Che cos’è una cisti pilonidale?

Una cisti pilonidale è una cisti simile a un brufolo tipicamente situata nella regione sacrococcigea del corpo, di solito vicino alla parte superiore della fessura intergluteo (nota anche come la fessura natale). Raramente, anche le cisti pilonidali possono manifestarsi tra le cifre. 1 Questa condizione comune si riscontra più frequentemente negli uomini di età compresa tra 16 e 24 anni. Il nome “pilonidale” deriva dal latino e significa letteralmente “nido di capelli” perché questa condizione coinvolge spesso un follicolo pilifero. La fossa della cisti pilonidale contiene detriti di cute e capelli che producono una reazione di corpo estraneo, con conseguente infiammazione e dolore localizzati.

Cause delle cisti pilonidali

Esistono due categorie di cisti pilonidali: acquisite e congenite. La malattia pilonidale congenita è il risultato di un difetto presente alla nascita. Le condizioni pilonidali acquisite sono il risultato di peli incarniti, peli estranei che entrano in un follicolo pilifero o traumi nell’area del corpo. La causa esatta delle cisti pilonidali non è nota, ma si ritiene che siano causate da peli sciolti che premono sulla pelle per attrito indotto dai vestiti.

Una volta questa condizione era considerata estremamente comune, manifestandosi nei militari durante la seconda guerra mondiale. Le lunghe ore trascorse in sella a veicoli su terreni accidentati potrebbero finire con infezioni da schisi natali , guadagnando cisti pilonidali con il soprannome di “malattia della jeep”. 2 I toelettatori e i parrucchieri sono a maggior rischio a causa della loro esposizione ai capelli tagliati che possono incorporarsi nei follicoli piliferi delle mani. 1

Fattori di rischio per le cisti pilonidali
Esistono numerosi fattori che aumentano la probabilità di sviluppare una cisti pilonidale, tra cui:

  • Genere maschile
  • Da pubescente a giovane età adulta
  • Predisposizione genetica ad acne, bolle, follicolite e cisti sebacee
  • Una notevole quantità di crescita dei peli corporei nell’area; consistenza rigida dei capelli
  • Esposizione a peli estranei (come nei toelettatura dei cani e nei parrucchieri)
  • Lesione traumatica alla zona coccigea
  • Seduta prolungata derivante da attività lavorativa o di svago (ciclismo, equitazione o guida su lunghe distanze)

Sintomi delle cisti pilonidali Le
cisti pilonidali si manifestano generalmente come brufoli ma possono avere una varietà di dimensioni e forme. I sintomi dello sviluppo di infezione in una cisti pilonidale includono:

  • Infiammazione, dolore, arrossamento e gonfiore
  • Drenaggio di pus o sangue dall’area infiammata
  • Un odore sgradevole che accompagna il pus
  • Febbre

Complicanze delle cisti
pilonidali Una volta infettata, una cisti pilonidale viene definita ascesso pilonidale e dovrà essere risolta per il trattamento. Un ascesso pilonidale infetto avrà tipicamente un drenaggio purulento cronico dall’apertura, che appare come una piccola fossetta sulla superficie della pelle. Tale infezione può essere estremamente dolorosa.

Trattamento delle cisti pilonidali

Una cisti pilonidale infetta può essere trattata in diversi modi. Gli antibiotici da soli sono inefficaci per la chiusura del tratto del seno. I farmaci antinfiammatori da banco possono aiutare ad alleviare il dolore. Impacchi caldi e umidi applicati più volte al giorno direttamente sulla cisti possono alleviare i sintomi facilitando il drenaggio. Immergersi in un bagno caldo (o bagno sitz) può avere un effetto simile. 3

L’unico modo per eliminare le cisti pilonidali è attraverso procedure che eliminano permanentemente il tratto sinusale. Una di queste procedure chirurgiche minori prevede la puntura e il drenaggio dell’area infetta. Durante questa procedura, i capelli e i follicoli offensivi vengono rimossi e l’incisione viene lasciata aperta e imballata con una garza sterile. La ferita risultante richiederà circa tre settimane per guarire e nel frattempo la medicazione deve essere cambiata regolarmente. 3

L’ablazione endoscopica del seno pilonidale è una procedura meno invasiva e non cicatrizzante che prevede l’irrigazione del seno, la rimozione di peli e detriti e quindi cauterizzazione dell’apertura. Questa è una scelta ottimale rispetto alle operazioni più invasive in termini di tempo di guarigione. 4

Una cistectomia pilonidale è una procedura raccomandata in caso di recidiva. Questo intervento chirurgico, eseguito con il paziente in anestesia generale, rimuove completamente la cisti e i tratti del seno pilonidale. La guarigione completa da una cistectomia richiederà da uno a tre mesi, con attività regolari riprese entro due o quattro settimane. Il tasso di recidiva per le cisti pilonidali è di circa il 30%, motivo per cui le misure preventive sono importanti. 3

Prevenzione delle cisti pilonidali
Per le persone ad alto rischio di sviluppare cisti pilonidali, esistono alcuni modi per ridurre le possibilità di sviluppo o recidiva di cisti. Questi includono:

  • Mantenere l’area della fessura natale pulita e asciutta
  • Rimozione dei peli che crescono vicino a quest’area
  • Evitare di stare seduti per lunghi periodi di tempo
  • Perdere peso

[Tratto da: www.woundsource.com ]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *