Un’infezione del piede diabetico (DFI) contribuisce all’elevata mortalità e morbilità nei diabetici a causa della sua infezione spesso rapida, progressiva e trattabile in modo complesso. Le DFI sono solitamente un’infezione polimicrobica e caratterizzare l’intera carica batterica è ancora difficile. Il trattamento tempestivo ed efficace del DFI è tuttavia obbligatorio per la sicurezza degli arti e della vita. È quindi fondamentale conoscere lo spettro dei patogeni locali e la sua suscettibilità agli antibiotici.

Per un periodo di 12 mesi, abbiamo studiato 353 individui con ulcera del piede diabetico infetto, la loro diversità batterica e suscettibilità antimicrobica durante la prima visita in un centro per la cura del piede diabetico nel sud della Germania.

Le colture hanno prodotto 888 specie, la maggior parte delle quali cocchi gram-positivi ( Staphylococcus aureus primario ). Il settore gram-negativo era formato principalmente da Pseudomonas aeruginosa ed Enterobacteriacae . Poiché la prevalenza di specie multiresistenti era sorprendentemente bassa (0,9% dei ceppi isolati), suggeriamo penicilline con inibitore della β-lattamasi in caso di infezione dominata da gram-positivi o piperacillina / tazobactam o piuttosto carbapenemi con uguale efficacia quando le specie gram-negative sono coinvolti…

[Tratto da: www.journals.sagepub.com ]

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.