Nanoparticelle di cheratina ricombinante dei capelli umani accelerano la guarigione delle ferite dermiche .

Negli ultimi anni, le favorevoli proprietà cicatrizzanti migliorate e l’eccellente biocompatibilità della cheratina derivata da capelli umani hanno attirato notevole attenzione. Le proteine ​​della cheratina ricombinante possono essere prodotte con la tecnologia del DNA ricombinante e avere una purezza più elevata della cheratina estratta. Tuttavia, le proprietà curative della ferita delle proteine ​​cheratiniche ricombinanti rimangono poco chiare. Qui, due cheratene di trichociti ricombinanti inclusa cheratina di capelli di tipo I umana 37 e cheratina di capelli di tipo umano 81 sono state espresse utilizzando un sistema di espressione batterica e sono state preparate nanoparticelle di cheratina ricombinante (RKNP) mediante un metodo di dispersione ultrasonica. Il peso molecolare, la purezza e le proprietà fisico-chimiche delle proteine ​​e delle nanoparticelle di cheratina ricombinanti sono stati valutati usando elettroforesi su gel, dicroismo circolare, spettrometria di massa e analisi SEM. I RKNP hanno significativamente migliorato la proliferazione e la migrazione cellulare in vitro e il trattamento delle ferite cutanee in vivo con RKNP ha portato a una guarigione migliorata delle ferite associata a una migliore epitelizzazione, vascolarizzazione e deposizione e rimodellamento del collagene. Inoltre, il test di biocompatibilità in vivo non ha rivelato alcuna tossicità sistemica. Nel complesso, questo lavoro dimostra che gli RKNP sono un candidato promettente per una migliore guarigione delle ferite e questo studio apre nuove prospettive per lo sviluppo di biomateriali cheratinici. il test di biocompatibilità in vivo non ha rivelato alcuna tossicità sistemica. Nel complesso, questo lavoro dimostra che gli RKNP sono un candidato promettente per una migliore guarigione delle ferite e questo studio apre nuove prospettive per lo sviluppo di biomateriali cheratinici. il test di biocompatibilità in vivo non ha rivelato alcuna tossicità sistemica. Nel complesso, questo lavoro dimostra che gli RKNP sono un candidato promettente per una migliore guarigione delle ferite e questo studio apre nuove prospettive per lo sviluppo di biomateriali cheratinici.

[Tratto da: www.bioportfolio.com ]07

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *