Official Site IL DITO NELLA PIAGA

Perchè parlare del Wound Care si può? NO, si deve! DAL 2017

Il nuovo sistema di terapia delle ferite a pressione negativa fornisce un’erogazione accurata della pressione e un’eccezionale capacità di gestione dei fluidi

La terapia delle ferite a pressione negativa (NPWT) è una modalità ampiamente accettata nel trattamento di ferite complesse. 1 Tuttavia, ci sono requisiti fondamentali 2 non incorporati in tutti gli attuali sistemi NPWT che devono essere soddisfatti per realizzare i suoi benefici clinici completi, che includono (1) fornire con precisione un determinato livello di pressione negativa al letto della ferita, (2) creare un gradiente di pressione tra il letto della ferita e il contenitore dei rifiuti per rimuovere efficacemente il fluido e prevenire il ristagno nel tubo e (3) mantenere un ambiente della ferita sigillato. L’obiettivo di questa indagine 3consisteva nell’utilizzare un modello di ferita simulato per confrontare la capacità di due sistemi NPWT (Sistema A, Invia® Liberty™ [Medela AG] e Sistema B, VACULTA™ [3M+KCI]) di fornire livelli prestabiliti di NPWT e gestire contemporaneamente volumi di essudato della ferita simulato. *

METODO DI PROVA 1: EROGAZIONE PRECISA DELLA PRESSIONE AL LETTO DELLA FERITA

Questo test ha valutato la capacità del sistema A e del sistema B di fornire con precisione la pressione impostata alla ferita a tre diverse altezze rispetto al modello della ferita ed è stato ripetuto a due diverse impostazioni di pressione. I dati sono stati registrati tre volte per ogni impostazione di altezza e pressione ( Figura 1 ).

Figura 1.
Figura 1.: 

METODOLOGIA DI PROVA PER 1 M SOPRA, STESSO LIVELLO E 1 M SOTTO

Risultati. Sia il sistema A che il sistema B hanno erogato in modo accurato e preciso il livello impostato di pressione negativa indipendentemente dalla loro posizione rispetto al modello della ferita senza perdita di pressione. ( Figura 1 ).

METODO DI PROVA 2: RIMOZIONE EFFICIENTE DELL’ESUDATO

Il sistema A e il sistema B sono stati confrontati per valutare la loro capacità di rimuovere in modo efficiente il fluido simulato della ferita a un’impostazione di pressione di -125 mmHg. Il test è stato ripetuto tre volte per sistema. I modelli della ferita sono stati vestiti con i rispettivi kit di medicazione in schiuma nera specifici per ciascun sistema NPWT e i sistemi sono stati impostati per simulare l’erogazione della terapia con la ferita e alla stessa altezza. Dopo l’applicazione della medicazione della ferita di ciascun sistema, la terapia è stata avviata e lasciata raggiungere uno stato stazionario (~10 minuti) e i sensori di pressione hanno confermato la pressione al letto della ferita di -125 mmHg. Successivamente, nel modello della ferita sono stati introdotti 150 ml di fluido simulato della ferita. Le misurazioni dei cicli del flusso d’aria, della pressione al letto della ferita e del peso del fluido nel contenitore sono state registrate continuamente ( Figura 2). Questo metodo di prova ha simulato una sfida con il fluido bolo e ha misurato la capacità distinta di ciascun sistema NPWT di reagire e gestire in modo efficiente il fluido della ferita. (I risultati mostrati qui rappresentano una pressione impostata di 125 mmHg con il dispositivo allo stesso livello del modello della ferita; osservazioni simili sono state fatte a una pressione impostata di -75 mmHg [dati non mostrati].)

Figura 2.
Figura 2.: 

METODO DI PROVA ALLO STESSO LIVELLO

Risultati. Il sistema A ha rimosso il fluido della ferita simulata in modo più efficiente rispetto al sistema B, evacuando l’89% del fluido dalla ferita simulata nel contenitore in meno di 20 minuti dopo l’introduzione del fluido. Il sistema B non ha raggiunto l’89% di rimozione del fluido per tutta la durata di 125 minuti dell’esperimento ( Figura 3 ).

Figura 3.
Figura 3.: 

CONFRONTO DEI TASSI DI RIMOZIONE DELL’ESUDATO

In meno di 20 minuti, il sistema A è stato in grado di ristabilire una pressione impostata di -125 mmHg, restituendo la pervietà e fornendo livelli costanti di terapia al letto della ferita. Il sistema B ha oscillato ampiamente dalla pressione impostata (-125 mmHg) durante tutto il metodo di prova. Inoltre, il sistema B aveva frequenti escursioni che superavano +/-10 mmHg della pressione impostata, con un impatto diretto sulla sua capacità di mantenere la pressione impostata sul letto della ferita ( Figura 4 ).

Figura 4.
Figura 4.: 

CONFRONTO DELLA PORTATA DI PRESSIONE AL LETTO DELLA FERITA

CONCLUSIONI

Questo studio ha dimostrato le tecnologie Intelligent Pressure Control™ e Dynamic Exudate Removal™ fornite da System A; ha migliorato la gestione dei fluidi e ha contribuito a ridurre il rischio di ostruzioni dei tubi dall’essudato simulato mantenendo una pressione impostata sul letto della ferita. I risultati confermano che la funzione Intelligent Pressure Control™ illustrata dal Sistema A soddisfa gli standard di cura. Inoltre, i risultati della prova del fluido bolo illustrano che la Dynamic Exudate Removal™ (esclusiva del Sistema A) ha consentito una rimozione più rapida ed efficiente dei volumi di fluido mantenendo la pressione impostata sul letto della ferita rispetto al Sistema B. Di conseguenza, il Sistema A innova lo standard di cura.

[ Tratto da: www.journals.lww.com ]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: