Prevenzione delle infezioni del sito chirurgico

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) definiscono un’infezione del sito chirurgico (SSI) come “un’infezione che si verifica dopo un intervento chirurgico nella parte del corpo in cui si è verificato l’intervento chirurgico”. 1 Il CDC continua affermando che l’infezione può essere superficiale coinvolgendo solo la pelle o possono verificarsi infezioni più gravi che coinvolgono strutture più profonde, come tessuti sotto la pelle, organi o dispositivi o materiali impiantati. Il CDC offre strumenti e linee guida per prevenire SSI e fornire istruzione al pubblico. L’istruzione pubblica include suggerimenti e consigli su come prevenire l’infezione dei siti chirurgici dei pazienti. Sebbene tali passaggi non possano sempre prevenire l’infezione di una ferita chirurgica, è sempre importante coinvolgere il paziente nelle cure postoperatorie.

Secondo le recenti statistiche pubblicate, circa dal 2% al 5% dei pazienti chirurgici svilupperà un SSI, che è fino a 300.000 persone ogni anno negli Stati Uniti. 2 Inoltre, le SSI rappresentano il 20% di tutte le infezioni acquisite in ospedale, rendendole la più comune e costosa di tutte le infezioni acquisite in ospedale. 2 SSI costano da $ 3,5 miliardi a $ 10 miliardi all’anno e aumentano la durata della degenza ospedaliera di 9,7 giorni. 2

Misure preventive di infezione del sito chirurgico per gli operatori sanitari

Vi sono diverse precauzioni raccomandate per gli operatori sanitari. Alcune di queste precauzioni sono state praticate per decenni, mentre altre stanno emergendo con prove a supporto delle linee guida. Pulire mani e braccia fino ai gomiti appena prima dell’intervento è una pratica comune da molti anni, così come lavarsi le mani con acqua e sapone prima e dopo la cura del paziente. Era pratica comune radersi tutti i capelli prima dell’intervento, con il pensiero che i capelli trasportassero batteri che potrebbero contaminare il sito chirurgico. Ora lo standard è quello di utilizzare un tagliaunghie elettrico se i capelli si trovano nelle immediate vicinanze dell’intervento chirurgico perché è più probabile che tagli e tagli possano ospitare batteri e creare un terreno fertile. Sono ancora necessari attrezzi speciali che possono includere copricapi, maschere, abiti, guanti o persino guanti doppi. La pulizia del sito chirurgico con sapone progettato per uccidere i batteri prima dell’intervento chirurgico è ancora uno standard di cura. Ci sono dibattiti in corso sulla somministrazione di antibiotici prima e dopo l’intervento chirurgico, nonché dibattiti e prove varie sui tempi degli antibiotici prima e dopo l’intervento chirurgico.1

Misure preventive di infezione del sito chirurgico per i pazienti

Esistono rischi modificabili che il paziente può anche provare a mitigare. Se i pazienti fumano, consiglia loro di smettere il prima possibile. I pazienti che fumano sono noti per avere più infezioni e complicanze post-operatorie rispetto ai non fumatori. Eventuali problemi medici devono essere segnalati al medico. I problemi di salute possono influire sulla chirurgia se non vengono gestiti correttamente.

Ricordare ai pazienti di non radersi prima dell’intervento chirurgico. La rasatura con qualsiasi tipo di rasoio può irritare la pelle, provocare tagli o tagli sulla pelle e facilitare lo sviluppo di un’infezione. Chiunque entri o esca dalla stanza dovrebbe lavarsi le mani o usare un detergente schiumogeno, inclusi operatori sanitari e visitatori. Inoltre, assicurarsi che anche il paziente si stia pulendo le mani, soprattutto dopo aver usato il bagno o durante le cure personali.

Segnala immediatamente i sintomi della febbre al chirurgo e osserva i sintomi dell’infezione nel sito chirurgico. I sintomi dell’infezione possono includere arrossamento, dolore, drenaggio, odore, febbre o malessere generale. 1

Prima che il paziente venga dimesso dalla struttura, dire loro se sono stati autorizzati o meno a fare il bagno. Se non sono ancora autorizzati a fare il bagno, fornire istruzioni sul modo migliore per mantenere l’igiene personale. Discutere anche quanti giorni dopo l’intervento chirurgico prima che il paziente possa fare la doccia. Se sono in grado di fare la doccia, significa anche che sono in grado di fare il bagno? Alcuni chirurghi possono consentire una doccia in cui l’acqua può scorrere sul sito chirurgico, ma non consentire il bagno in cui il paziente si immerge nella vasca per qualsiasi durata. Altri preferiscono che il paziente non faccia la doccia o il bagno fino a dopo l’appuntamento di follow-up.

Indicare se il paziente deve cambiare la medicazione (se esiste una medicazione). Se c’è una medicazione, dovrebbe rimanere in posizione fino alla visita di controllo? Questo è comune Cosa dovrebbe fare il paziente se la medicazione si stacca? Sono stati forniti con le forniture necessarie se lo fa? Con le medicazioni più lunghe sul mercato, è possibile avere la stessa medicazione in atto fino all’appuntamento successivo.

[Tratto da: www.woundsource.com ]18

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *