Riposizionamento per la prevenzione delle ulcere da decubito negli adulti

Un’ulcera da pressione (PU), indicata anche come “lesione da pressione”, “ulcere da pressione” o “piaghe da decubito” è definita come un’area di danno tissutale localizzato causata da forze di pressione, attrito o cesoiamento non esercitate su qualsiasi parte di il corpo. Le PU si presentano comunemente in pazienti anziani e meno mobili e comportano impatti umani ed economici significativi. L’immobilità e l’inattività fisica sono considerati fattori di rischio importanti per lo sviluppo di PU e il riposizionamento manuale dei pazienti in ospedale o di assistenza a lungo termine è una strategia comune di prevenzione delle ulcere da pressione.

Obiettivi

Gli obiettivi di questa revisione erano: 
1) valutare gli effetti del riposizionamento sulla prevenzione delle UdP negli adulti, indipendentemente dal rischio o dall’ambientazione del paziente; 
2) accertare i programmi di riposizionamento più efficaci per prevenire le PU negli adulti; e 
3) accertare le conseguenze in termini di risorse incrementali e i costi associati all’implementazione di regimi di riposizionamento diversi rispetto a programmi alternativi o prassi standard.

Metodi di ricerca

Abbiamo cercato i seguenti database elettronici per identificare i rapporti degli studi randomizzati controllati rilevanti: il registro specializzato del gruppo Cochrane Wounds (cercato il 6 settembre 2013), il Cochrane Central Register of Controlled Trials (CENTRAL) (2013, numero 8); Ovidio MEDLINE (dal 1948 ad agosto, Settimana 4, 2013); Ovid EMBASE (1974 – 2013, Settimana 35); EBESCO CINAHL (dal 1982 al 30 agosto 2013); e le sezioni di riferimento degli studi che sono stati inclusi nella revisione.

Criteri di selezione

Studi randomizzati controllati (RCT), pubblicati o non pubblicati, che hanno valutato gli effetti di qualsiasi programma di riposizionamento o di diverse posizioni del paziente e hanno misurato l’incidenza di PU in adulti in qualsiasi contesto.

Raccolta e analisi dei dati

Due autori di revisioni hanno condotto indipendentemente la selezione dello studio, il rischio di valutazione della bias e l’estrazione dei dati.

Risultati principali

Abbiamo incluso tre studi randomizzati e uno studio economico che rappresentano un totale di 502 partecipanti randomizzati provenienti da contesti di assistenza acuta ea lungo termine. Due studi hanno confrontato le posizioni di inclinazione di 30º e 90º utilizzando frequenze di riposizionamento simili (c’era una piccola differenza nella frequenza di riposizionamento notturno nei gruppi di inclinazione di 90º tra le prove). Il terzo RCT ha confrontato le frequenze di riposizionamento alternative.

Tutti e tre gli studi hanno riportato la percentuale di pazienti che hanno sviluppato PU di qualsiasi grado, stadio o categoria. Nessuno degli studi ha riportato sul dolore o sulla qualità della vita e solo uno riportato sui costi. Tutte e tre le prove erano ad alto rischio di parzialità.

Le due prove di inclinazione di 30 ° rispetto a 90 ° sono state raggruppate utilizzando un modello a effetti casuali (I² = 69%) (252 partecipanti). Il rapporto di rischio per lo sviluppo di un PU nell’inclinazione di 30 ° e la posizione standard di 90 ° era molto impreciso (raggruppamento di RR 0,62, IC 95% da 0,10 a 3,97, P = 0,62, prova di qualità molto bassa). Questo confronto è sottodimensionato e a rischio di un errore di tipo 2 (solo 21 eventi).

Nel terzo studio, uno studio randomizzato su cluster, i partecipanti sono stati randomizzati tra 2 ore e 3 ore di riposizionamento su materassi ospedalieri standard e 4 ore e 6 ore di riposizionamento su materassi in schiuma viscoelastica. Questo studio era anche sottodimensionato e ad alto rischio di parzialità. Il rapporto di rischio per le ulcere da pressione (qualsiasi categoria) con un riposizionamento di 2 ore rispetto al riposizionamento su 3 ore su un materasso standard era impreciso (RR 0,90, IC 95% da 0,69 a 1,16, evidenza di qualità molto bassa). Il rapporto di rischio per le ulcere da pressione (qualsiasi categoria) era compatibile con una forte riduzione e nessuna differenza tra riposizionamento su 4 ore e riposizionamento su schiuma viscoelastica ogni 6 ore (RR 0,73, IC 95% da 1,03 a 1,02, prova di qualità molto bassa).

Un’analisi costo-efficacia basata su dati derivati ​​da uno degli RCT paralleli inclusi rispetto al riposizionamento di 3 ore utilizzando l’inclinazione di 30º durante la notte con una cura standard consistente in un riposizionamento di 6 ore utilizzando la rotazione laterale a 90º durante la notte. In questa valutazione l’unico costo incluso era il tempo di allattamento. L’intervento è stato segnalato come un risparmio sui costi rispetto all’assistenza standard (costo del personale infermieristico per paziente € 206,6 rispetto a € 253,1, differenza incrementale € -46,5, IC 95%: € -1,25 a € -74,60).

Conclusioni degli autori

Il riposizionamento è parte integrante della prevenzione e del trattamento delle ulcere da pressione; ha una valida motivazione teorica ed è ampiamente raccomandato e utilizzato nella pratica. La mancanza di solide valutazioni della frequenza di riposizionamento e della posizione per la prevenzione delle ulcere da pressione significa che permane una grande incertezza, ma non significa che questi interventi siano inefficaci dal momento che tutti i confronti sono grossolanamente sottodimensionati. L’evidenza attuale è di piccolo volume e a rischio di parzialità e non vi sono attualmente prove evidenti di una riduzione delle ulcere da pressione con un’inclinazione di 30 ° rispetto alla posizione standard di 90 ° o una buona evidenza di un effetto della frequenza di riposizionamento. Vi è una chiara necessità di studi di alta qualità e adeguatamente motorizzati per valutare gli effetti della posizione e la frequenza ottimale di riposizionamento sull’incidenza delle ulcere da pressione.

I dati limitati derivati ​​da una valutazione economica indicano che non è chiaro se il riposizionamento ogni 3 ore utilizzando l’inclinazione di 30º sia meno costoso in termini di tempo di allattamento e più efficace rispetto all’assistenza standard che prevede il riposizionamento ogni 6 ore utilizzando un’inclinazione di 90º.

[Tratto da: www.cochranelibrary.com ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *