Le 10 maggiori minacce per la salute a livello mondiale nel 2019, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità

L’  Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato una lista di 10 minacce alla salute globale mentre l’agenzia lancia il suo piano strategico quinquennale per assicurare “1 miliardo di persone in più beneficiano dell’accesso alla copertura sanitaria universale, 1 miliardo di persone sono protette dalle emergenze sanitarie e 1 Altre milioni di persone godono di una salute e di un benessere migliori “.

»  CORRELATO: Rimangono 12 anni per agire sui cambiamenti climatici, avverte l’ONU

Per raggiungere gli obiettivi del  13 ° Programma generale di lavoro , l’OMS ei suoi partner sanitari dovranno affrontare i seguenti 10 punti:

Cambiamenti climatici e inquinamento atmosferico

Nel 2019, l’inquinamento atmosferico è il “più grande rischio ambientale per la salute”, secondo l’OMS. I ricercatori ritengono che inquinanti microscopici nell’aria siano responsabili di uccidere 7 milioni di persone ogni anno prematuramente a causa di malattie come il cancro ai polmoni, le malattie cardiache e l’ictus. L’atto di bruciare combustibili fossili è considerato la fonte primaria di inquinamento atmosferico e contribuisce in modo significativo al cambiamento climatico. Secondo l’OMS, “tra il 2030 e il 2050, si prevede che il cambiamento climatico causerà 250.000 morti supplementari all’anno, da malnutrizione, malaria, diarrea e stress da calore”. L’agenzia, insieme alle Nazioni Unite, mira a rafforzare l’azione globale per il clima in 2019.

»  RELATED: Come i cambiamenti climatici potrebbero causare 26.000 nuovi suicidi negli Stati Uniti entro il 2050

Malattie non trasmissibili

Tali malattie (diabete, malattie cardiache o cancro) sono responsabili del 70% delle morti nel mondo. Alcuni dei principali fattori di rischio delle malattie non trasmissibili includono l’uso di tabacco, l’inattività fisica e il binge drinking, tra gli altri – tutti fattori che esacerbano anche problemi di salute mentale. Un modo in cui l’OMS spera di aiutare: lavorare con i governi per raggiungere l’obiettivo di ridurre l’inattività fisica del 15% entro il 2030.

»  RELATIVO: I ricercatori scoprono 566 geni che colpiscono il tabacco, l’uso di alcol

La pandemia influenzale globale

L’OMS si aspetta che il mondo veda un’altra pandemia influenzale, ma esattamente quando o quanto sarà grave la pandemia sarà sconosciuta. I ricercatori continueranno a monitorare il comportamento e la circolazione dei virus attraverso 153 istituzioni in 114 paesi e raccomandano quali ceppi dovrebbero essere inclusi nel vaccino antinfluenzale annuale.

»  CORRELATO: è l’influenza o il raffreddore? Come distinguere

Le impostazioni fragili e vulnerabili del mondo

Conflitto, siccità, dislocamento, carestia e altri ostacoli lasciano oltre 1,6 miliardi di persone – o il 22% della popolazione mondiale – senza accesso alle cure di base. I ricercatori dell’OMS sperano di continuare a lavorare nei paesi colpiti per rilevare e rispondere alle sfide.

»  CORRELATO: I cambiamenti climatici porteranno 143 milioni di persone all’interno entro il 2050, avvertono gli scienziati

Resistenza antimicrobica

Mentre farmaci come antibiotici, antivirali e antimalarici sono considerati “alcuni dei più grandi successi della medicina moderna”, la resistenza antimicrobica è una “minaccia crescente”. Tale resistenza è il risultato di un “uso eccessivo di antimicrobici nelle persone, ma anche negli animali” utilizzati per la produzione alimentare o l’ambiente. La resistenza “rischia di riportarci in un momento in cui non siamo stati in grado di trattare facilmente infezioni come polmonite, tubercolosi, gonorrea e salmonellosi. L’incapacità di prevenire le infezioni potrebbe compromettere seriamente la chirurgia e le procedure come la chemioterapia “, secondo l’OMS. L’agenzia sta lavorando a un piano d’azione globale per affrontare il problema e incoraggiare un uso prudente degli antimicrobici.

»  CORRELATO: Gli antibiotici possono fare più male che bene? Il nuovo studio esamina gli effetti sulla salute orale

Ebola e altri agenti patogeni ad alta minaccia

Dopo due focolai epidemici di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo nel 2018, esperti mondiali di sanità pubblica hanno esortato l’OMS ad affrontare le crescenti sfide nel combattere epidemie e emergenze sanitarie nelle aree urbane e ha chiesto all’agenzia di rendere il 2019 un “(y) orecchio di azione sulla preparazione per le emergenze sanitarie “.

»  CORRELATO: Il museo CDC di Atlanta guarda al punto zero della peggiore epidemia di Ebola

Assistenza sanitaria primaria debole o inadeguata

Molti paesi non dispongono ancora di adeguate strutture di assistenza sanitaria di base, secondo l’OMS. Per ottenere una copertura sanitaria universale, è indispensabile disporre di un’assistenza sanitaria di base. L’OMS spera di continuare a rafforzare le cure primarie in tutto il mondo.

La riluttanza o il rifiuto di vaccinare

Con il miglioramento della “copertura globale delle vaccinazioni”, i ricercatori dell’OMS ritengono che 1.5 milioni di decessi prevenibili dai vaccini potrebbero essere evitati ogni anno. I vaccini attualmente impediscono da 2 a 3 milioni di morti all’anno. “Il compiacimento, l’inconveniente nell’accedere ai vaccini e la mancanza di fiducia” sono alcuni dei principali motivi per cui le persone scelgono di non vaccinare, ma gli operatori sanitari sono invitati a fornire informazioni attendibili e credibili per sradicare l’esitazione. 

»  RELATIVO: I vaccini possono salvare circa 24 milioni di persone dalla povertà, dicono i ricercatori

Dengue

La malattia trasmessa dalle zanzare, che presenta sintomi simil-influenzali ed è un problema crescente in Bangladesh e in India, può uccidere fino al 20% di quelli infettati da grave dengue. Si stima che il 40% del mondo sia a rischio di febbre dengue. L’Oms sta lavorando per ridurre le morti del 50% entro il 2020 attraverso la sua  strategia di prevenzione e controllo della Dengue .

Epidemia di HIV

Quasi un milione di persone muoiono ogni anno a causa dell’HIV / AIDS e le giovani ragazze e le donne nell’Africa subsahariana sono particolarmente a rischio. L’OMS spera di lavorare a fianco dei paesi per introdurre test autodiagnostici in aziende e organizzazioni.

[Tratto da: www.ajc.com ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.