Il dolore è una sensazione o un’emozione?

Potremmo imparare una cosa o due dalla comprensione della sofferenza degli antichi Greci.

Gli Stati Uniti usano un terzo degli oppioidi del mondo, ma un quinto degli americani afferma ancora di soffrire di dolore cronico. L’unico effetto dimostrabile di due decenni di prescrizione diffusa di oppioidi è stato un danno catastrofico. Con oltre 47.000 americani che muoiono di overdose da oppiacei nel 2017 e centinaia di migliaia di loro più dipendenti da loro, è stato recentemente riportato che, per la prima volta, gli americani avevano maggiori probabilità di morire di oppioidi che di incidenti stradali .

Ciò ha costretto molti a fare un passo indietro e ponderare la natura stessa del dolore , per capire come alleviarlo al meglio.

Gli antichi greci consideravano il dolore una passione – un’emozione piuttosto che una sensazione come il tatto o l’olfatto. Durante il Medioevo in Europa, il dolore era visto come una punizione per i peccati, un’esperienza spirituale ed emotiva alleviata dalle preghiere piuttosto che dalle prescrizioni.

Nel diciannovesimo secolo, la secolarizzazione della società occidentale ha portato alla secolarizzazione del dolore . Non era più una passione da sopportare, ma una sensazione da reprimere.

Il concetto di dolore come fenomeno puramente fisico raggiunse il suo apice negli anni ’90, quando organizzazioni mediche come l’ American Pain Society e il Department of Veterans Affairs riuscirono a far sì che il dolore designasse un “quinto segno vitale”, insieme a pressione sanguigna, temperatura e respiro e frequenza cardiaca.

Ciò ha coinciso con il rilascio di oppioidi a lunga durata d’azione come OxyContin. I medici credevano di avere un rimedio efficace per la sofferenza dei loro pazienti.

Mentre gli oppioidi aiutano molti pazienti con dolore acuto a causa di lesioni, interventi chirurgici o condizioni come il cancro, guardando indietro è chiaro che l’uso di oppioidi per trattare il dolore cronico – mal di schiena, ginocchia e simili – potrebbe essere considerato il peggior errore medico della nostra era.

Decenni di ricerca suggeriscono che gli oppiacei forniscono poco o nessun beneficio per il dolore cronico non canceroso. Un recente studio randomizzato su persone con dolore cronico alle articolazioni e alla schiena ha mostrato che i pazienti che assumevano oppioidi hanno manifestato un lieve dolore in più rispetto a quelli che assumevano farmaci come il paracetamolo e l’ibuprofene.

Perchè è questo? Gli studi hanno dimostrato che gli oppioidi possono ridurre le soglie del dolore dei pazienti . Possono anche provocare una condizione chiamata iperalgesia indotta da oppioidi , in cui le persone avvertono sempre più dolore quando vengono prescritte dosi sempre più elevate di oppioidi.

Il pensiero convenzionale sul dolore come puramente uno stimolo fisico ci ha chiaramente deluso. Forse gli antichi greci sapevano qualcosa che noi non sappiamo.

Mentre l’espressione che la sofferenza è “tutto nella tua testa” è troppo spesso usata per diminuire l’agonia degli altri, la mente gioca un ruolo fondamentale nell’esperienza del dolore. Dopo che un segnale di dolore raggiunge il cervello, subisce un significativo ritrattamento .

Quanto fa male qualcosa può variare a seconda di fattori come le tue aspettative, il tuo umore e quanto sei distratto. Anche vedere qualcun altro nel dolore può farti sentire peggio. Questo fenomeno è stato dimostrato in studi su roditori e umani . In altre parole, il dolore è contagioso e trasmissibile.

Esiste anche un’associazione incredibilmente forte tra dolore e salute mentale . Condizioni come depressione e ansia aumentano notevolmente la possibilità di sviluppare dolore cronico, mentre i pazienti che soffrono di dolore sono ad alto rischio di sviluppare depressione o ansia. Questo circolo vizioso è in parte il risultato del fatto che vi è una considerevole sovrapposizione nelle aree del cervello che si occupano di dolore ed emozione.

Ulteriori indizi sulla linea confusa tra sensazione e percezione derivano dal raccapricciante compagno di dolore: prurito.

La sensazione di prurito, che viene percepita da alcuni degli stessi recettori della pelle che sono alla ricerca del dolore, può sembrare un fenomeno puramente fisico, ma non lo è. Anche solo vedere qualcun altro graffiare o pensare di provare solletico può farti prudere. Come il dolore, può essere alleviato dalla distrazione. E come il dolore, è strettamente legato a problemi di salute mentale come la depressione e il disturbo ossessivo compulsivo.

Tutto ciò non vuol dire che non vi sia alcuna componente fisica in questi sentimenti. Oggettivamente, non vi è dubbio che malattie e lesioni possono causare immense sofferenze. La domanda è quanto sia grave questa sofferenza e quanto dura. Recenti ricerche mostra che la sensibilità al dolore varia in modo significativo tra le persone, molto probabilmente a causa di differenze genetiche . C’è così tanto che ancora non capiamo la biologia fondamentale del dolore e che deve cambiare.

Nel frattempo, c’è molto che possiamo fare per affrontare l’epidemia di dolore americana. Per troppo tempo l’industria farmaceutica ha offuscato la nostra visione. È stato appena rivelato in tribunale che le case farmaceutiche hanno ampiamente sottovalutato i rischi degli oppioidi, mentre miliardi di dollari nel marketing hanno detto alla gente che le pillole erano l’unica risposta ai loro disturbi.

C’è un urgente bisogno di aumentare i finanziamenti per la ricerca di strategie che non implicano solo l’assunzione di più farmaci. Non tutte le persone che soffrono di dolore acuto sviluppano dolore cronico. Dobbiamo imparare di più su quali interventi funzionano per impedire questa trasformazione.

La gestione del dolore dovrebbe continuare ad essere enfatizzata nell’educazione medica, ma ai futuri medici dovrebbe essere insegnato che il dolore fa parte della storia della persona che ne soffre, non solo un fenomeno fisico separato. E questa educazione dovrebbe includere modi per evitare la prescrizione di oppioidi per uso cronico.

I progressi sono già in corso, dal momento che i tassi di prescrizione di oppiacei sono in calo dal 2012 negli Stati Uniti. Ma abbiamo ancora molta strada da fare: la quantità di oppioidi prescritta per persona rimane tre volte superiore a 20 anni fa.

Forse lo strumento più importante di cui i medici hanno bisogno per gestire il dolore è l’empatia.

Se il dolore cronico è sia un’emozione che una sensazione, è improbabile che venga gestito con successo senza compassione. Uno studio del 2017 condotto da medici spagnoli ha scoperto che coloro i cui pazienti li consideravano empatici erano più efficaci nell’alleviare il dolore dei loro pazienti. La terapia fisica che non solo manipola le articolazioni, ma affronta anche il contesto in cui il dolore prende vita, incoraggia l’ottimismo e costruisce la resilienza emotiva che è stata trovata più efficace .

Tutto ciò richiede più tempo e attenzione rispetto alla semplice prescrizione di una pillola, e sfortunatamente il nostro sistema sanitario incoraggia i medici a vedere il maggior numero possibile di pazienti il ​​più rapidamente possibile. Dobbiamo cambiare il modo in cui i medici vengono pagati per dare loro il tempo di parlare davvero con i pazienti del loro dolore.

Di nuovo a scuola di medicina, ho dislocato un disco nella mia schiena. In un attimo il dolore divenne il mio compagno costante: fu l’ultima cosa che provai prima di dormire, la prima sensazione che provai quando mi svegliai. Incapace di lasciare il mio dormitorio, sono caduto in un buco nero. Avevo un bell’aspetto all’esterno ma era mangiato dalle tarme all’interno. Ero fermamente convinto che avrei evitato gli antidolorifici, in particolare gli oppioidi. Non avevo idea della scienza che sarebbe emersa nei prossimi anni. Sentivo che il dolore era il modo in cui il mio corpo mi diceva che c’era qualcosa che non andava e non volevo mettere a tacere quella voce con una soluzione temporanea. Ciò che mi ha tirato fuori dopo quasi un anno di agonia non è stata solo una rigorosa terapia fisica che ha rimodellato la mia schiena, ma anche la gentilezza dei miei amici, della mia famiglia e della mia futura moglie.

Quando vedo un paziente con dolore cronico, provo a vedere quella persona attraverso gli occhi del mio io più giovane. Quando qualcuno avverte dolore cronico, non c’è modo di quantificarlo: nessun esame del sangue da tracciare, nessun test di imaging da ordinare. Richiede ai medici di praticare la medicina come era molto prima della scoperta della morfina. In sostanza, rappresenta il più puro degli incontri medici e un’opportunità, se non quella di curare, quindi di guarire.

[Tratto da: www.nytimes.com ]08

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.