Il Tour riprende…

Sabato 31/10/2020 ore 10 presso la Sala Consiliare di Piazza G.Marconi 1

Torre Boldone (BG), si terrà la nuova tappa del Lesioni TOUR ®️ .

Ringrazio il Sindaco Dott. L. Macario e l’ Assessore ai Servizi Sociali Avv. V. Bonaiti, il Sig. D. Baù di Videostar canale 90 dtv, l’ Associazione Attilio&Maria ODV e ACN sezione Wound Care per il supporto.

L’ incontro si svolgerà attenendosi a tutte le norme vigenti anti-COVID19, inoltre gli ingressi saranno nominali (massimo 25 partecipanti), pertanto è gradita l’ iscrizione attraverso la mail:

lesionitour@gmail.com

Ingresso GRATUITO, NO CREDITI ECM , rivolto a: badanti, caregiver, familiari, OSS, Infermieri e/o professionisti sanitari che si occupano o stanno muovendo i primi passi in materia di cura delle ferite.

Perchè parlare di WOUND CARE, si può? NO, si DEVE!

 

Lesioni TOUR ®️ 20-20

 Un percorso iniziato bussando mille porte, ricevendo risposte (per chi ha avuto la decenza di rispondere) in talune occasioni non ripetibili per non dire assurde (!), ma che ha riscosso un successo insperato, fino a giungere ai giorni nostri, un marchio registrato e tanta voglia ( pandemie permettendo) di continuare un percorso a favore del malato fragile e del suo familiare lasciato sempre più solo in un territorio devastato dagli ultimi accadimenti e non solo.
Ringrazio i partecipanti, la mia testa dura e la mia famiglia.
STAY TUNED!
Per informazioni:
lesionitour@gmail.com

Wound assessment, imaging and monitoring systems in diabetic foot ulcers: A systematic review

Abstract

Patients with diabetes mellitus have a lifetime risk of 15% to 25% of developing diabetic foot ulcers (DFUs). DFU is associated with significant morbidity and mortality. Wound imaging systems are useful adjuncts in monitoring of wound progress. Our study aims to review existing literature on the available wound assessment and monitoring systems for DFU. This is a systematic review of articles from PubMed and Embase (1974 – March 2020). All studies related to wound assessment or monitoring systems in DFUs were included. Articles on other types of wounds, review articles, and non-English texts were excluded. Outcomes include clinical use, wound measurement statistics, hospital system integration, and other advantages and challenges. The search identified 531 articles. Seventeen full-text studies were eligible for the final analysis. Five modalities were identified: (a) computer applications or hand-held devices (n = 5), (b) mobile applications (n = 2), (c) optical imaging (n = 2), (d) spectroscopy or hyperspectral imaging (n = 4), and (e) artificial intelligence (n = 4). Most studies (n = 16) reported on wound assessment or monitoring. Only one study reported on data capturing. Two studies on the use of computer applications reported low inter-observer variability in wound measurement (inter-rater reliability >0.99, and inter-observer variability 15.9% respectively). Hand-held commercial devices demonstrated high accuracy (relative error of 2.1%-6.8%). Use of spectroscopy or hyperspectral imaging in prediction of wound healing has a sensitivity and specificity of 80% to 90% and 74%to 86%, respectively. Majority of the commercially available wound assessment systems have not been reviewed in the literature on measurement accuracy. In conclusion, most imaging systems are superior to traditional wound assessment. Wound imaging systems should be used as adjuncts in DFU monitoring.

Keywords: artificial intelligence; diabetic foot; mobile applications; wound healing; wounds and injuries.

[Tratto da: pubmed.ncbi.nlm.nih.gov ]

Mobile technologies to support healthcare provider to healthcare provider communication and management of care

Background

The widespread use of mobile technologies can potentially expand the use of telemedicine approaches to facilitate communication between healthcare providers, this might increase access to specialist advice and improve patient health outcomes.

Objectives

To assess the effects of mobile technologies versus usual care for supporting communication and consultations between healthcare providers on healthcare providers’ performance, acceptability and satisfaction, healthcare use, patient health outcomes, acceptability and satisfaction, costs, and technical difficulties.

Search methods

We searched CENTRAL, MEDLINE, Embase and three other databases from 1 January 2000 to 22 July 2019. We searched clinical trials registries, checked references of relevant systematic reviews and included studies, and contacted topic experts.

Selection criteria

Randomised trials comparing mobile technologies to support healthcare provider to healthcare provider communication and consultations compared with usual care.

Data collection and analysis

We followed standard methodological procedures expected by Cochrane and EPOC. We used the GRADE approach to assess the certainty of the evidence.

Main results

We included 19 trials (5766 participants when reported), most were conducted in high‐income countries. The most frequently used mobile technology was a mobile phone, often accompanied by training if it was used to transfer digital images. Trials recruited participants with different conditions, and interventions varied in delivery, components, and frequency of contact. We judged most trials to have high risk of performance bias, and approximately half had a high risk of detection, attrition, and reporting biases. Two studies reported data on technical problems, reporting few difficulties.

Mobile technologies used by primary care providers to consult with hospital specialists

We assessed the certainty of evidence for this group of trials as moderate to low.

Mobile technologies:

‐ probably make little or no difference to primary care providers following guidelines for people with chronic kidney disease (CKD; 1 trial, 47 general practices, 3004 participants);

‐ probably reduce the time between presentation and management of individuals with skin conditions, people with symptoms requiring an ultrasound, or being referred for an appointment with a specialist after attending primary care (4 trials, 656 participants);

‐ may reduce referrals and clinic visits among people with some skin conditions, and increase the likelihood of receiving retinopathy screening among people with diabetes, or an ultrasound in those referred with symptoms (9 trials, 4810 participants when reported);

‐ probably make little or no difference to patient‐reported quality of life and health‐related quality of life (2 trials, 622 participants) or to clinician‐assessed clinical recovery (2 trials, 769 participants) among individuals with skin conditions;

‐ may make little or no difference to healthcare provider (2 trials, 378 participants) or participant acceptability and satisfaction (4 trials, 972 participants) when primary care providers consult with dermatologists;

‐ may make little or no difference for total or expected costs per participant for adults with some skin conditions or CKD (6 trials, 5423 participants).

Mobile technologies used by emergency physicians to consult with hospital specialists about people attending the emergency department

We assessed the certainty of evidence for this group of trials as moderate.

Mobile technologies:

‐ probably slightly reduce the consultation time between emergency physicians and hospital specialists (median difference −12 minutes, 95% CI −19 to −7; 1 trial, 345 participants);

‐ probably reduce participants’ length of stay in the emergency department by a few minutes (median difference −30 minutes, 95% CI −37 to −25; 1 trial, 345 participants).

We did not identify trials that reported on providers’ adherence, participants’ health status and well‐being, healthcare provider and participant acceptability and satisfaction, or costs.

Mobile technologies used by community health workers or home‐care workers to consult with clinic staff

We assessed the certainty of evidence for this group of trials as moderate to low.

Mobile technologies:

‐ probably make little or no difference in the number of outpatient clinic and community nurse consultations for participants with diabetes or older individuals treated with home enteral nutrition (2 trials, 370 participants) or hospitalisation of older individuals treated with home enteral nutrition (1 trial, 188 participants);

‐ may lead to little or no difference in mortality among people living with HIV (RR 0.82, 95% CI 0.55 to 1.22) or diabetes (RR 0.94, 95% CI 0.28 to 3.12) (2 trials, 1152 participants);

‐ may make little or no difference to participants’ disease activity or health‐related quality of life in participants with rheumatoid arthritis (1 trial, 85 participants);

‐ probably make little or no difference for participant acceptability and satisfaction for participants with diabetes and participants with rheumatoid arthritis (2 trials, 178 participants).

We did not identify any trials that reported on providers’ adherence, time between presentation and management, healthcare provider acceptability and satisfaction, or costs.

Authors’ conclusions

Our confidence in the effect estimates is limited. Interventions including a mobile technology component to support healthcare provider to healthcare provider communication and management of care may reduce the time between presentation and management of the health condition when primary care providers or emergency physicians use them to consult with specialists, and may increase the likelihood of receiving a clinical examination among participants with diabetes and those who required an ultrasound. They may decrease the number of people attending primary care who are referred to secondary or tertiary care in some conditions, such as some skin conditions and CKD. There was little evidence of effects on participants’ health status and well‐being, satisfaction, or costs.

[Tratto da: www.cochranelibrary.com ]

The “Balgrist Score” for evaluation of Charcot foot: a predictive value for duration of off-loading treatment

Objective: To develop a new magnetic resonance imaging(MRI) scoring system for evaluation of active Charcot foot and to correlate the score with a duration of off-loading treatment ≥ 90 days.

Methods: An outpatient clinic database was searched retrospectively for MRIs of patients with active Charcot foot who completed off-loading treatment. Images were assessed by two radiologists (readers 1 and 2) and an orthopedic surgeon (reader 3). Sanders/Frykberg regions I-V were evaluated for soft tissue edema, bone marrow edema, erosions, subchondral cysts, joint destruction, fractures, and overall regional manifestation using a score according to degree of severity (0-3 points). Intraclass correlations (ICC) for interreader agreement and receiver operating characteristic analysis between MR findings and duration of off-loading-treatment were calculated.

Results: Sixty-five feet in 56 patients (34 men) with a mean age of 62.4 years (range: 44.5-85.5) were included. Region III (reader 1/reader 2: 93.6/90.8%) and region II (92.3/90.8%) were most affected. The most common findings in all regions were soft tissue edema and bone marrow edema. Mean time between MRI and cessation of off-loading-treatment was 150 days (range: 21-405). The Balgrist Score was defined in regions II and III using soft tissue edema, bone marrow edema, joint destruction, and fracture. Interreader agreement for Balgrist Score was excellent: readers 1/2: ICC 0.968 (95% CI: 0.948, 0.980); readers 1/2/3: ICC 0.856 (0.742, 0.917). A cutoff of ≥ 9.0 points in Balgrist Score (specificity 72%, sensitivity 66%) indicated a duration of off-loading treatment ≥ 90 days.

Conclusion: The Balgrist Score is a new MR scoring system for assessment of active Charcot foot with excellent interreader agreement. The Balgrist Score can help to identify patients with off-loading treatment ≥ 90 days.

Keywords: Charcot foot; Conservative treatment; Diabetic foot; MR imaging; Neuropathic arthropathy.

[ Tratto da: www.pubmed.ncbi.nlm.nih.gov ]

Uno studio pilota di fattibilità della sospensione cellulare della pelle autologa non coltivata per la guarigione delle ulcere del piede diabetico

È stato condotto uno studio di fattibilità prospettico a braccio singolo per valutare i risultati di guarigione delle DFU trattate con sospensione di cellule cutanee autologhe (ASCS) in combinazione con la terapia standard. Sono state incluse ferite di dimensioni fino a 100 cm 2 che non sono riuscite a guarire con la terapia convenzionale e la guarigione delle ferite, il dolore, i punteggi dell’essudato, la qualità della vita, i punteggi di soddisfazione e gli esiti di sicurezza sono stati valutati per un periodo di 26 settimane. Sono stati arruolati sedici soggetti con una durata media della DFU di 60,4 settimane. Tutte le ulcere in questo studio hanno avuto una traiettoria di guarigione positiva, con una riepitelizzazione media dell’84,9% e 12,2 cm 2riduzione dell’area dell’ulcera. Per le ulcere che non hanno acquisito un’infezione dei tessuti molli dopo il trattamento, tutte sono guarite o hanno raggiunto una riepitelizzazione ≥95%, comprese alcune con tendine esposto. Sono stati osservati miglioramenti in tutti gli aspetti del questionario sulla qualità della vita correlata alla salute e soggetti e medici sono stati molto soddisfatti in tutte le visite post-operatorie. Questo studio preliminare suggerisce che l’ASCS è una terapia ben tollerata e promettente per il trattamento delle DFU poiché tutte le ulcere valutate hanno avuto risultati di guarigione positivi indipendentemente dalle dimensioni, dalla profondità e dalla durata della ferita. Sono necessari studi futuri per indagare l’ASCS rispetto allo standard di cura per tutte le ulcere del piede diabetico, compresa la valutazione degli algoritmi di trattamento e dei prodotti di combinazione. (Registro degli studi clinici n. NCT02799121).

Parole chiave: dispositivo per il prelievo di cellule autologhe; Sospensione autologa delle cellule della pelle; Ferite croniche; Ulcere del piede diabetico.

Questo articolo è protetto da copyright. Tutti i diritti riservati.

[Tratto da: www.pubmed.ncbi.nlm.nih.gov ]

Il piede diabetico infetto: i biomarcatori sierici possono prevedere l’osteomielite dopo dimissione ospedaliera per infezioni del piede diabetico?

Lo scopo di questo studio è di valutare i biomarcatori sierici per monitorare i pazienti ad alto rischio per la reinfezione delle ossa. Trentacinque pazienti sono stati arruolati in modo prospettico con infezioni da piede diabetico da moderato a grave con il sospetto di osteomielite. Sono stati ottenuti campioni di ossa per coltura e istologia. Le caratteristiche cliniche e gli esiti dei pazienti sono stati confrontati usando χ 2prova quadrata. I biomarcatori (conta dei globuli bianchi, tasso di sedimentazione degli eritrociti, proteina c-reattiva, procalcitonina, interleuchina-6, interleuchina-8 e proteina chemoatattante dei monociti 1) sono stati valutati al basale, 3 e 6 settimane dopo l’inizio del trattamento e valutati per la correlazione con reinfezione dell’osso. Dopo 6 settimane di trattamento antibiotico, ESR a 73,5 mm / h (sensibilità 62,5%, specificità 100%, area sotto la caratteristica operativa del ricevitore (AUROC) 0,7839, IC 95% 0,54-1,00, P <.01) e IL-8 a 15,09 mg / dL (sensibilità 42,9%, specificità 92,0% AUROC 0,6286, IC 95% 0,36-0,90, P = 0,0496) sono stati associati alla reinfezione dell’osso. Un aumento di IL-8 dalla settimana 0 a 6> 0,95 mg / dL è stato associato a reinfezione (sensibilità 71%, specificità 72% AUROC 0,7057, IC 95% 0,49-0,92, P = 0,04). Una variazione di VES dalla settimana 0-6 di -16. 5% (sensibilità 71,4%, specificità 86,4% AUROC 0,7403, IC 95% 0,48-1,00, P = 0,02), CRP (-) 74,4% (sensibilità 66,7%, specificità 91,3% AUROC 0,7174, IC 95% 0,40-1,00, P = .04), IL-6 (-) 49,9% (sensibilità 71,4%, specificità 76% AUROC 0,7371, IC 95% 0,47-1,00, P = 0,04) e IL-8 29% (sensibilità 85,7%, specificità AUROC 56,0% di 0,7343, IC 95% 0,54-0,93, P = 0,048) sono stati associati ad un aumentato rischio di reinfezione. I dati pilota suggeriscono che i biomarcatori sierici (ESR, IL8 e IL6, MCP-1) potrebbero essere correlati allo sviluppo dell’osteomielite e potrebbero essere utilizzati per monitorare i pazienti ad alto rischio per la reinfezione. e IL-8 29% (sensibilità 85,7%, specificità 56,0% AUROC di 0,7343, IC 95% 0,54-0,93, P = 0,048) sono stati associati ad un aumentato rischio di reinfezione. I dati pilota suggeriscono che i biomarcatori sierici (ESR, IL8 e IL6, MCP-1) potrebbero essere correlati allo sviluppo dell’osteomielite e potrebbero essere utilizzati per monitorare i pazienti ad alto rischio per la reinfezione. e IL-8 29% (sensibilità 85,7%, specificità 56,0% AUROC di 0,7343, IC 95% 0,54-0,93, P = 0,048) sono stati associati ad un aumentato rischio di reinfezione. I dati pilota suggeriscono che i biomarcatori sierici (ESR, IL8 e IL6, MCP-1) potrebbero essere correlati allo sviluppo dell’osteomielite e potrebbero essere utilizzati per monitorare i pazienti ad alto rischio per la reinfezione.

[Tratto da: www.pubmed.gov ]06

Derivati ​​delle cellule staminali mesenchimali come nuovo e potenziale approccio terapeutico per il trattamento delle ulcere del piede diabetico

La morbilità e la mortalità dell’ulcera diabetica stanno aumentando drasticamente in tutto il mondo, rafforzando l’urgenza di proporre interventi più efficaci per trattare una condizione così devastante. In precedenza, utilizzando un modello di topo diabetico, abbiamo dimostrato che la somministrazione di derivati ​​delle cellule staminali mesenchimali del midollo osseo è più efficace dell’uso delle sole cellule staminali mesenchimali del midollo osseo. Qui, abbiamo usato i trattamenti di cui sopra su tre pazienti con ulcere del piede diabetico di grado 2 e valutato i loro effetti benefici, rispetto all’approccio convenzionale. Nel presente studio, due dosi di derivati ​​cellulari, una dose di cellule staminali mesenchimali o una dose di veicolo (soluzione salina con il 5% di albumina umana), sono state iniettate per via intradermica attorno alle ferite. Il processo di guarigione delle ferite e i cambiamenti sulla riepitelizzazione sono stati valutati macroscopicamente fino alla completa chiusura delle ulcere. Tutte le ulcere sono state contemporaneamente trattate con un trattamento convenzionale (medicazione PolyMen®). I pazienti trattati con derivati ​​cellulari o cellule staminali mesenchimali hanno raggiunto percentuali più elevate di chiusura della ferita in tempi più brevi, rispetto al paziente trattato con il trattamento convenzionale. L’approccio derivato da cellule e cellule staminali mesenchimali ha portato alla completa chiusura della ferita e ad una migliore rigenerazione della pelle ad un certo punto tra i giorni 35 e 42, sebbene non siano state osservate differenze tra questi due trattamenti. Inoltre, le ferite trattate con il trattamento convenzionale sono guarite dopo 161 giorni. La somministrazione intradermica di derivati ​​cellulari ha migliorato la guarigione della ferita in misura simile alle cellule staminali mesenchimali. Così,

Punti di apprendimento: Nei modelli di topo diabetico, la somministrazione di derivati ​​delle cellule staminali mesenchimali ha dimostrato di essere più efficace dell’uso delle sole cellule staminali mesenchimali del midollo. Le cellule staminali mesenchimali sono state esplorate come un’opzione terapeutica attraente per il trattamento delle ulcere non cicatrizzanti. I derivati ​​delle cellule staminali mesenchimali accelerano la riepitelizzazione delle ulcere del piede diabetico.

Parole chiave: 2020; Acetaminofene*; Acido acetilsalisilico *; atorvastatina; carvedilolo; Colombia; Le citochine; Dermatologia; Diabete; Sindrome del piede diabetico; Ulcerazione del piede diabetico; Diclofenac *; Tessuto di ganulazione *; geriatrica; Fattori di crescita*; Ispanico o Latino – Centroamericano o Sudamericano; L’iperglicemia; Insulina; Insulina glargine; Insulina glulisina; Luglio; levotiroxina; losartan; Maschio; Trapianto di derivati ​​di cellule staminali mesenchimali *; Trapianto di cellule staminali mesenchimali *; Metformina; Nuovo trattamento; Saline; Pelle; Area della ferita *; Chiusura della ferita *; Profondità della ferita *; Dimensione della ferita *; Volume della ferita *.

figure

Figura 1

figura 2

CONTROLLO GLICEMICO ED ESITI DELL’ULCERA DEL PIEDE DIABETICO: UNA REVISIONE SISTEMATICA E UNA META-ANALISI DI STUDI OSSERVAZIONALI

PUNTI SALIENTI

Il ruolo del controllo glicemico nelle ulcere del piede diabetico (DFU) non è chiaro.

Le meta-analisi precedenti hanno incluso un numero limitato di studi.

Alti A1C e glucosio a digiuno sono associati ad un aumentato rischio di amputazione nei pazienti con DFU.

A1C e glucosio non erano associati alla guarigione delle ferite.

ASTRATTO

Obbiettivo

Per valutare l’associazione tra controllo glicemico (emoglobina A1C, glucosio a digiuno e glucosio casuale) e gli esiti della guarigione delle ferite e dell’amputazione degli arti inferiori (LEA) tra i pazienti con ulcere del piede diabetico (DFU).

Progettazione e metodi di ricerca

Medline, EMBASE, Cochrane Library e Scopus sono stati cercati studi osservazionali pubblicati fino a marzo 2019. Cinque revisori indipendenti hanno valutato in duplice idoneità ogni studio sulla base di criteri di ammissibilità predefiniti e due revisori indipendenti hanno valutato il rischio di parzialità. È stata eseguita una meta-analisi per calcolare un odds ratio (OR) o un hazard ratio (HR) raggruppati utilizzando effetti casuali per misure glicemiche in relazione agli esiti della guarigione della ferita e del LEA. Sono state condotte analisi di sottogruppi per esplorare la potenziale fonte di eterogeneità tra gli studi. Il protocollo di studio è registrato con PROSPERO (CRD42018096842).

risultati

Dei 4572 record di studio sottoposti a screening, 60 studi osservazionali hanno soddisfatto i criteri di ammissibilità degli studi, di cui 47 studi avevano dati appropriati per l’inclusione in una o più meta-analisi ( n  = 12.604 DFU). Per gli studi di coorte che hanno confrontato A1C> 7,0 al 7,5% rispetto a livelli di A1C inferiori, l’OR aggregato per LEA era 2,04 (IC 95%, 0,91, 4,57) e per gli studi che hanno confrontato A1C ≥ 8% vs. <8%, l’OR raggruppato per Il LEA era di 4,80 (IC al 95% 2,83, 8,13). Per gli studi di coorte che hanno confrontato la glicemia a digiuno ≥126 rispetto a <126 mg / dl, l’OR aggregato per LEA era 1,46 (IC al 95%, 1,02, 2,09). Non c’era associazione con la categoria A1C e la guarigione delle ferite (OR o HR). C’era un alto rischio di distorsione rispetto alla comparabilità delle coorti poiché molti studi non si sono adattati ai potenziali fattori di confondimento nell’associazione tra controllo glicemico e risultati della DFU.

conclusioni

I nostri risultati suggeriscono che livelli di A1C ≥8% e livelli di glucosio a digiuno ≥126 mg / dl sono associati ad un aumento della probabilità di LEA nei pazienti con DFU. È necessario uno studio prospettico progettato appositamente per comprendere meglio i meccanismi alla base dell’associazione tra iperglicemia e LEA.

[Tratto da: https://diabeticfootonline.com ]

Ebook gratuito sul piede diabetico

Il Piede Diabetico è, come la retinopatia diabetica, una complicanza d’organo del diabete. Tale patologia si verifica quando i nervi (neuropatia) o i vasi (vasculopatia) sono compromessi e determinano da una parte una ridotta sensibilità, pelle particolarmente secca (soprattutto al calcagno) e alterazioni dell’anatomia del piede con un alterato appoggio, dall’altra una cattiva circolazione.

Non sempre si è consapevoli di queste alterazioni per cui bisogna fare delle visite specifiche per identificarle (dal diabetologo o podologo) e nello stesso tempo ispezionare i piedi quotidianamente per non rischiare di andare incontro a complicazioni; spesso infatti piccole ferite o alterazioni della pelle, come rossori, calli, gonfiori possono essere scoperte in ritardo, posticipando diagnosi e cure appropriate che evitino il peggio (amputazione).

Anche calzature inadeguate (comprese le “innocue” pantofole) possono creare problemi seri, per cui bisogna porre sempre molta attenzione!

L’e-book non vuole essere un testo Accademico, ma un piccolo strumento in aiuto del caregiver, figura troppo spesso dimenticata ma fondamentale per l’approccio globale del malato fragile affetto da ulcere di tipo diabetico. Scoprite se quello che conoscete sul Piede Diabetico è vero o falso.

Il vademecum è curato dal Dott. Ivan Santoro, Infermiere esperto in Wound Care Alzano Lombardo (BG), in collaborazione con la Dott.ssa Fabrizia Toscanella, Referente U.O. piede diabetico INRCA IRCCS Ancona.

Scaricate il volume: Vademecum – Vero o Falso – Piede Diabetico