La guarigione delle ferite residue degli arti è necessaria per prevenire ulteriori perdite degli arti e migliorare la qualità della vita. Per i pazienti con diabete e malattia vascolare periferica grave (PVD) con perdita di tessuto, questi autori dimostrano in una serie di casi come una matrice di tessuto connettivo placentare può essere utilizzata per guarire le ferite che hanno fallito la cura delle ferite postoperatorie standard.

Ogni anno negli Stati Uniti vengono eseguite circa 300.000 amputazioni sotto il ginocchio (BKA), la maggior parte in pazienti con diabete non controllato o malattia vascolare periferica (PVD). 1 Poiché la prevalenza di queste comorbidità è aumentata, è aumentata anche la percentuale di BKA e le successive complicanze postoperatorie. Il diabete e la PVD sono comorbidità per BKA, ma sono anche associate a un rischio più elevato di infezione postoperatoria e scarsa guarigione delle ferite. Sebbene i pazienti che subiscono un BKA, rispetto alle amputazioni sopra il ginocchio (AKA), mostrino maggiori tassi di infezione postoperatoria e necessitino di interventi chirurgici di revisione, il BKA offre una funzione deambulatoria postoperatoria e una mortalità più favorevoli. 2

Uno studio di Sanders e Fatone dimostra che un tempo adeguatamente precoce per l’adattamento protesico offre il ripristino di un modello di andatura più naturale, mobilità a lungo termine e qualità della vita. 3 Vogel e colleghi hanno esaminato l’associazione tra il livello di amputazione e il ritorno all’attività postoperatoria, riferendo che i pazienti con AKA hanno dimostrato un ritorno più lento alle attività della vita quotidiana. 4 Come tale, vengono effettuati tentativi proattivi per preservare il ginocchio quando si considera un intervento di amputazione, specialmente nei pazienti che sono a maggior rischio di revisione successiva per migliorare la qualità della vita e la mobilità del paziente. 5

Affinché la ferita da BKA possa guarire, deve esserci un flusso sanguigno adeguato ai lembi cutanei distali. Molti casi clinici suggeriscono che il 15% dei pazienti che ricevono BKA vengono convertiti in AKA. 6 Questo tasso di conversione raggiunge il 35% nei gruppi ad alto rischio, come quelli con diabete o malattie vascolari periferiche, che possono mostrare una diminuzione del flusso sanguigno nella regione. 7

Hasanadka e colleghi hanno utilizzato il database del National Surgical Quality Improvement Program per esaminare le complicanze postoperatorie nei pazienti sottoposti ad amputazione degli arti inferiori. 8Hanno notato che in media il 5,1% dei pazienti sviluppa infezioni del sito superficiale, il 2,9% sviluppa infezioni da incisione profonda e l’1,7% delle ferite dehisce. Con queste ferite complesse è difficile citare un tempo previsto per la guarigione poiché i pazienti hanno comorbidità significative e complicanze del moncone. Inoltre, poiché non esiste un preciso standard di cura per i pazienti con BKA postoperatorio che richiedono valutazione e cura della ferita, ogni istituto ha una diversa modalità di trattamento.

Molti trattamenti aggiuntivi postoperatori, come la terapia delle ferite a pressione negativa (NPWT) e l’ossigenoterapia iperbarica (HBOT), sono stati utilizzati per la conservazione del moncone BKA e AKA con varie efficacia segnalate. 9,10Inoltre, i derivati ​​del tessuto connettivo sono stati utilizzati per decenni in aggiunta alla guarigione delle ferite. Le loro proprietà suggerite non immunogeniche, antimicrobiche e antinfiammatorie hanno ispirato lo sviluppo di diverse matrici che sfruttano queste proprietà terapeutiche per l’applicazione in vivo. 11 I

prodotti a matrice di tessuto connettivo placentare sono stati utilizzati con successo per aumentare la guarigione delle ferite in alcune popolazioni ad alto rischio, come quelle con ferite ai piedi e alla caviglia, fistole enterocutanee e ustioni. 12-15 Questa serie di casi esamina l’uso di una matrice di tessuto connettivo placentare (PCTM) per guarire ferite complicate da BKA, con particolare attenzione alla guarigione di ferite complesse oltre allo standard di cura post-operatoria per questo campione di piccole dimensioni.

Revisione del caso

In questa revisione del caso, sono stati identificati 4 pazienti ed è stata eseguita una revisione retrospettiva della cartella per raccogliere dati demografici, anamnesi e riepiloghi chirurgici. Ognuno di questi quattro pazienti ha avuto un follow-up settimanale in una clinica per ferite vascolari che era supervisionata dal chirurgo operativo e dall’infermiere professionista, e queste visite sono state anche riviste tramite tabella. Questi quattro pazienti sono stati valutati per numero di applicazioni di PCTM, dimensione della ferita, tempo di guarigione e numero di visite cliniche.  

Ciascuno di questi pazienti è stato sottoposto a BKA per il trattamento delle complicanze della malattia vascolare periferica, come ulcere non cicatrizzanti, infezioni dei tessuti locali o cancrena. Lo stesso chirurgo vascolare certificato dalla commissione ha eseguito ogni BKA in questo studio per un periodo di sei mesi nel 2019. I principali risultati valutati in questo studio includevano il tempo di guarigione della ferita e le comorbidità dei pazienti con BKA ad alto rischio.

Il numero medio di applicazioni di PCTM era 4 (range 1–8) (vedi immagini). Lo stesso marchio PCTM, Grafix (Osiris Therapeutics), è stato utilizzato in tutti i pazienti. Inoltre, sono state utilizzate anche terapie aggiuntive tradizionali come medicazioni da umido a secco, cloropicrina e Santyl (Smith e Nephew) insieme allo sbrigliamento settimanale per aiutare la guarigione.

Sono stati valutati anche i dati demografici e l’età media complessiva della coorte era di 59 anni (range 47-69 anni). La malattia cardiovascolare era presente nel 50% (2/4), l’ipertensione era presente nel 75% (3/4) e la malattia renale allo stadio terminale era presente nel 50% (2/4) dei pazienti. L’anamnesi di precedente rivascolarizzazione degli arti inferiori non riuscita era presente nel 100% (4/4) dei pazienti insieme a perdita di tessuto e / o cancrena….

Per leggere tutto l’ articolo digita –> QUI

[Tratto da: www.todayswoundclinic.com ]

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.