La trombina della proteina coagulante può ridurre la probabilità di infezione della ferita batterica che porta alla sepsi

La trombina proteica è vitale per assicurare la coagulazione del sangue in una ferita, ma una nuova ricerca suggerisce che piccoli frammenti di esso, chiamati peptidi C-terminali derivati ​​dalla trombina (TCP), potrebbero anche ridurre il rischio di sepsi in risposta alla contaminazione batterica.

In collaborazione con ricercatori di Singapore, Svezia e Copenaghen, gli scienziati dell’Istituto di bioinformatica A * STAR hanno condotto modellazioni al computer ed esperimenti per esplorare il ruolo svolto dai TCP, meno di 20 aminoacidi a lungo, che si formano quando la trombina viene scissa come parte del processo di coagulazione del sangue.

“La biologia non è dispendiosa, e quando questa proteina viene tagliata, i bit hanno molte altre funzioni oltre a essere solo uno spettatore nel processo di coagulazione”, afferma Peter Bond, del A * STAR Bioinformatics Institute.

Si sa che i TCP si legano alle molecole lipidiche che si trovano sulla superficie dei batteri, chiamate lipopolisaccaridi. I lipopolisaccaridi batterici sono fattori chiave per la risposta immunitaria iperattiva che può portare all’infezione del sangue potenzialmente fatale, sepsi. Formando aggregati con i lipopolisaccaridi, i peptidi di trombina a catena corta li assorbono efficacemente e li neutralizzano.

Tuttavia, il meccanismo con cui lo fanno non è ben compreso, e ci sono prove che suggeriscono che i TCP fanno di più che semplicemente eliminare i lipopolisaccaridi batterici in eccesso.

In questo studio, i ricercatori hanno utilizzato una serie di tecniche, tra cui spettroscopia di risonanza magnetica nucleare e spettrometria di massa , per elaborare la struttura tridimensionale degli aggregati di peptidi e lipopolisaccaridi della trombina HVF18 . Con queste informazioni, Bond e il suo team sono stati in grado di modellare un TCP e le sue interazioni con lipopolisaccaridi per capire meglio come si uniscono e si aggregano.

Hanno scoperto che i TCP sembrano interagire con un recettore chiamato CD14, che si trova sulla superficie delle cellule immunitarie. È noto che il CD14 si lega ai lipopolisaccaridi batterici in un processo che avvia una risposta immunitaria infiammatoria e potenzialmente causa anche la sepsi.

La modellazione suggerisce che i TCP in qualche modo bloccano il funzionamento del CD14 associato ai lipopolisaccaridi batterici, e quindi aiutano ad evitare un’estrema risposta immunitaria.

“Questa è la cosa interessante di tutti questi peptidi: sembra che la natura sviluppi non solo un tipo di arma, ma un’intera gamma di armi con molte funzionalità diverse”, dice Bond. “Da un lato, servono a uccidere i batteri, dall’altro servono a proteggere il sistema immunitario dall’infiammazione”.

Comprendendo meglio la struttura e la funzione di questi peptidi a catena piccola, la speranza è di usarli per sviluppare migliori trattamenti anti-infettivi.

Fornito dall’Agenzia per la scienza, la tecnologia e la ricerca (A * STAR), Singapore

Esplorare ulteriormente: ripensare la connessione dell’obesità di un recettore infiammatorio

[Tratto da: www.medicalxpress.com ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.