Conferenza sulla prevenzione delle lesioni da pressione 26 Giugno 2019

Conferenza sulla prevenzione delle lesioni da pressione

26  Giugno 2019,  presso l’Auditorium di S. Paolo del IRCCS Bambino Gesù di Roma, inserita nel contesto del Congresso INoEA.

La partecipazione Infermieristica è gratuita.

Per il programma basta cliccare sul link:

http://www.aislec.it/news/inoeainpat-fate-eat-2019-conferenza-sulla-prevenzione-delle-lesioni-da-pressione/

 

 

QUELLA PIAGA DI LESIONE

Rispettare i ritmi e l’attività del malato è un’ottima regola per capire come curarlo e mantenerlo in buona salute, anche dopo le dimissioni dall’ospedale”.

di: Ivan Santoro Infermiere Coordinatore esperto in Wound Care

Prefazione di Alessandra Vernacchia Infermiera Forense specializzata in Wound Care.

Dopo il primo opuscolo del 2007

Oggi è possibile scaricare l’ebook gratuito qui !

Ringrazio la redazione di ACN, per l’opportunità e alla collega e amica Alessandra Vernacchia per il supporto e la dettagliata prefazione.

E’ un opuscolo semplice e intuitivo per gli addetti ai lavori, o per colleghi che si avvicinano al vasto mondo del Wound Care e per le famiglie che molte volte si affidano a fattucchieri dell’ultimo minuto nella prevenzione e nella cura delle lesioni cutanee.

Scaricate e dateci dei feedbacks tanto è GRATIS!

Lesioni cutanee, il progetto della Asl Toscana sud est è di livello mondiale „Lesioni cutanee, il progetto della Asl Toscana sud est è di livello mondiale“.

Un riconoscimento di livello mondiale, che conferma l’eccellenza della sanità toscana per la “Rete delle lesioni cutanee” della Asl Toscana sud est. E’ arrivato dal “Journal of Wound Care”, una delle riviste scientifiche più autorevoli del settore. Lo scorso 1  marzo Sara Sandroni, Responsabile della Rete Lesioni Cutanee della Asl Toscana sud est, alla presenza di professionisti di tutto il mondo,  ha ritirato il premio per la “Gestione costo-efficacia nel trattamento delle lesioni cutanee” alla Banking Hall di Londra. Qui, ogni anno vengono consegnati riconoscimenti in base alla selezione operata dalla giuria tra un ampio dettaglio di progetti relativi alle lesioni cutanee.

“Con estrema gratificazione e soddisfazione ho ritirato questo premio che è frutto dell’impegno costante di tutti i professionisti che, ogni giorno a livello ospedaliero ma soprattutto territoriale, effettuano prese in cura complessa e trattamento di oltre 1000 assistiti portatori di lesioni cutanee – dichiara Sara Sandroni – Voglio ringraziare la Direzione Aziendale ed Infermieristica che ci ha dato i mezzi per conseguire questo risultato e tutti i miei collaboratori che, con impegno capacità e dedizione, hanno contribuito a questo traguardo che rappresenta tutto quello che ogni giorno mettiamo in pratica”. “Il premio ritirato da Sara – commenta Lorenzo Baragatti, direttore del Dipartimento delle professioni infermieristiche e ostetriche – riempie di orgoglio tutta la nostra comunità professionale e ci spinge fortemente a continuare sulla strada intrapresa all’interno della nuova organizzazione del Dipartimento, per la valorizzazione delle nostre competenze e la diffusione dell’expertise. L’obiettivo è di rendere una sempre migliore assistenza ai nostri cittadini. La dr.ssa Sara Sandroni rappresenta una vera e propria eccellenza aziendale, nazionale ed internazionale, nell’ambito delle lesioni cutanee e in qualità di responsabile della rete infermieristica aziendale contribuirà ancora di più ad apportare valore in questo ambito. Brava Sara!
[Tratto da: www.arezzonotizie.it ]

Il dito nella piaga compie 1 anno…

Ebbene sì! “Il dito nella piaga” compie un anno (circa 8000 contatti unici)… Un progetto nato in sordina, ma con la consapevolezza di poter fornire un aiuto ai colleghi e condividere con altri professionisti la nostra passione. Ringraziamo tutti i lettori e le lettrici per gli attestati di stima, le critiche costruttive e i consigli che ci hanno inviato, sperando di garantire con il passare del tempo una corretta informazione e infondere il nostro amore per il nostro lavoro.

Vi aspettiamo sempre più numerosi/e.

Grazie

Lo staff.

Nuovo Ambulatorio Infermieristico Vulnologico in Romania

Dopo un’esperienza italiana durata circa 15 anni nel territorio bergamasco, la collega Infermiera Coordinatrice specializzata in Wound Care Dott.ssa Nela Stiubei ha coronato il suo sogno, cioè aprire il nuovo e unico Ambulatorio Infermieristico Vulnologico in Romania.

Sono estremamente felice di pubblicare la sua prima locandina, augurandole un futuro ricco di successi professionali.

Dott.ssa Nela Stiubei

SC. WOUND CARE SRL

CABINET DE VULNOLOGIE din latină vulnus – plagă / rană

,,Noi avem grijă de plăgile dumneavoastră!”


Vulnologia este o ramură a medicinei, recunoscută la nivel mondial care se ocupă cu procesele de reparare a țesutului și prin urmare se ocupă cu tratarea ulcerelor cronice ( picior diabetic, ulcer varicos, arteriopatic etc.), escare și răni deschise care necesită o îngriire specială.

Ce este vizita vulnologică?

Vizita Vulnologică este primul moment de contact cu pacientul purtător de răni cronice .

Identificarea si depăsirea barierelor de vindecare a plăgilor cronice este esentială pentru stabilirea unui tratament corect.

Se efectuează o evaluare aprofundată a plăgilor, inclusiv analiza holistică a stării de sănătate a pacientului, evaluarea locală a caracteristicilor plăgii și istoricul.

Analiza acestor factori, ajută la stabilirea unui tratament adecvat (produse si tehnici) pentru a obține vindecarea rapidă a plăgilor.

În timpul vizitei vulnologice, leziunea este pusă în scenă, fotografiată, masurată și clasificată, după care va urma implementarea schemei terapeutice cu pansamente inteligente, respectând protocoalele internationale.

Ce sunt plăgile?

Plaga reprezintă o discontinuitate la nivelul pielii; o lipsă de țesut.

O plagă ușoară, precum o tăietură, o julitură sau o arsură, se vindecă de obicei intr-un interval de 2-4 săptămâni. Acest lucru este valabil pentru majoritatea plăgilor, datorită capacitatii de regenerare a țesuturilor. Acestea sunt plăgi acute.

Plăgile care nu se vindecă timp de șase săptămâni sunt considerate cronice. Plăgile cronice au o varietate de cauze, inclusiv probleme circulatorii, diabet sau infecții. Printre cei mai întâlniți factori ce pot duce la o vindecare greoaie sau întarziată a plăgii, se numără: diabetul, bolile cardiace, circulația sangvină, deficitară (venoasă sau arterială), imobilizarea prelungită, infecțiile, fumatul, vârsta, etc.

Ce sunt şi cum acţionează pansamentele inteligente (hidroactive)?

Acțiunea pansamentelor inteligente (hidroactive), se bazează pe crearea la nivelul rănii a unui mediu umed echilibrat, favorabil regenerării ţesutului şi închiderii rănii. Pansamentele nu conţin substanţe medicamentoase şi nu provoacă alergii, acţiunea lor bazându-se pe principii fizice, proprii structurii şi materialului component.

Care este diferenţa dintre tratamentul tradiţional al plăgilor şi tratamentul cu pansamente hidroactive?

Tratamentul tradiţional al plăgilor cronice, are la bază curăţarea cu apă oxigenată, cloramină şi utilizarea în scop terapeutic a preparatelor pe bază de nitrat de Ag, acid boric, hidrocortizon, etc. Deşi sunt foarte ieftine, metodele tradiţionale necesită tratament de lungă durată care duce în final la atingerea unor costuri ridicate şi în mare parte din cazuri, plăile nu au o evoluție favorabilă, prelungind suferința pacientului. Faţă de metodele convenţionale, tratamentul modern creşte confortul pacientului, datorită atenuării durerii la nivelul plăgii, schimbului atraumatic al pansamentului (pansamentele inteligente nu se lipesc de plagă), reducerii riscului de reacţii alergice. Totodată, posibilitatea efectuării tratamentului la domiciliu, duce la scăderea costurilor spitaliceşti.

Rata medie de vindecare cu metodele tradiționale durează ani, iar în cazul tratamentului inteligent 3-4 luni.

Pansamentele utilizate în tratamentul modern, au la bază principiul hidroactiv, asigurând condiţii optime pentru toate cele trei stadii de vindecare a plăgii:

  1. Faza de curăţare, plaga este de cele mai multe ori încărcată cu microbi, resturi celulare, secreţii fibrinoase şi exsudat în exces;
  2. Stimularea formării celulelor noi (granulaţia);
  3. Închiderea plăgii (epitelizarea).

Se impune utilizarea mai multor tipuri de pansamente, pentru fiecare fază din procesul de vindecare. Alegerea pansamentului corespunzător, reprezintă punctul-cheie pentru succesul tratamentului, selecţia făcându-se în funcţie de aspectul plăgii şi implicit de stadiul în care se află acesta.
De reținut este faptul că succesul terapeutic este posibil numai prin alegerea corectă a pansamentului, corespunzător aspectului ulcerului.

Cabinetuleste dotat cu aparatură de ultimă generație:

  • aparat pentru screening vascular, ( în cadrul acestei investigatii se anlizează venele și arterele mari ale căror probleme cauzează afecțiuni cu consecințe grave, ex. AVC, amputații sau moarte).
  • aparat pentru debridare cu ultrasunete;
  • micromotor pentru pedichiură medicală;
  • unitate tratament cu 3 motoare;
  • autoclav ( aparat de sterilizat);
  • masă tratament cu infraroșu, pentru păstrarea în siguranță a materialelor sterile;
  • lampă Led;
  • cântar compoziție corporală.

SERVICII:

  • Educația specifică petru prevenirea escarelor si a leziunilor de orice tip;
  • Țestul indice gleznă – braț: boala arterială periferică (BAP),
  • Realizarea de tratamente conservative și aplicarea pansamentelor specifice, inteligente si de ultimă generație;
  • Terapia compresivă (reprezintă tratamentul de baza al insuficienței venoase cronice, incluzând ulcerul varicos);
  • Realizarea operațiunilor de debridare a ulcerațiilor (înlaturarea țesuturilor moarte);
  • Îndrumarea paciențiilor către alte specialitati medicale (dermatologie, chirurgie si chirurgie vasculară), atunci când există complicații;
  • Pedichiură medicală.
  • Măsurarea funcțiilor vitale (tensiune arterială, glicemie, colesterol);
  • Injectii intramuscolare, intravenose, perfuzii etc.
  • Masurarea IMC (indice de masă corporală).
  • Analiza precisă a corpului prin intermediul tehnologiei BIA/ IMC.
  • Nutriție dietă și stil de viată;
  • Tratament la domiciliu la cererea pacientului.

îNGRIJIREA TA – PASIUNEA MEA”

Programări se fac la :

Tel: 0738 497 732 sau 0761 724 550

E-mail: nela.woundcare@gmail.com

Site: www.carewound.ro

HARTA:

Strada Anghel Saligny, Bl. 2K, Cabinet 3

Alba Iulia

 Locandina scaricabile qui sotto:


         “Ci prendiamo cura delle tue ferite!”

   Vulnologia è una branca della medicina, riconosciuto a livello mondiale che fare con i processi di riparazione dei tessuti e quindi si occupa del trattamento delle ulcere croniche (piede diabetico, ulcere varicose, arteriosa, ecc), piaghe da decubito e ferite aperte che richiedono nutrito speciale .
  Che cos’è una visita vulnologica?
  visita Vulnologică è il primo momento di contatto con il paziente tenendo ferite croniche.
Identificare e superare le barriere per la guarigione delle ferite croniche è essenziale stabilire un trattamento equo.
Eseguire una valutazione approfondita delle ferite, compresa l’analisi della salute olistica del paziente, valutazione delle caratteristiche della ferita locali e la storia.
L’analisi di questi fattori, aiuta a stabilire un corretto trattamento (prodotti e tecniche) per ottenere la rapida guarigione delle ferite.
Durante la lesione visita vulnologice va in scena, fotografato, misurato e classificate, che sarà seguita da realizzazione del regime spogliatoio intelligente rispettando protocolli internazionali.
Quali sono le piaghe?

Plaga è una discontinuità nella pelle; una mancanza di tessuto
Una leggera ferita, come un taglio, un graffio o una bruciatura, di solito guariscono entro un periodo di 2-4 settimane. Questo è vero per la maggior parte delle ferite dovute alla capacità di rigenerazione dei tessuti. Queste sono ferite acute.
Le ferite non cicatrizzate per sei settimane sono considerate croniche. Le ferite croniche sono una varietà di cause, tra cui problemi circolatori, il diabete o infezione. Tra i più comuni fattori possono portare a rallentare o ritardata guarigione delle ferite comprendono: diabete, malattie cardiache, la circolazione del sangue, scarsa (venosi o arteriosi), immobilizzazione prolungata, infezioni, fumo, età, etc.

Cosa sono e come funzionano le medicazioni intelligenti (idroattive)?
 Azione medicazione intelligente (idroattive) si basa sulla ferita creando un ambiente umido equilibrato favorevole alla rigenerazione dei tessuti e la chiusura della ferita. Le medicazioni non contengono sostanze medicinali e non causano allergie, la loro azione basata su principi fisici, il suo materiale struttura e dei componenti.

  Qual è la differenza tra il trattamento tradizionale di ferite e condimenti trattamento idroattive?
tradizionale trattamento delle ferite croniche si riferiscono al lavaggio con acqua ossigenata, cloramina, e l’uso terapeutico dei preparati di nitrato di Ag, acido borico, idrocortisone, etc. Anche se, i metodi tradizionali molto economici richiedono un trattamento a lungo termine che porta in ultima analisi, di ottenere costi elevati e in gran parte dei casi, i pagamenti hanno uno sviluppo positivo, prolungando il paziente sofferente. Rispetto ai metodi convenzionali, moderno trattamento aumenta il comfort del paziente, l’alleviamento del dolore nella ferita, la medicazione di scambio atraumatica (intelligenti condimenti non si attaccano alla ferita), per ridurre il rischio di reazioni allergiche. Tuttavia, la possibilità di effettuare la terapia domiciliare porta a una riduzione dei costi ospedalieri.

I metodi tradizionali di guarigione medio prendono anni, e se il trattamento intelligente 3-4 mesi.
Le medicazioni utilizzate nel trattamento moderno, sulla base del principio idroattive fornire le condizioni ottimali per tutte e tre le fasi di guarigione della ferita:

  1. La fase di pulizia, la ferita è il più spesso carico di microbi, detriti cellulari, e essudato fibrinoso in secrezioni in eccesso;
  2. Stimolazione della nuova formazione cellulare (granulazione);
  3. Chiusura della ferita (epitelizzazione).

Si richiede l’uso di diversi tipi di condimenti, per ogni fase del processo di guarigione. La scelta della medicazione modo appropriato è il punto fondamentale per il successo del trattamento, la selezione essendo fatto da comparsa delle ferite e stato predefinito in cui si trova.
   Ricordare è che il successo terapeutico è possibile solo attraverso la corretta scelta di vestire in modo appropriato comparsa dell’ulcera.
 Il cabinet è dotato di attrezzature all’avanguardia:
Macchina per lo screening vascolare (come parte di questa indagine sta analizzando grandi vene e arterie cui malattia provoca problemi con gravi conseguenze, ad es. ictus, amputazione o morte).
apparecchi di sbrigliamento ad ultrasuoni;
micromotore per pedicure medica;
unità di trattamento con 3 motori;
autoclave (sterilizzatore);
trattamento di m
assa con infrarossi, per la conservazione in sicurezza di materiali sterili;
Lampada a led;
pesare la composizione corporea.

SERVIZI:

 Educazione specifica per prevenire fuga e lesioni di qualsiasi tipo;

Indice della caviglia: malattia arteriosa periferica (BAP)
Creare trattamenti conservativi e applicare bende specifiche, intelligenti e all’avanguardia;
Terapia compressiva (rappresenta il trattamento di base dell’insufficienza venosa cronica, compresa l’ulcera varicosa);
Esecuzione di operazioni di debridement dell’ulcera (rimozione di tessuti morti);
Guida pazienti ad altre specialità mediche (dermatologia, chirurgia e chirurgia vascolare) quando ci sono complicazioni;
Pedicure medica
Misurazione delle funzioni vitali (pressione sanguigna, glicemia, colesterolo);
Iniezioni intramuscolari, endovenose, per infusione, ecc.
Misurazione dell’IMC (indice di massa corporea).
Analisi accurata del corpo tramite tecnologia BIA / IMC.
Dieta alimentare e stile di vita;
Trattamento domiciliare su richiesta del paziente.

             “IL TUO AVVERTIMENTO – LA MIA PASSIONE”

   
Gli orari sono fatti a:
Tel: 0738 497 732 o 0761 724 550
E-mail: nela.woundcare@gmail.com
Sito: www.carewound.ro

MAP:
Strada Anghel Saligny, Bl. 2K, Cabinet 3
Alba Iulia

Locandina scaricabile qui sotto : 

Insufficienza venosa cronica con malattia degli arti inferiori

Insufficienza venosa cronica (CVI) è la causa più comune di ferite degli arti inferiori. L’albero venoso è difettoso, incapace di spostare tutto il sangue dall’estremità inferiore verso il cuore. Ciò causa il raggruppamento di sangue e liquido intravascolare nel punto gravitazionale più basso del corpo, la caviglia.

Questo articolo ha due parti. La prima parte migliora la comprensione della malattia e la sua presentazione clinica. La parte 2, che apparirà in un prossimo numero, esplora la diagnosi differenziale di malattie comuni simili, il ruolo che possono coesistere nella malattia delle arterie periferiche (PAD), la classificazione della malattia dell’insufficienza venosa e un approccio generale alla terapia.

La forma più comune di malattia vascolare degli arti inferiori, la CVI colpisce da 6 a 7 milioni di persone negli Stati Uniti. L’incidenza aumenta con l’età e altri fattori di rischio. Uno studio su 600 pazienti con ulcere CVI ha rivelato che il 50% aveva queste ulcere da 7 a 9 mesi, dall’8% al 34% li aveva da più di 5 anni e il 75% presentava ulcere ricorrenti.

Le complicanze trombotiche del CVI comprendono la tromboflebite, che può variare da superficiale ad estesa. Se la tromboflebite si estende verso la vena femorale comune lasciando la gamba, può essere necessaria una legatura prossimale per prevenire l’estensione o l’embolizzazione del coagulo. 
Comprensione della normale anatomia e fisiologia

Le vene degli arti inferiori fluiscono orizzontalmente dalle vene superficiali alle vene perforanti e quindi nelle vene profonde. Normalmente, il sangue venoso complessivo scorre verticalmente contro la gravità dal piede e dalla caviglia verso l’alto verso la vena cava inferiore (IVC). Questo flusso antigravitazionale verso l’IVC deriva dalla contrazione muscolare attorno alle vene non ostruite e alle valvole unidirezionali che si chiudono quando il sangue le passa. Queste valvole prevengono il flusso sanguigno anomalo all’indietro verso la regione del piede e della caviglia.

Gli arti inferiori hanno quattro tipi di vene. Le vene superficiali si trovano all’interno del tessuto sottocutaneo tra il derma e la fascia muscolare. Esempi sono le vene safene maggiori e minori (minori). Le vene perforanti collegano le vene superficiali alle vene profonde della gamba. Le vene profonde si trovano sotto la fascia muscolare. Le vene comunicanti connettono le vene all’interno dello stesso sistema.

La vena safena maggiore è sul lato mediale (interno) della gamba. Proviene dalle vene dorsali sulla parte superiore del piede e alla fine drena nella vena femorale comune nella regione inguinale. Per perforare le vene, la vena safena maggiore drena nel sistema venoso profondo del polpaccio e della coscia.

La vena meno sapena si trova sul lato laterale (esterno) della gamba e proviene dalle vene del piede laterale. Mentre sale, drena nel sistema profondo alla vena poplitea dietro al ginocchio. Le vene comunicanti collegano lateralmente la vena safena maggiore e la vena safena minore.

Le vene intramuscolari sono le vene profonde all’interno del muscolo stesso, mentre le vene intermuscolari si trovano tra i gruppi muscolari. Le vene intermuscolari sono più importanti di altre vene nello sviluppo della malattia venosa cronica. Al di sotto del ginocchio, le vene intermuscolari sono accoppiate e assumono il nome dell’arteria che accompagnano – per esempio, tibia anteriore accoppiata, tibiale posteriore accoppiata e vene peronee accoppiate. Alla fine, queste vene formano la vena poplitea dietro il ginocchio, che alla fine drena nella vena femorale dell’inguine.

Come la vena femorale comune viaggia sotto il legamento inguinale dell’inguine, è chiamata la vena iliaca esterna. Alla fine, diventa la vena iliaca comune, che drena direttamente nella IVC.

Fisiopatologia
La pressione venosa anormalmente elevata deriva dall’incapacità della gamba di drenare adeguatamente il sangue dalla gamba verso il cuore. Il drenaggio del sangue dalla gamba richiede l’azione pompante muscolare della gamba sulle vene, che pompano il sangue dalla gamba verso il cuore e dalle vene superficiali verso le vene profonde. Le valvole unidirezionali funzionanti all’interno delle vene si chiudono quando il sangue le passa, impedendo al sangue di fluire all’indietro verso la caviglia. Questo processo assomiglia a quello che succede quando salite una scala con pioli intatti: mentre salite da un piolo al successivo, siete in grado di salire.

CVI e analogia del “piolo rotto”
Se le valvole unidirezionali sono danneggiate o incompetenti, si verifica la situazione del “piolo rotto”. Pensa a quanto sarebbe difficile salire una scala con pioli spezzati: potresti essere in grado di salire la scala, ma probabilmente cadi giù dalla scala a causa dei pioli difettosi e guasti.

Normalmente, le valvole a senso unico assicurano che il sangue scorra dalla parte inferiore della gamba verso l’IVC e che il sistema venoso superficiale scorra verso il sistema venoso profondo. Il sistema venoso deve essere brevettato (aperto) in modo che il sangue che scorre dalla gamba possa scorrere verso l’alto verso l’IVC. Il blocco di una vena può derivare da una trombosi acuta (coagulazione) nei sistemi superficiali o profondi. Con il tempo, il sangue può essere deviato su una vena ostruita. Se la trombosi acuta coinvolge una o più delle valvole a senso unico, poiché la trombosi ostruttiva si apre nel lume della vena, può verificarsi un danno valvolare permanente, che porta alla sindrome post-trombotica, una forma di CVI.

La CVI può derivare da un’anomalia di uno o tutti i processi necessari per drenare il sangue dall’azione pompante povera di gambe dei muscoli delle gambe, danni alle valvole a una via e blocco nel sistema venoso. Il CVI causa comunemente ipertensione venosa a causa dell’inversione del flusso sanguigno nella gamba. Tale flusso anomalo può causare uno o più dei seguenti effetti locali: anossia tissutale 
rigonfiamento delle gambe 
, infiammazione o necrosi 
fibrosi sottocutanea 
Flusso compromesso di sangue venoso o liquido linfatico dall’estremità. 
Analogia “palloncino d’acqua”
L’effetto di elevata pressione venosa o ipertensione è peggiore al punto gravitazionale più basso (attorno alla caviglia). Il raggruppamento di sangue e liquido intravascolare intorno alla caviglia provoca un effetto “palloncino d’acqua”. Un pallone gonfiato d’acqua ha un muro sottile e facilmente traumatizzato. Quando scoppia, viene scaricato un grande volume di liquido. A causa della sua parete più spessa, un palloncino collassato che contiene meno fluido è più difficile da rompere di un pallone gonfiato con acqua.

In una gamba con CVI, il fluido sottocutaneo che si accumula richiede una forza più debole per rompere la pelle e l’ulcera di una gamba non dilatata con meno fluido. Questo principio è la base per la terapia compressiva nel trattamento e nella prevenzione delle ulcere CVI.

Effetti di elevata pressione venosa o ipertensione
Aumentata pressione nel sistema venoso provoca: 
anormalmente alta pressione nelle vene superficiali-60 a 90 mm Hg, rispetto alla pressione normale di 20 a 30 mm Hg 
dilatazione e distorsione delle vene delle gambe, perché i reflussi di sangue anormalmente lontano dal cuore e verso la parte inferiore della gamba e può spostarsi dal sistema venoso profondo alle vene superficiali.

Vena anomala che si gonfia a causa di una pressione elevata può compromettere una valvola unidirezionale già funzionante. Ad esempio, la valvola può diventare più spostata a causa dell’aumento del fluido intraluminale, che a sua volta può peggiorare l’ipertensione e causare un aumento del gonfiore delle gambe. L’aumento della pressione dalle vene gonfie può anche dilatare i letti dei capillari che scorrono nelle vene; ciò potrebbe causare la perdita di fluidi e globuli rossi dai capillari nello spazio interstiziale, esacerbando il gonfiore delle gambe. Inoltre, l’aumento della pressione venosa può causare la fuoriuscita del fibrinogeno dal plasma intravascolare nello spazio interstiziale. Questa perdita può creare una cuffia di fibrina attorno al letto capillare, che può ridurre la quantità di ossigeno che penetra nell’epidermide, aumentare l’ipossia tissutale, attivare l’attivazione dei leucociti, aumentare la permeabilità capillare, e causare infiammazione locale. Questi cambiamenti possono portare a ulcerazioni, lipodermatosclerosi o entrambi.

I cambiamenti visibili possono includere vene superficiali dilatate, colorazione di emosiderina dovuta a perdite di sangue dall’albero venoso, atrophie blanche e lipodermatosclerosi. (Vedere il glossario CVI facendo clic sull’icona PDF in alto.) Sia l’atrophie blanche che la lipodermatosclerosi derivano da cicatrici tissutali locali secondarie a una reazione infiammatoria della gamba distesa con fluido.

La lipodermatosclerosi si riferisce alla cicatrizzazione del tessuto sottocutaneo in caso di grave insufficienza venosa. L’indurimento è associato a un’infiammazione che può indurre la pelle a legarsi al tessuto sottocutaneo, causando il restringimento della circonferenza della gamba. Anche il flusso linfatico dalla gamba può essere compromesso e inibito dall’ipertensione venosa grave, causando un ulteriore gonfiore alle gambe.

Storia del paziente
In un paziente con CVI accertata o sospetta, una storia approfondita può portare a una diagnosi di lavoro. Assicurati di porre al paziente queste domande: 
hai dolore? 
Il tuo dolore peggiora verso la fine della giornata? 
Il dolore è alleviato con l’innalzamento delle gambe durante la notte? 
È sollevato dall’elevazione della gamba durante il giorno? 
Hai dolori alle gambe che ti svegliano di notte? 
Come descriveresti il ​​dolore? 
La pelle della gamba è tesa o irritata? 
Hai notato cambiamenti visibili della tua gamba? 
Hai un’ulcera alle gambe?

Determinare inoltre se il paziente ha comorbidità che possono esacerbare la CVI, inclusi PAD, insufficienza renale, trombosi venosa, linfedema, diabete mellito, insufficienza cardiaca o malnutrizione. (Vedere i fattori di rischio CVI facendo clic sull’icona PDF in alto.) |

Sintomi comuni di CVI
Circa il 20% dei pazienti con CVI presenta sintomi della malattia senza reperti fisici. Questi sintomi possono includere: 
gambe stanche e “pesanti” che si sentono peggio verso la fine della giornata, il disagio che peggiora sulle gambe in piedi che si sentono meglio al mattino dopo aver dormito o dopo che le gambe sono state sollevate durante il giorno.

Sebbene i pazienti possano riportare disturbi alle gambe, la storia indica che non li sveglia di notte. Essere consapevoli del fatto che il disagio da CVI differisce da quello causato da PAD. Con PAD, i pazienti possono segnalare dolore all’esercizio (claudicazione), dolore con elevazione (dolore notturno) o dolore costante (dolore a riposo).

I segni di CVI (con o senza ulcere) comprendono:
gonfiore delle gambe (osservato nel 25% -75% dei pazienti) 
cambiamenti della pelle (come colorazione dell’emosiderina o dermatite) 
telangiectasia, vene reticolari o entrambe; mentre questi sono i segni più comuni, rappresentano una 
vena varicosa di individuazione meno grave generale con o senza sanguinamento, che si verifica in un terzo dei pazienti con CVI.

Ulcere
venose Le ulcere venose sono il tipo più comune di ulcera degli arti inferiori. Si trovano comunemente sull’aspetto mediale degli arti inferiori, dalla caviglia alla zona del polpaccio più prossimale. Solitamente, si presentano lungo il corso della vena safena maggiore, ma possono anche essere laterali e possono verificarsi in più punti. Non si trovano sopra il ginocchio o sull’avampiede. Le ulcere venose sono meno profonde delle ulcere arteriose e hanno un considerevole essudato compatibile con il drenaggio da un pallone d’acqua rotto. Possono estendersi completamente attorno alla gamba.

CVI: da una sensazione pesante a cambiamenti visibili
Nei pazienti con CVI, il sangue scorre all’interno di un estremità inferiore in una direzione inversa anormale, causando l’accumulo di sangue e liquido intravascolare intorno alla caviglia. Inizialmente, questo può causare solo una sensazione di gambe pesanti verso la fine della giornata, senza cambiamenti visibili. Alla fine, può portare a ulcere venose o altri cambiamenti visibili. Questo anormale flusso sanguigno risulta dalla disfunzione dei normali meccanismi che drenano il sangue dalla gamba contro la gravità nell’IVC.

[Tratto da: www.caringforwounds.woundcareadvisor.com ]

Piede diabetico: un plantare hi-tech promette di accelerare la guarigione delle ulcere

I plantari rilasciano ossigeno in corrispondenza della lesione

Ha l’aspetto di una normale soletta per le scarpe, ma il plantare in silicone messo a punto dai ricercatori della Purdue University di West Lafayette (Usa) è qualcosa di più di un rimedio per rendere comode le calzature. È un innovativo dispositivo medico per curare le ulcere del piede diabetico. «Uno dei modi per curare le ferite è fornire ossigeno ai tessuti – ha detto Babak Ziaie, professore di ingegneria elettrica e computazionale alla Purdue – Noi abbiamo realizzato un sistema che rilascia gradualmente ossigeno durante il giorno permettendo al paziente di avere una maggiore mobilità». Grazie a sofisticate apparecchiature laser, gli scienziati sono riusciti a costruire una soletta in silicone che rilascia ossigeno in maniera mirata, solamente in perfetta corrispondenza della ferita, là dove il tessuto è in condizioni di ipossia.  Lo stampo da inserire all’interno delle scarpe viene quindi personalizzato in base alla posizione delle ulcere dei singoli pazienti. Le simulazioni effettuate in laboratorio dimostrano che le solette terapeutiche possono rilasciare ossigeno almeno 8 ore al giorno sotto la pressione di 53-81 chilogrammi, ma possono essere adattate per un peso maggiore o inferiore.

Il paziente non deve fare altro che inviare al laboratorio una foto del piede accompagnata da una prescrizione del medico. Grazie a quelle indicazioni gli esperti saranno in grado di realizzare una soletta su misura che risponda alle specifiche caratteristiche di ogni singola lesione.

Le solette sono realizzate con due strati di polidimetilsilossano: lo strato superiore contiene le parti lavorate con il laser che rilasciano ossigeno nella regione del piede ulcerato, mentre lo strato inferiore fornisce sostegno strutturale e prevede uno spazio per la conservazione dell’ossigeno.

Le ulcere dovute al diabete inizialmente sono asintomatiche e molti pazienti non si accorgono del danno alla pelle fino a quando non trovano tracce di sangue sugli indumenti. A quel punto però spesso il processo è già irreversibile e così dal 14 al 24 per cento dei pazienti con ulcere diabetiche finiscono per subire l’amputazione dell’alluce o dell’intero piede.

In genere le ulcere  vengono trattate rimuovendo il tessuto devitalizzato dalla superficie della ferita, aiutando poi il paziente a trovare il modo di caricare il minor peso possibile sul piede malato. In futuro, grazie alle tecnologiche solette descritte sulla rivista Materials Research Society Communications, la strategia terapeutica potrebbe cambiare e prevedere l’uso dei plantari. Per ora le solette sono state testate solamente in simulazioni di laboratorio. I ricercatori sperano presto di poterle sperimentare sui pazienti per verificarne la reale efficacia.

[Tratto da: www.healthdesk.it ]

Piercing, tattoo e wound care

Piercing e tattoo sono pratiche millenarie: ma quali sono i reali rischi e le soluzioni agli eventi avversi? Quale rapporto con il wound care? 

Il piercing ha origini molto antiche che risalgono addirittura alla preistoria. Intenzione principale di tale pratica era finalizzata a distinguere i ruoli assunti dai vari membri all’interno della tribù, allo scopo di regolare i rapporti tra gli individui sia nel quotidiano che durante le cerimonie, rendendo palese tutta una serie di informazioni sull’individuo e al suo rapporto con il gruppo di appartenenza.(1)

La tecnica più diffusa è la perforazione del lobo che si ritrova nei testi antichi a partire dalle tribù antiche. Riferimenti alla perforazione dei lobi sono riportate anche nella Bibbia, nell’impero Romano (pratica usata sia dagli uomini che dalle donne) e dagli Aztechi fino all’età Elisabettiana. Ma il ritrovamento più importante è la perforazione del lobo della più antica mummia mai scoperta fino ad ora. Il suo ritrovamento risale al 1991 risalente a un’epoca compresa tra il 3300 e il 3100 a.C. (età del rame). (2)

Nei Veda, i più antichi libri sacri indiani, si trova un riferimento ai lobi e al naso forati della dea Lakshmi. Anche il piercing al labbro ha origine nelle culture tribali dell’Africa e dell’America. Presso gli Aztechi e i Maya, era in uso la pratica della perforazione rituale della lingua, che permetteva al sacerdote di comunicare con le divinità. Molto documentata è la storia del piercing al capezzolo in tarda epoca vittoriana, quando sarebbero divenuti di moda i cosiddetti bosom rings “anelli da seno” noti anche a Parigi con il nome di anneaux de sein (3)

Ricordiamo tra gli altri anche i tatuaggi “MAORI”, che provengono da tradizioni Marchesane in quanto le informazioni più complete che si posseggono sul tatuaggio polinesiano è stato pubblicato nel 1928 da Karl von den Steinen sulla base di appunti presi durante la sua spedizione verso la parte più lontana delle Isole Marchesi nel 1897-1898. Molte tecniche tatuatorie vennero usate nelle tribù indiane americane che risiedevano lungo le coste quindi abbiamo voluto riportare questa sezione a scopo didattico: alcuni di voi diranno che i Maori non rientrano nelle tradizioni dei nativi americani ma sbagliano basti pensare che, ad esempio, nel libro della “Moby Dick- la Balena Bianca” di Herman Melville si descrive il famoso cacciatore di balene di nome Queequeg che altro non era se non un indiano appartenente alle tradizioni polinesiane ma che altro non portava se non una tradizione legata alle tribù delle coste e delle isole, si pensi anche agli stessi Inuit.

Il tatuaggio è una tecnica di colorazione pittorica corporale dell’uomo. Consiste nell’introduzione intradermica di pigmenti che entrano a contatto con il nostro organismo per sempre e con esso interagiscono.(7) Tradizionalmente tale metodica era eseguita per durare nel tempo, mentre in questi ultimi anni possono essere utilizzati dei prodotti che rendono il tatuaggio anche temporaneo. Tale forma di arte consiste nell’incidere la pelle ritardandone la cicatrizzazione con sostanze particolari (più precisamente è chiamata scarificazione) o nell’eseguire punture con l’introduzione di sostanze coloranti nelle ferite. Questa tecnica, che oggi sembra facile da eseguire, è stata resa possibile dal susseguirsi e dall’evolversi di tecniche più svariate e ardue che si sono tramandate fin dall’antichità. I primi tatuaggi si sono ritrovati sulla mummia dell'”uomo di Pazyryk” nell’Asia centrale databile intorno al 500 a.c. Le civiltà che a seguire svilupparono questa forma di decorazione corporea sono gli Egizi e le popolazioni dell’Antica Roma fino all’avvento dell’Imperatore Costantino che ne vietò la pratica nel momento in cui si convertì alla religione cattolica. Mentre assolutamente vietato è il tatuaggio indelebile nella religione Ebraica. Anche in Islam sono consentiti solo tatuaggi temporanei effettuati con l’Henna da eseguire sia sulle mani che sui piedi, infatti le spose vengono decorate con l’Henna per la loro prima notte di nozze. Tale pratica però non è consentita per l’uomo. Altri popoli che hanno sviluppato un proprio stile di decorazione (personalizzata anche nel significato) sono gli abitanti dell’Oceania. Infatti subito dopo l’esplorazione di tali terre, nella zona europea viene reintrodotto l’uso del Tatuaggio che si diffuse subito fra le classi aristocratiche europee. (Ricordiamo lo Zar Nicola II e Sir Wisotn Churchill). In Italia per diversi anni si è ritenuto che il tatuaggio fosse legato ad una personalità delinquente, ma ormai tale pratica è diffusa in tutti gli strati sociali e fra le persone più disparate. (6)

Negli ultimi anni il fenomeno e la fascinazione del decoro della pelle è aumentata in popolarità e accettazione sociale, diventando una “moda”. E’ diffuso soprattutto tra i giovani ma anche tra persone adulte, ed in Italia il 12,8% della popolazione ha almeno un tatuaggio.(7) Tuttavia tali tecniche non possono essere considerate attività salutari, in quanto non si avvicinano nemmeno lontanamente a perseguire o preservare la salute del soggetto che li richiede. Non possono essere ricomprese nella branca della chirurgia estetica che tende a proteggere conservare e ricostruire la salute del paziente.(5) Infatti solo lo 0,5% della popolazione Italiana ha effettuato un tatuaggio con finalità mediche con la pratica della dermopigmentazione, utilizzata per coprire condizioni patologiche della cute, al fine di ripristinare l’aspetto di una cute sana, e/o come complemento agli interventi di chirurgia ricostruttiva. Mentre il 3% della popolazione ha effettuato un tatuaggio per finalità estetiche come il trucco permanente, eseguito sui pazienti oncologici o allergici alle sostanze cosmetiche convenzionali.(7)

Fatti salvi i casi appena citati, Il tatuaggio ed il piercing possono essere considerate come un trattamento puramente estetico o una tecnica di decorazione del corpo. Tuttavia tali pratiche possono avere un effetto sull’integrità fisica con conseguenze anche importanti in termini di alterazione della conservazione della salute. Per tale motivo è difficile stabilire un chiaro confine tra attività estetica e salute, dato che anche limitando la pratica agli strati più superficiali della pelle e utilizzando prodotti non farmaceutici, non medici e non chirurgici è innegabile che gli effetti possono avere un impatto non solo sull’aspetto estetico ma anche sulla salute con ripercussioni gravi. L’esecuzione del tatuaggio e del piercing avviene attraverso operazioni invasive, modificano il corpo e lo espongono a conseguenze dannose non intenzionali sull’integrità fisica.(5)

Per questo motivo la Regione Autonoma del Friuli Venezia Giulia ha ritenuto opportuno pubblicare Le linee guida per la prevenzione dei rischi da attività di tatuaggio e piercing (Allegato alla Delibera n. 2668 del 28 Dicembre 2017) (4) in ottemperanza alla comunicato stampa del Ministero della salute emanato il’8 Agosto 2015 dopo che i NAS hanno eseguito verifiche a campione in tutta Italia sulla purezza dei pigmenti utilizzati. Il 18% delle sostanze pigmentose analizzate per la realizzazione dei tatuaggi è risultata contaminata da cariche microbiche e fungine (8)

Al momento non ci sono stime attendibili circa il numero di persone che hanno sperimentato complicazioni legate al piercing. La mancanza di dati è determinata dalla non denuncia dell’evento avverso che solitamente è gestito domiciliarmente, solo pochi soggetti ricorrono al Pronto Soccorso o al proprio medico di fiducia. I soggetti maggiormente a rischio di sviluppare una problematica a seguito di tale pratica sono le persone con una maggiore vulnerabilità alle infezioni (ad esempio,i pazienti con diabete, pazienti cardiopatici affetti da valvulopatia, pazienti che assumono corticosteroidi) e quelli che hanno una maggiore probabilità di emorragie (per esempio, persone che assumono farmaci anticoagulanti).

I gioielli solitamente utilizzati nel body piercing sono fatti di metallo, di solito acciaio inossidabile, oro, titanio o leghe. Mentre l’acciaio chirurgico raramente causa reazioni allergiche della pelle, non tutti i prodotti in acciaio inossidabile sono privi di nichel. L’oro spesso è combinato con nichel o altri metalli. Il Nichel placcato in oro è associato ad una elevata prevalenza di reattività nelle persone che sono sensibili al nichel. I soggetti allergici devono perciò prestare particolare attenzione al perno o al fermaglio, levigatezza della superficie e la possibilità di pulizia.

Osservato che tali pratiche possono comportare rischi e, non raramente, anche reazioni avverse è fondamentale rivolgersi sempre a centri autorizzati dalle autorità locali, con tatuatori formati che rispettino quanto prescritto dalle circolari del Ministero della Salute”.

Nella tabella che segue riportiamo gli effetti avversi che si possono realizzare dopo l’esecuzione di un piercing:

Siamo abituati a vedere i tatuaggi come qualcosa di stabile e permanente, pressoché immutabile nel tempo. siano al centro di un processo di cambiamenti senza fine: uno sforzo continuo e senza risultati del nostro organismo per sbarazzarsene. I cristalli d’inchiostro iniettati negli strati (derma) sotto la superficie della pelle sono costantemente accerchiati e ingoiati dai macrofagi, che poi li rigurgitano facendo ricominciare da capo il processo. Che i macrofagi intervengano sui cristalli d’inchiostro dei tatuati è infatti noto da tempo, ma finora dermatologi e ricercatori erano convinti che queste cellule avessero una vita lunghissima e stabile. L’ipotesi era che arrivassero nella zona infiltrata dall’inchiostro, ne assorbissero un po’ e poi rimanessero lì in modo permanente, contribuendo a rendere il tatuaggio uguale nel tempo. Il nuovo studio sembra invece indicare che i macrofagi siano rimpiazzati di continuo da loro nuovi colleghi, in un ciclo senza sosta per provare a sbarazzarsi dell’inchiostro (o almeno, che questo avvenga nei topi). Nello studio i ricercatori ipotizzano che i cristalli di inchiostro siano troppo grandi per essere distrutti dai macrofagi, dopo che li hanno fagocitati. Questo fa sì che l’inchiostro resti visibile e il tatuaggio al suo posto. Con il passare del tempo, i macrofagi muoiono e rilasciano il colore che avevano inglobato, che viene assorbito dai nuovi macrofagi, arrivati per sostituire quelli vecchi. Il ciclo si ripete di continuo, contribuendo a rendere permanente il tatuaggio.

Nella tabella che segue riportiamo gli eventi avversi legati ai tatuaggi:

Conclusioni

Da un sondaggio dell’ISS 2015 risulta che in Italia il 13,4% della popolazione tatuata ha eseguito il suo decoro corporale al di fuori di centri specializzati. Il 3,3% dei soggetti tatuati ha avuto complicanze e di questi solo il 12,1% si è rivolto ad un medico per avere indicazioni. Se poi consideriamo la popolazione in età pediatrica e adolescenziale i risultati sono meritevoli di essere considerati un fenomeno sociale in aumento con le relative conseguenze. Infatti uno studio dell’Eurispes, su un campione di 3800 ragazzi, è emerso che il 20,3% degli adolescenti tra i 12 e 18 anni ha almeno un piercing, con una maggioranza tra le ragazze. I primi tatuaggi invece arrivano tra i 10 e 12 anni e secondo l’ISS, quasi l’ 8% del totale è rappresentato da ragazzi sempre tra i 12 e 18 anni. Per questo alcune ASL, come quella di Reggio Emilia, o regioni come il Friuli Venezia Giulia, hanno elaborato linee guida per la prevenzione dei rischi derivanti dall’esecuzione di tatuaggi e piercing. non restano inerti in un angolino della pelle: gli elementi che compongono l’inchiostro si staccano e migrano, viaggiano all’interno del corpo in forma di micro e nanoparticelle, fino ad approdare ai linfonodi. Gli effetti legati all’applicazione di inchiostri non sono ancora sufficientemente noti. Molti di questi però contengono pigmenti organici, conservanti, contaminanti e non solo… infatti 18% dei pigmenti utilizzati per la realizzazione di tatuaggi risultano contaminati da cariche microbiche e fungine (8)

Per questo motivo La Risoluzione Europea ResAP 2008 fornisce requisiti e criteri di sicurezza per i tatuaggi (etichettatura, composizione dei prodotti, rischi delle sostanze utilizzate, condizioni igieniche necessarie). Solo nei prossimi anni si capirà davvero fin dove e con quali effetti queste sostanze agiscono. Quindi sarebbe opportuno, quando si decide di fare un tatuaggio, prestare attenzione non solo alla scelta di Centri qualificati, ma anche alla composizione chimica dei colori che vengono utilizzati.

Diventa fondamentale capire chi si tatua e dove, come lo fa e con quale consapevolezza, tracciare una sorta di demografia del tatuaggio significa comprendere meglio le criticità connesse a questa pratica e di quali regole ci sia bisogno perché sia effettuata in piena sicurezza  – afferma Alberto Renzoni, esperto dell’Istituto Superiore di Sanità che ha coordinato l’indagine – Il 22% di chi si è rivolto a un centro non ha firmato il consenso informato. E’ invece necessario non solo firmarlo ma che nel farlo ci sia un reale consenso e una reale informazione, considerato inoltre che una fetta consistente delle persone tatuate è rappresentato da minori che potrebbero farlo solo con il consenso dei genitori”. Se, come ci dicono i dati attuali, il fenomeno e la fascinazione del decoro della pelle è in crescita, è necessario perciò che lo sia anche l’informazione su questa pratica e le regole nelle quali attuarla.

 

Articolo a cura di

Dottoressa Alessandra Vernacchia

co-autori

Dott. Ivan Santoro e Dott. Biagio Iosca

[Tratto da: www.assocarenews.it ]

 

Bibliografia

  1. https://it.wikipedia.org/wiki/Piercing
  2. https://it.wikipedia.org/wiki/Mummia_del_Similaun
  3.  Ivan Bloch, Sexual Life in England. Past and Present, Oracle Publishing Ltd, 1996, ISBN 1-86196-003-4.
  4. Linee guida regionali per la prevenzione dei rischi da attività di tatuaggio e piercing. Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 della Regione Friuli Venezia Giulia.
  5. Piercing and tattoos in adolescents: legal and medico-legal implications. Adelaide Conti, et all. https://doi.org/10.1515/med-2018-0023 received January 8, 2018; accepted March 2, 2018
  6. https://it.wikipedia.org/wiki/Tatuaggio
  7. http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_1_1_1.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=2227
  8. http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_4_1_1.jsp?lingua=italiano&menu=salastampa&p=comunicatistampa&id=4621
  9. https://www.lastampa.it/2017/09/12/scienza/tatuaggi-gli-elementi-dellinchiostro-viaggiano-nel-corpo-e-arrivano-fino-ai-linfonodi-geHRW6Tv2yoSt13XDxZyBM/pagina.html
  10. Unveiling skin macrophage dynamics explains both tattoo persistence and strenuous removal Anna BaranskaAlaa ShawketMabel Jouve View ORCID ProfileMyriam BaratinCamille MalosseOdessa VoluzanThien-Phong Vu Manh View ORCID Profile Frédéric FioreMarc BajénoffPhilippe BenarochMarc Dalod View ORCID ProfileMarie MalissenSandrine Henri  Correspondence email View ORCID ProfileBernard Malissen Correspondence emailDOI: 10.1084/jem.20171608 | Published March 6, 2018
  11. Tattooing and body piercing guidance – Public Health England.

Cosa sta causando il rossore degli arti inferiori del tuo paziente?

arrossamento degli arti inferiori del paziente

Di Robyn Bjork, MPT, CWS, WCC, CLT-LANA

La capacità di comprendere o “leggere” il rossore degli arti inferiori nel paziente è essenziale per determinarne la causa e fornire un trattamento efficace. L’arrossamento può verificarsi in molteplici condizioni: colorazione con emosiderina, lipodermatosclerosi, dermatite venosa, infiammazione cronica, cellulite e rubor dipendente. Questo articolo fornisce indizi per aiutarti a differenziare queste condizioni e identificare la causa specifica del rossore degli arti inferiori del tuo paziente.

Colorazione dell’emosiderina e lipodermatosclerosi

La colorazione con emosiderina è viola scuro o colorazione arrugginita della parte inferiore delle gambe causata da malattia venosa cronica. Uno studio del 2010 ha rilevato la colorazione con emosiderina in tutti i soggetti con lipodermatosclerosi e ulcere venose. Quando le valvole venose non funzionano, il sangue rigurgitato spinge i globuli rossi (RBC) fuori dai capillari. I globuli rossi rilasciano ferro, che viene immagazzinato nei tessuti come emosiderina, macchiando la pelle.

La colorazione con emosiderina e la lipodermatosclerosi attiva possono essere erroneamente diagnosticate come cellulite. La lipodermatosclerosi attiva causa macchie rosse dolorose e chiaramente delimitate sugli aspetti mediali della parte inferiore della gamba. A differenza della cellulite, il rossore della lipodermatosclerosi è localizzato in aree di colorazione e indurimento dell’emosiderina. Inoltre, la pelle non è calda e il paziente è insensibile e non risponde agli antibiotici. La lipodermatosclerosi progredisce verso la fibrosi e la costrizione, causando un aspetto invertito delle gambe della bottiglia di champagne.

Trattare la lipodermatosclerosi attiva con terapia compressiva e corticosteroidi topici, se necessario. Controllare l’ipertensione venosa cronica con compressione e la colorazione dell’emosiderina si attenuerà. Rivolgersi al paziente per potenziali procedure chirurgiche venose correttive.

Dermatite venosa

Dermatite venosa

Definita come infiammazione dell’epidermide e del derma, la dermatite venosa (stasi) è comune nei pazienti con malattia venosa degli arti inferiori. Segni e sintomi includono ridimensionamento, formazione di croste, pianto, eritema, erosioni e intenso prurito. Questo disturbo aumenta il rischio di sensibilità del contatto. Consigliare al paziente di evitare prodotti quali lanolina, balsamo del Perù, gomma, adesivi, profumi, coloranti, conservanti, sigillanti per la pelle, sulfadiazina d’argento, neomicina e bacitracina, tutti noti per esacerbare la dermatite venosa.

La dermatite venosa comunemente viene confusa con la cellulite. Uno studio del 2011 ha rilevato che il 28% dei 145 pazienti ospedalizzati per cellulite era stato diagnosticato erroneamente. La diagnosi errata più comune è stata la dermatite venosa. A differenza della cellulite, la dermatite venosa provoca prurito e formazione di croste; inoltre, la pelle non è acutamente dolorosa o calda e il paziente è insensibile.

Trattare la dermatite venosa acuta con terapia compressiva e corticosteroidi topici a lieve potenza. Applicare corticosteroidi con parsimonia alle aree colpite una o due volte al giorno per 2 settimane; essere consapevoli che la sospensione prematura può portare a recidiva, mentre l’uso prolungato può causare un assottigliamento della pelle e una riduzione dell’efficacia. Domeboro assorbe anche il pianto, l’irritazione e il prurito. Le bende impregnate con calamina o ossido di zinco sono lenitive e asciuganti. Tuttavia, alcuni pazienti possono reagire ai conservanti in bende di pasta, quindi un test di patch è prudente.

Infiammazione cronica

Il linfedema provoca infiammazione cronica. Circa il 50% delle proteine ​​plasmatiche si riversa quotidianamente nello spazio interstiziale e viene riciclato attraverso i vasi linfatici. L’insufficienza linfatica intrappola le proteine ​​nei tessuti; le proteine ​​agiscono come spugne, attraggono e legano il fluido. Le proteine ​​poi denaturano, innescando una risposta infiammatoria cronica. Questa risposta a volte viene erroneamente diagnosticata e trattata come cellulite cronica.

Rispetto alla cellulite, l’infiammazione cronica ad alto contenuto proteico è diffusa e non trasmessa, con lieve arrossamento e calore lievemente aumentato. I cambiamenti cutanei locali possono includere l’ispessimento o la papillomatosi (aspetto bitorzoluto e irregolare). Un segno positivo di Stemmer conferma il linfedema . La fisioterapia decongestiva completa favorisce il riassorbimento delle proteine ​​e risolve l’infiammazione cronica.

Cellulite

Cellulite

La cellulite è un’infezione a rapida diffusione del derma e del tessuto sottocutaneo. Negli adulti, si tratta in genere di infezione da Staphylococcus aureus delle gambe. L’erisipela, una forma superficiale di cellulite, coinvolge il sistema linfatico e si differenzia per “striature” verso un linfonodo regionale.

La pelle cellulitica è calda, intensamente dolorosa, edematosa e indurita. I rossori si diffondono ei bordi di solito sono irregolari, definiti nettamente e leggermente sollevati. Possono svilupparsi vesciche, bolle emorragiche, ascessi, erosioni e necrosi. Circa il 30% -80% dei pazienti con cellulite degli arti inferiori sono afe- bili. Il numero di globuli bianchi, il tasso di sedimentazione degli eritrociti e i livelli di proteina C-reattiva sono comunemente elevati, ma i valori normali non escludono la cellulite.

Trattare la cellulite con antibiotici orali efficaci contro lo stafilococco e lo streptococco. L’aggiunta di un breve ciclo di corticosteroidi orali riduce significativamente la durata della cellulite. Casi gravi possono richiedere ospedalizzazione e antibiotici per via endovenosa, oltre a incisione e drenaggio di ascessi. Controlla l’edema con il riposo a letto e l’elevazione della gamba.

La cellulite ricorrente è comune nei pazienti con linfedema . Con immunità alla pelle compromessa, i batteri invadono e si espandono con poca resistenza. Se è presente linfedema , consultare il paziente per il trattamento dopo che la cellulite acuta si risolve. Se il paziente è già in trattamento per linfedema , sospendere il drenaggio linfatico manuale e la compressione fino a quando la cellulite acuta non si risolve.

I disturbi più comuni scambiati per la cellulite degli arti inferiori sono la dermatite venosa, la lipodermatosclerosi, la dermatite irritante e il linfedema . Può anche essere confuso con trombosi venosa profonda (TVP) o con il brodo dipendente. Escludere la TVP utilizzando l’ecografia duplex venosa. Il rubaggio dipendente scompare con l’elevazione della gamba, mentre il rossore cellulitico no.

Rubor dipendente

Il rubaggio dipendente è una colorazione infuocata di colore rosso scuro visibile quando la gamba si trova in una posizione dipendente, ma non quando è sollevata sopra il cuore. La causa sottostante è la malattia arteriosa periferica (PAD), quindi l’estremità è fredda al tatto. Per testare il rubor dipendente, posizionare il paziente in posizione supina ed elevare le gambe di 60 ° per 1 minuto; quindi esaminare il colore unico. PAD fa sì che le suole cambino da rosa a pallide in persone dalla pelle chiara e grigia o cinerea in persone dalla pelle scura. Più velocemente appare il pallore, peggiore è il PAD. Pallore entro 25 secondi dall’elevazione della gamba indica una grave malattia occlusiva, che richiede un’ulteriore valutazione per la potenziale rivascolarizzazione.

Successivamente, osservare i cambiamenti di colore della pelle con il paziente in posizione seduta. Normalmente, il piede e la gamba devono rimanere rosa con elevazione e dipendenza. In PAD, il colore cambia da pallido a rosa e poi progredisce in rosso porpora o rosso brillante. Il rubare dipendente più lungo richiede di riapparire, peggiore è il PAD. Il rubor che appare tra 25 e 40 secondi indica una grave ischemia. Se il rubor scompare rapidamente con elevazione e ritorna in meno di 25 secondi, prendere in considerazione la possibilità che il paziente abbia reflusso venoso, non PAD. In questo caso, il sangue accumulato causando il drenaggio dei rubini rapidamente dalle vene quando la gamba è elevata e rigurgita di nuovo nei tessuti quando la gamba è dipendente.

Se si rileva il rubor dipendente, ottenere l’indice caviglia-brachiale ( ABI ) per confermare PAD. Per PAD moderata ( ABI da 0,5 a 0,79), consultare il paziente per un consulto specialistico vascolare di routine. Per PAD severa ( ABIinferiore a 0,5), mantenere un’asciuga di ferita asciutta e stabile e rivolgere urgentemente il paziente a uno specialista vascolare per una potenziale rivascolarizzazione.

Riepilogo della conoscenza

“Leggere” le cause comuni di arrossamento delle gambe aiuta a determinare che cosa sta causando il rossore del paziente in modo da poter fornire un trattamento efficace. Ricorda: la malattia venosa cronica causa la colorazione di emosiderina, lipodermatosclerosi e dermatite venosa. La dermatite è pruriginosa e croccante; la lipodermatosclerosi provoca la sclerosi e l’aspetto invertito delle gambe della bottiglia di champagne. Alleviare l’infiammazione e il prurito con corticosteroidi topici e trattare le patologie venose con compressione e chirurgia correttiva.  Il linfedema provoca infiammazione cronica; trattare con fisioterapia decongestiva completa. La cellulite è una diffusione dell’infezione cutanea che è acutamente dolorosa e calda; trattare con antibiotici. PAD causa il rubor dipendente, che scompare con l’elevazione della gamba.

[Tratto da: www.woundcareadvisor.com ]