente. Era pratica comune radersi tutti i capelli prima dell’intervento, con il pensiero che i capelli trasportassero batteri che potrebbero contaminare il sito chirurgico. Ora lo standard è quello di utilizzare un tagliaunghie elettrico se i capelli si trovano nelle immediate vicinanze dell’intervento chirurgico perché è più probabile che tagli e tagli possano ospitare batteri e creare un terreno fertile. Sono ancora necessari attrezzi speciali che possono includere copricapi, maschere, abiti, guanti o persino guanti doppi. La pulizia del sito chirurgico con sapone progettato per uccidere i batteri prima dell’intervento chirurgico è ancora uno standard di cura. Ci sono dibattiti in corso sulla somministrazione di antibiotici prima e dopo l’intervento chirurgico, nonché dibattiti e prove varie sui tempi degli antibiotici prima e dopo l’intervento chirurgico.1

Misure preventive di infezione del sito chirurgico per i pazienti

Esistono rischi modificabili che il paziente può anche provare a mitigare. Se i pazienti fumano, consiglia loro di smettere il prima possibile. I pazienti che fumano sono noti per avere più infezioni e complicanze post-operatorie rispetto ai non fumatori. Eventuali problemi medici devono essere segnalati al medico. I problemi di salute possono influire sulla chirurgia se non vengono gestiti correttamente.

Ricordare ai pazienti di non radersi prima dell’intervento chirurgico. La rasatura con qualsiasi tipo di rasoio può irritare la pelle, provocare tagli o tagli sulla pelle e facilitare lo sviluppo di un’infezione. Chiunque entri o esca dalla stanza dovrebbe lavarsi le mani o usare un detergente schiumogeno, inclusi operatori sanitari e visitatori. Inoltre, assicurarsi che anche il paziente si stia pulendo le mani, soprattutto dopo aver usato il bagno o durante le cure personali.

Segnala immediatamente i sintomi della febbre al chirurgo e osserva i sintomi dell’infezione nel sito chirurgico. I sintomi dell’infezione possono includere arrossamento, dolore, drenaggio, odore, febbre o malessere generale. 1

Prima che il paziente venga dimesso dalla struttura, dire loro se sono stati autorizzati o meno a fare il bagno. Se non sono ancora autorizzati a fare il bagno, fornire istruzioni sul modo migliore per mantenere l’igiene personale. Discutere anche quanti giorni dopo l’intervento chirurgico prima che il paziente possa fare la doccia. Se sono in grado di fare la doccia, significa anche che sono in grado di fare il bagno? Alcuni chirurghi possono consentire una doccia in cui l’acqua può scorrere sul sito chirurgico, ma non consentire il bagno in cui il paziente si immerge nella vasca per qualsiasi durata. Altri preferiscono che il paziente non faccia la doccia o il bagno fino a dopo l’appuntamento di follow-up.

Indicare se il paziente deve cambiare la medicazione (se esiste una medicazione). Se c’è una medicazione, dovrebbe rimanere in posizione fino alla visita di controllo? Questo è comune Cosa dovrebbe fare il paziente se la medicazione si stacca? Sono stati forniti con le forniture necessarie se lo fa? Con le medicazioni più lunghe sul mercato, è possibile avere la stessa medicazione in atto fino all’appuntamento successivo.

[Tratto da: www.woundsource.com ]18