Idratare per la guarigione

Il concetto di guarigione delle ferite umide non è nuovo; Ricordo il paradigma dell’umido rispetto all’asciutto fino alla fine degli anni ’70. Da giovane infermiera, sono cresciuto nei giorni delle lampade antiacido e di calore. Abbiamo fatto le medicazioni umide a secco come standard di cura. Quando il lavoro di George Winter 1 e di altri iniziò a diffondersi, istruendo che le ferite mantenute con un livello ottimale di umidità si chiudevano più velocemente e fossero meno dolorose, iniziammo a vedere l’emergere di prodotti nello spazio di cura delle ferite per aiutarci a trattare in base alle nostre valutazione della ferita e il livello di essudato percepito. “Back to Basics” del mese scorso ha esplorato le opzioni per la gestione dell’essudato. Questo mese discuto delle opzioni per idratare la ferita che è secca o che si potrebbe involontariamente asciugare tra un cambio e l’altro.

La maggior parte delle medicazioni è progettata per assorbire o mantenere il livello ambientale dell’essudato della ferita. Pochi sono in grado di donare effettivamente l’umidità a una ferita asciutta, il che è probabilmente meno problematico delle ferite che si stanno scaricando. Un ostacolo che affrontiamo frequentemente è assicurarci di insegnare adeguatamente ai pazienti la necessità di mantenere umide le loro ferite. Spesso dobbiamo superare ciò che ci hanno insegnato le nostre madri, ovvero “Non raccogliere le tue croste” (scegliamo la maggior parte delle croste) e “Lascia che respiri un po ‘… deve respirare” (e conosciamo la risposta a questo).

Gli idrogel

Gli idrogel erano una delle prime medicazioni che offrivano l’opportunità di aggiungere umidità alla ferita. Gli idrogel a base di acqua o glicerina sono disponibili in 3 forme: amorfo (cioè a flusso libero), garza impregnata e fogli. Gli idrogel come classe sono indicati per tutti i tipi di ferite; forniscono umidità e facilitano lo sbrigliamento autolitico. Bisogna fare attenzione a confinarli nel letto della ferita per evitare la macerazione della cute perilesionale; inoltre, alcuni pazienti possono avvertire bruciore durante l’applicazione a seconda degli ingredienti. L’unica controindicazione è l’uso con ferite molto essudanti.

Gel amorfe. I gel amorfi sono probabilmente i più usati. Indicati per tutti i tipi di ferite, devono essere applicati sulla superficie della ferita e quindi coperti con una medicazione che previene l’asciugatura. Sebbene i gel generalmente amorfi vengano cambiati ogni giorno, la frequenza può essere ridotta se la medicazione secondaria non consente il flusso d’aria e la successiva evaporazione. Una semplice garza di confine o una crema di emulsione di olio ricoperta di garza di solito farà il trucco. I gel amorfi sono utilizzati principalmente per le ferite superficiali. Nelle ferite più profonde, il clinico può decidere di prendere in considerazione una garza impregnata o utilizzare un rivestimento di idrogel e impacchettare liberamente la garza inumidita per riempire lo spazio. Gli idrogel sono disponibili con vari additivi come argento, miele, collagene e particelle che possono consentire una minima quantità di assorbimento.

Garza impregnata. La garza con idrogel è disponibile in commercio pre-impregnato o puoi impregnare la tua garza; tuttavia, i prodotti disponibili in commercio sono supersaturi e probabilmente più efficaci.

Fogli. I fogli di idrogel sono idrogel che sono stati reticolati per formare un solido. Questa forma non fornisce inizialmente più umidità; piuttosto, fornisce l’umidità mentre si riscalda. I pazienti trovano questi molto lenitivo in presenza di infiammazione.

Ulteriori medicazioni uniche si adattano al letto della ferita a seconda delle necessità. Di conseguenza, dove la ferita è asciutta, donano l’umidità e dove sono bagnati assorbono. Un prodotto è descritto come dotato di “polimeri intelligenti” che rilevano le condizioni fisiche del tessuto sottostante e adattano la funzione locale per fornire un trattamento ottimale per tutte le diverse zone della ferita contemporaneamente. 2

Moist Gauze Packing

L’uso di una garza umida è una fonte di continua discussione e non deve essere confuso con “da bagnato a secco”, da “umido a secco” o “da umido a umido”. La garza viene raramente inserita in una ferita “bagnata” – i medici strizzano fuori la maggior parte della soluzione gocciolante prima di metterla nella ferita. Gli usi appropriati per il confezionamento di garze umide in ferite aperte includono, a titolo esemplificativo ma non esaustivo:

  • Come fonte di umidità e per riempire lo spazio su altri prodotti o farmaci come idrogel, collagenasi o becaplermin;
  • Per le cure palliative fintanto che la rimozione non è dolorosa; e
  • Per la consegna di soluzioni per la riduzione a breve termine dell’odore; ridurre la crescita batterica nelle ferite infette e necrotiche; o come procedura di temporizzazione per un breve periodo di tempo.

Wet-to-dry Dressings

L’uso di uno strato di garza, asciugato e aderito a una superficie della ferita, per sollevare meccanicamente il tessuto necrotico è un metodo arcaico di debridement della ferita che nella maggior parte dei casi è inappropriato. I fatti che supportano questa inappropriateness includono:

  • I medici spesso nascondono dietro il concetto di “garza umidificata” o “umido per umido” per sentirsi meglio sul confezionamento di una ferita con garza come medicazione primaria. La garza tessuta è fatta di fibre di cotone che vengono trasformate in ciocche e attorcigliate per realizzare fili. I fili sono poi tessuti per fare garza di cotone. Mentre il singolo strato di garza poggia sulla base della ferita, gli essudati vengono tirati su e intorno alle torsioni dei fili, incorporando anche garza umida nei tessuti e causando traumi dopo la rimozione.
  • La garza è una povera barriera alla contaminazione esterna. È stato scoperto che i batteri hanno la capacità di penetrare 64 strati di garza. 4
  • Se qualcuno ha la sensazione, le medicazioni wet-to-dry sono dolorose.
  • La maggior parte delle linee guida raccomandano di evitare le medicazioni wet-to-dry e di descriverle come cure di qualità inferiore. 5-7
  • Le medicazioni wet-to-dry sono erroneamente considerate come un risparmio sui costi. Quando si considerano i costi del tempo di allattamento e il tempo di guarigione, queste medicazioni sono più costose per il paziente e per il sistema.
  • Anche se la soluzione salina normale è isotonica, poiché l’acqua evapora da una medicazione salina diventa ipertonica. Il liquido avvolto viene quindi tirato nella medicazione nel tentativo di ristabilire l’isotonicità, ma non è acqua e asciuga ulteriormente la superficie della ferita 8
  • Le agenzie di regolamentazione possono prendere in considerazione l’uso prolungato delle medicazioni umide e asciutte, con alcune eccezioni. Se queste medicazioni sono usate, questo dovrebbe essere ben documentato, in particolare nelle cure a lungo termine.

Qualche altra idea sull’uso della garza nelle ferite:

  • Ogni volta che si utilizza una garza umida per l’imballaggio delle ferite, deve essere rigonfiato e imballato liberamente nello spazio. Non riempire eccessivamente; questo può causare traumi se utilizzato su un’area o area di carico in compressione.
  • Per ferite di grandi dimensioni e / o tunneling o scollamento, è preferibile utilizzare una garza di cotone come impacco continuo con una quantità adeguata al di fuori della ferita per evitare la perdita o la ritenzione della medicazione nella ferita.

La seguente analogia riassume l’importanza di garantire un ambiente umido per la guarigione delle ferite. Abbiamo un cucciolo di 5 mesi di nome Maggie (foto disponibili su richiesta!). Quando la portammo a casa per la prima volta, temevamo che non stesse bevendo abbastanza acqua. Ora mi rendo conto con sensi colpevoli che la sua ciotola d’acqua è vuota. Che cosa ha a che fare con la gestione delle ferite? La piccola Maggie dipende dalla nostra attenzione ai dettagli per assicurarsi che lei abbia ciò di cui ha bisogno per rimanere idratato. Vedete dove sto andando con questo – dobbiamo prendere buone decisioni per le ferite che ci preoccupiamo di confermare che hanno il livello ottimale di umidità per la salute cellulare.

[Tratto da: www.o-wm.com ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: