Wound Care Specialist: l’Infermiera Sonia Silvestrini tra le Eccellenze italiane del settore.

Ecco una delle prime Nurse Wound Care Specialist. Parliamo della collega nfermiera Sonia Silvestrini dell’OPI di Roma, che è tra le Eccellenze italiane del settore.

Ad intervistarla è stata la collega su PaeseRoma.it Emanuela Maria Maritato di AssoTutela. Parliamo di Sonia Silvestrini, Infermiera di 47 anni iscritta all’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Roma che, secondo gli esperti del settore, è tra le Nurse Wound Care Specialist italiane più competenti e preparate.

Cosa e come è stato per Lei il 2019 dal punto di vista professionale?

Il 2019 è stato un anno speciale quanto intenso, soprattutto grazie alle numerose iniziative del gruppo dei Volontari di Assotutela di cui ho l’onore di far parte e che rappresenta la ‘luce’ in fondo al tunnel dell’indifferenza.

Un grande gruppo di professionisti operanti in vari settori,il cui unico obiettivo è quello di donare il proprio cuore, tendere la mano e cercare di sopperire alle strette necessità dei meno fortunati.

I‘viaggi’ nel mondo degli ultimi tra gli ultimi, come distribuire sia pasti caldi che coperte nelle gelide notti invernali ai senzatetto, il cui unico ricovero è costituito dagli archi delle chiese, tettoie varie, ricoveri di fortuna ricavati con cartoni, per poi il giorno dopo essere comunque presenti e puntuali in servizio.

Ho incontrato tante persone durante queste esperienze, tante famiglie, che in una stretta di mano, in un sorriso, in un abbraccio, hanno dato più a me che io a loro.

Molte sono le iniziative benefiche di Assotutela alle quali lei ha preso parte come membro attivo della stessa; quali porta con se ancora oggi?

Emozionanti le collaborazioni per iniziative di volontariato con la Banda dell’Esercito Italiano capitanata dal 1° Luogotenente Renzo Tomò, che ringrazio per la sua disponibilità quanto quella di tutto il Corpo dei Militari della Cecchignola e del Celio, nonché il Maggiore Generale Giacomo Mammana ed il Corpo delle Crocerossine in cui spicca la stimatissima collega Benedetta Colasanti.

Essere presenti alla suggestiva inaugurazione dell’albero ‘Camillo’ innalzato da Assotutela, all’interno dell’Ospedale Sancamillo-Forlanini per ricordare la violenza sulle donne e sugl operatori sanitari, ma anche distribuire giocattoli il giorno di Natale ai piccoli pazienti della Pediatria, portando il cuore con parole di conforto ai genitori;indimenticabili i sorrisi, gli abbracci, le lacrime di commozione dei nostri pazienti per la distribuzione delle Calze della Befana…Dopotutto c’è sempre celato un bambino dentro di noi, a qualsiasi età e cercare di esaudire anche qualche desiderio è stato entusiasmante, come quello di Maria, discendente da una famiglia di carabinieri,era quello di poter incontrarli almeno per un’ultima volta, così è stato contattato il Comando dei Carabinieri di Piazza Dante che ringrazio davvero di cuore per aver accolto tale richiesta……Vedere il volto di Maria rigato di lacrime di felicità e di tanti sorrisi….. mi ha fatto sentire migliore …

Come non menzionare il collega Augusto Amicucci che ogni Natale regala a tutti i pazienti, visitatori ed operatori le sue performance canore, divenuto negli anni un evento atteso ed istituzionale nel reparto da me coordinato.

Non dimentichiamo mai che dietro la malattia c’è una persona con una sua identità, con una sua storia, come il giovane Marco, grande tifoso della Roma, che aveva gettato la spugna e non rispondeva più a nessuno stimolo, ma che grazie a Fabio Petruzzi, che ha accolto la mia preghiera venendo direttamente a trovarlo, ha fatto riaffiorare sul volto di Marco un sorriso, una gioia dimenticata e la forza di tornare a combattere, Grazie Fabio.

Sappiamo che lei nutre particolare attenzione sotto tutti i punti di vista per i suoi pazienti, se le dico Compleanno, lei cosa mi risponde?

Noi festeggiamo tutti i compleanni dei degenti, che siano orientati o meno, i palloncini sono sempre pronti, la mattina consulto la lista di tutti i degenti per non farmene sfuggire uno.

Wound Care Specialist Eccellenza 2019 che si riconferma anche per il 2020, ci parli nello specifico del suo complesso quanto accattivante mondo del Wound Care

Il mondo del Wound Care, ossia delle ferite cutanee soprattutto complesse, richiede una formazione specifica specialistica e sono ormai oltre vent’anni che mi dedico anima e corpo a questa branca, dove i pazienti che ne sono affetti hanno necessità di personale altamente qualificato.

Grazie al Direttore del Dipartimento delle Professioni Sanitarie del San Giovanni Addolorata di Roma Dr.ssa Antonella Leto, che riconoscendo questo mondo così complesso, ha reso possibile che io possa erogare consulenze wound care specialist esclusivamente ai pazienti ricoverati, facendo implementare una piattaforma informatica dedicata.

E’ un mondo che potrei definire ‘sommerso’ che coinvolge oltre 2 milioni di persone in Italia, di cui circa 300.000 bambini, ne sono colpite circa 80 milioni di persone al mondo e pertanto il 3% del budget sanitario viene speso per questa patologia che ha un alto impatto sociale, le conseguenze sono considerevoli, come ad esempio le amputazioni e la morte nei casi più gravi; basti pensare in Italia il 22,3% della popolazione è over 65 e che nel 2018 negli over 65 ci sono stati 65 mila decessi per complicazioni da lesioni da pressione.

Quanto si forma un’eccellenza per Essere Tale?

La mia formazione continua, sia nazionale che internazionale, mi ha portato ad analizzare le proprietà dei device a disposizione per trattare questi fenomeni, non mi soffermo alla semplice esplicazione del ‘bugiardino’, ma ‘entro’ nei dispositivi con tutti i canali di ricerca, studio le componenti e le molecole, avvalendomi nin alcuni casi, anche dell’ausilio del biologo e del biochimico di riferimento.

Grazie a questa innata ‘indole di curiosità’ ho potuto scoprire delle dinamiche importantissime di alcuni device, che erano sconosciute anche ai produttori stessi, ma che sono risultate fondamentali e risolutive in molti pazienti affetti da lesioni cutanee complicate, no-healing.

Tale competenza è stata presa in considerazione da varie autorità nazionali e mondiali del settore, essendo anche un docente universitario: l’Italiana Scuola d’Eccellenza in Wound Care (SEWC) dell’Associazione Italiana Ulcere Cutanee (AIUC) di cui sono stata nominata il coordinatore nazionale per l’area infermieristica; l’unico Wound Care Specialist Occidentale nominato come ‘committee member’ nella 2th International Conference on Biomaterials and Tissue Engineering a Tokyo – Giappone; l’invito ad esporre una relazione di un’ora al The World Union of Wound Healing Societies (WUWHS) ad Abu Dhabi – Emirati Arabi Uniti, promossa dal Dott. Craig Kennedy, CEO Inotec AMD Ltd –Cambridge U.K. e U.S.A. – per esser stato l’unico italiano ad aver pubblicato un articolo inerente l’efficacia ‘supplementary oxygen and wound healing’ sull’autorevole rivista internazionale ‘Wounds International’ e dove all’evento 2020 è stata accettata l’esposizione di n. 10 lavori scientifici inviati; la richiesta di collaborazione scientifica con esperti della Sanità Francese e Svizzera, dovuta alla presa in considerazione e visione di varie pubblicazioni effettuate, sia in campo nazionale che internazionale; la richiesta di collaborazione, aggiunta a parole di stima, del Prof Steven J. Berlin, Docente di Cattedra dell’Università di Boston, nonché Clinical Director nel Maryland – U.S.A.

Basilari nel raggiungimento di questo importantissimo traguardo sono stati i miei mentori come i Professori Elia Ricci, Marco Romanelli, Guido Ciprandi, Michelangelo Farina, Francesco Paolo Palumbo, Andrea Bellingeri, Corrado Maria Durante ed i fondamentali giochi di squadra con Alberto Garavello, Riccardo Garcea, Fabrizia Toscanella, Andrea Frasca, Nella Mosca, Marilena Palma, Marco Lassandro, Jane Clark, tutti professionisti eccelsi con un obiettivo comune: il wound healingh.

Il Covid come ha modificato la realtà sanitaria?

La Pandemia Covid-19 ci ha cambiato totalmente, i mesi passati sull’incertezza del futuro, ma anche del presente stesso, hanno dimostrato l’evidenza e l’importanza della professione infermieristica, risorsa indispensabile dei sistemi sanitari.

Ringrazio il Direttore della UOC Medicina Interna Dott. Giuseppe Lavra per la presenza, il sostegno continuo e quotidiano, UOC in cui rivesto il ruolo di Coordinatore Infermieristico e ringrazio infinitamente gli infermieri da me coordinati, a cui ho insegnato a non cadere, né a vacillare, veri e propri punti fermi, dove nei momenti di sconforto hanno avuto la forza ed il coraggio di non arrendersi mai, le mie rocce, tutti noi uniti da un filo invisibile, a loro va il mio plauso: Lorenza Latini, Angela De Angelis, Malgorzata Blazowska, Giulia Ceo, Marcello Di Mario, Assuntina Di Manno, Marco Chessa, Angela Silvestri, Antonio Cherubini, Sonia Cocco, Antonio Rutigliano, Stefano Racca, Giulia Pecoraro, Luana Petrucci, Enzo Canulli, Eleonora Leoncini e le Oss, vere colonne portanti, Silvia Ortega e Igina Coccoluto capitanate da Maurizio Saracino e Americo Taddei.

Indimenticabile la grande professionalità del Team degli addetti alla sanificazione capitanati da Fausto Caravella e Anastasia Arcadu, sempre presenti e disponibili.

A causa della pandemia, per la chiusura dei servizi, molti pazienti con lesioni cutanee complesse sono state lasciate a sé stessi o alla gestione familiare, con conseguente peggioramento e/o mortalità. Sono state molte le richieste d’aiuto che ho ricevuto da pazienti affetti da questa patologia e/o dai congiunti caregiver, sono stati supportati tutti in modalità smartwoking, mettendo a disposizione la mia professionalità, ottenendo risultati più che soddisfacenti. Proprio da questo mi è balenata l’idea di costituire un sistema informatico di supporto, unico al mondo nel suo genere, idea condivisa con le mie colonne di riferimento gli Infermieri Wound Care Specialist Ivan Santoro, genovese trapiantato a Bergamo ed Agata Russo di Torino, con i quali ho creato il percorso per la realizzazione del progetto, una stretta collaborazione professionale specialistica nata grazie all’AISLEC (Associazione Infermieristica Sulle Lesioni Cutanee).

Il sistema ‘stile network’, oltre ad avere un linguaggio standardizzato, fornirà linee di indirizzo inequivocabili basate su evidenze precise, a disposizione di utenti ed operatori, con lo scopo di guidare il percorso nelle scelte e di ridurre la discrezionalità, permetterà di avere a disposizione una rete di specialisti altamente formati nel wound care con possibilità di partecipare a ‘conference call’ con gli esperti, tramite prenotazione on-line, sarà possibile la ricerca multicentrica e fornire formazione da remoto con i migliori opinion- leader sia nazionali che internazionali.

Brava Sonia e in bocca al lupo per il futuro, sicuramente ancora pieno di speranze e di successi!

[Tratto da: www.assocarenews.it ]

Ebook gratuito sul piede diabetico

Il Piede Diabetico è, come la retinopatia diabetica, una complicanza d’organo del diabete. Tale patologia si verifica quando i nervi (neuropatia) o i vasi (vasculopatia) sono compromessi e determinano da una parte una ridotta sensibilità, pelle particolarmente secca (soprattutto al calcagno) e alterazioni dell’anatomia del piede con un alterato appoggio, dall’altra una cattiva circolazione.

Non sempre si è consapevoli di queste alterazioni per cui bisogna fare delle visite specifiche per identificarle (dal diabetologo o podologo) e nello stesso tempo ispezionare i piedi quotidianamente per non rischiare di andare incontro a complicazioni; spesso infatti piccole ferite o alterazioni della pelle, come rossori, calli, gonfiori possono essere scoperte in ritardo, posticipando diagnosi e cure appropriate che evitino il peggio (amputazione).

Anche calzature inadeguate (comprese le “innocue” pantofole) possono creare problemi seri, per cui bisogna porre sempre molta attenzione!

L’e-book non vuole essere un testo Accademico, ma un piccolo strumento in aiuto del caregiver, figura troppo spesso dimenticata ma fondamentale per l’approccio globale del malato fragile affetto da ulcere di tipo diabetico. Scoprite se quello che conoscete sul Piede Diabetico è vero o falso.

Il vademecum è curato dal Dott. Ivan Santoro, Infermiere esperto in Wound Care Alzano Lombardo (BG), in collaborazione con la Dott.ssa Fabrizia Toscanella, Referente U.O. piede diabetico INRCA IRCCS Ancona.

Scaricate il volume: Vademecum – Vero o Falso – Piede Diabetico

Assessment of Skin Properties in Chronic Lymphedema: Measurement of Skin Stiffness, Percentage Water Content, and Transepidermal Water Loss.

Lymphedema (LE) is a chronic progressive protein-rich edema of the soft tissues. Measurement of extracellular fluid of the affected limbs is widely used in detecting LE; however, quantification of the skin alterations and early tissue changes in LE lacks approaches. Ninety-one patients with LE were assessed. Measurement of transepidermal water loss (TEWL), skin stiffness (SF), and percentage water content (PWC) was assessed on five predetermined skin sites. The value of TEWL, SF, and PWC increased significantly in lymphedematous skin compare with controls, indicating damaged function and texture of the affected skin. Both PWC ratio and SF ratio strongly correlated with LE stage. High correlations were found among instruments assessing tissue fluid. Assessment of the skin parameters has contributed new information about the functional and structural alterations in chronic lymphedematous skin. Quantification of skin properties changes could be a valuable supplement to diagnosis and evaluation of chronic LE.

 

[Tratto da: www.bioportfolio.com ]

Le ulcere venose

Le ulcere venose, dette anche stasi, insufficienza o ulcere varicose, sono il risultato di malfunzionamento delle valvole venose che causano un aumento della pressione nelle vene . Questi si verificano in genere lungo la gamba distale (inferiore) mediale o laterale. L’ipertensione venosa risultante provoca un pool di sangue quando non viene pompato in modo efficiente verso il cuore, altrimenti noto come insufficienza venosa. Inoltre, l’aumento della pressione allunga le pareti venose , consentendo alle proteine ​​del sangue e delle cellule del sangue di penetrare nei tessuti sottocutanei, causando edemae l’eventuale rottura di detti tessuti a causa della mancanza di ossigeno e sostanze nutritive. In particolare, i depositi attorno ai capillari della fibrina proteica, che normalmente svolge un ruolo nella coagulazione, impediscono all’ossigeno e ai nutrienti di fluire verso i muscoli e i tessuti circostanti e, a loro volta, portano a necrosi e ulcerazione (Teoria della cuffia con fibrina).

Le vene sono responsabili del trasporto di sangue deossigenato al cuore da vari tessuti corporei. Il sistema venoso funziona a pressione sanguigna relativamente bassa, basandosi sulla contrazione e sull’espansione dei muscoli scheletrici per spingere il sangue oltre le valvole a senso unico nelle vene durante il suo ritorno al cuore. Il sistema circolatorio si basa su questo gradiente di pressione per spingere il sangue attraverso le arterie e nelle vene.

Sintomi di ulcere venose da insufficienza

Quando un’ulcera venosa inizia a svilupparsi, la dermatite da stasi può essere presente causando desquamazione ed eritema degli arti inferiori. Può anche verificarsi la colorazione dell’emosiderina, causando la presenza di chiazze brunastre o gialle sotto la pelle. Altre alterazioni cutanee possono includere la comparsa di rosso scuro o viola a seguito della lisciviazione del sangue nel tessuto circostante. Le ulcere venose si presentano con ferite poco profonde ma di grandi dimensioni con margini irregolari che si sviluppano in genere sulla parte inferiore della gamba o della caviglia. La base dell’ulcera è in genere rossa, può provocare una quantità significativa di essudato a seconda del livello di infezione e trasuderà sangue venoso quando manipolata. In genere la ferita sarà relativamente indolore, con qualsiasi dolore derivante da successiva infezione o edema. Spesso l’intera gamba diventa gonfia e la pelle diventa più soda e di colore marrone rossastro, altrimenti nota come dermatite da stasi. L’elevazione dell’arto aiuterà ad alleviare il disagio e il gonfiore.

Ulcera venosa da insufficienza, bariatrica
 

Figura 1: ulcera venosa con obesità come cofattore
 

Ulcera venosa da insufficienza
 

Figura 2: grande ulcera venosa superficiale

Eziologia

Qualsiasi condizione che causa il raggruppamento del sangue nelle vene della gamba è una potenziale causa di ulcere venose, incluse vene varicose , trombosi venosa profonda o insufficienza cardiaca . La maggior parte delle ulcere venose sono causate da valvole venose che non impediscono adeguatamente il riflusso del sangue, o reflusso venoso, dalle vene profonde alle vene superficiali situate tra pelle e muscoli. Inoltre, qualsiasi condizione che causa debolezza muscolare nella parte inferiore della gamba può a sua volta ridurre l’efficacia del muscolo scheletrico nel spingere il sangue verso il cuore.

Fattori di rischio

  • Diabete mellito
  • Insufficienza cardiaca congestizia
  • Malattia vascolare periferica
  • Trombosi venosa profonda
  • Gravidanza
  • Obesità

complicazioni

Una delle complicanze più tipiche associate alle ulcere da insufficienza venosa è l’ infezione del tessuto interessato.

Studi diagnostici

  • Indice caviglia-brachiale (ABI) per determinare se c’è anche insufficienza arteriosa
  • Ecografo Doppler
  • Studi di flusso bidirezionale Doppler
  • venografia

Trattamento delle ulcere venose da insufficienza

Nel trattamento diretto delle ulcere venose, gli obiettivi primari sono mantenere il sito dell’ulcera libero da infezione durante il processo di guarigione e alleviare l’edema del sito. Lo sbrigliamento per rimuovere i tessuti morti e la contaminazione superficiale può essere usato per cambiare la ferita da cronica ad acuta, a quel punto può progredire attraverso le normali fasi di guarigione. Vermi o bioterapia possono anche essere suggerito come un altro metodo di rimozione di tessuto necrotico dalla ferita. In genere, gli antibiotici orali sono necessari solo se c’è un’infezione nel tessuto circostante. L’ambiente della ferita dovrebbe in genere essere umido, con le medicazioni cambiate il più raramente possibile a causa del fatto che il cambio delle medicazioni rimuove sia le cellule sane che i detriti. In casi estremi, innesti cutanei chirurgici può essere usato per curare adeguatamente le ulcere venose anomale o dolorose.

Oltre a trattare la ferita superficiale e l’edema, l’obiettivo secondario nel trattamento delle ulcere venose è quello di alleviare la condizione di base. Uno dei trattamenti più comuni è la terapia compressiva, che serve a ridurre il diametro e la pressione dei vasi sanguigni, aumentando l’efficacia e prevenendo a sua volta il reflusso venoso. Tuttavia, la compressione deve essere utilizzata solo in pazienti senza significativa malattia arteriosa, poiché solo in questo modo si aggraverebbero le condizioni esistenti. Involucri di compressione o altri dispositivi di compressione possono essere suggeriti nel trattamento di pazienti idonei. Uno stivale Unna che si estende dalle dita dei piedi appena sotto il ginocchio può anche aiutare a promuovere la guarigione, ridurre le infezioni e favorire il ritorno del sangue al cuore. Lo stivale è costituito da zinco umido o zinco e garza impregnata di calamina che viene lasciata indurire e poi avvolta strettamente con un bendaggio elastico.

Le seguenti precauzioni possono aiutare a minimizzare il rischio di sviluppare ulcere venose nei pazienti a rischio e a minimizzare le complicanze nei pazienti che presentano già sintomi:

  • Esamina quotidianamente i piedi (specialmente tra le dita dei piedi) e le gambe per eventuali insoliti cambiamenti di colore o lo sviluppo di piaghe.
  • Evitare di stare seduti o in piedi per lunghi periodi di tempo.
  • Evitare di incrociare le gambe mentre si è seduti.
  • Smettere di fumare. Il fumo contribuisce alla coagulazione del sangue nelle vene.
  • Solleva le gambe regolarmente.
  • Evitare indumenti attillati e assicurarsi che le calzature siano adeguatamente montate per evitare punti di sfregamento o pressione.
  • Proteggi gambe e piedi da lesioni e infezioni.
  • Evitare temperature estreme.
  • Esercizio con la stessa frequenza possibile.

[Tratto da: www.woundsource.com ]17

Immagini copyright Medetec ( www.medetec.co.uk ). Usato con permesso.

Applicazione riuscita dei lembi keystone modificati a seguito dell’ablazione del tumore cutaneo.

Cancro della pelle e pelle precancerosale lesioni causano difetti significativi dei tessuti molli a seguito dell’ablazione del tumore. Recentemente, i lembi keystone hanno guadagnato popolarità grazie alla loro semplicità, versatilità e affidabilità. Abbiamo valutato l’efficacia dei lembi keystone modificati per la ricostruzione dei tessuti molli a seguito dell’ablazione del tumore della pelle in 2 centri medici. Abbiamo esaminato le cartelle cliniche dei pazienti che hanno ricevuto keystone modificato lembi in seguito alla rimozione dei tumori della pelle da gennaio 2017 a dicembre 2017. Sono stati registrati diagnosi, sito, dimensioni del lembo e complicanze.Valutati i lembi di Keystone modificati da Forty-one e le dimensioni della ferita variavano da 1 cm × 1 cm a 18 cm × 9,5 cm, con una dimensione media di 9,8 cm × 6,4 cm. Con la nostra strategia di selezione, sono stati progettati specifici flap trapezoidali modificati per i difetti dei tessuti molli. Le dimensioni del risvolto variavano da 2,2 cm × 1 cm a 26 cm × 10 cm, con una dimensione media di 14,3 cm × 7,5 cm. Due pazienti hanno sviluppato deiscenza della ferita minore (4,9%) e 1 paziente ha sviluppato una perdita parziale del lembo (2,4%), ma tutti questi pazienti hanno guarito dopo la cura della ferita locale senza la necessità di un intervento chirurgico. La nostra strategia di selezione per lembi keystone modificati è fattibile e un’opzione affidabile per la ricostruzione a seguito dell’escissione del tumore della pelle.

Per continuare a leggere digita qui

[Tratto da: www.bioportfolio.com ]

Come sbarazzarsi di unghie incarnite, secondo podologi e pedicuristi

Ora che siamo entrati nella stagione dei sandali e stiamo diventando reattivi con i nostri piedi nudi , la questione di unghie incarnite antiestetiche e dolorose sembra particolarmente pertinente. Gli incarnati si verificano quando l’angolo dell’unghia (di solito sull’alluce ) inizia a crescere nella pelle, causando infiammazione, dolore e potenzialmente infezioni. Come dice il podologo Dr. Ernest L. Isaacson , “Se pensi di avere un’unghia incarnita, probabilmente hai ragione.”

Secondo il dottor Cary Zinkin, un podiatrist e portavoce dell’Associazione Podiatric Medical americana , ci sono quattro cause principali di unghie incarnite: calzature troppo strette, traumi alla punta del piede (come se la si strofina male), taglio inappropriato ed ereditarietà. I primi tre possono essere prevenuti, ma ci sono alcune persone che sono semplicemente incline alle mocche “a causa della forma della radice dell’unghia e del modo in cui la pelle le gira intorno”, dice Zinkin. In questi casi, raccomanda di consultare un podologo per una procedura semplice in cui viene rimossa una parte dell’unghia per prevenire ulteriori incarnite.

Zinkin consiglia anche a chiunque abbia un diabete o una cattiva circolazione di vedere un podologo se ha un’unghia incarnita, perché potrebbe rapidamente progredire verso una pericolosa infezione. Come spiega il podologo Krista Archer , se l’incarnato non viene trattato, “il bordo tagliente dell’unghia può perforare la pelle e formare un piccolo foro attraverso il quale i batteri entrano, causando un’infezione”. Persone sane senza segni di infezione (come il rossore , calore, gonfiore o odore ), tuttavia, può prendersi cura delle unghie incarnite a casa – e i prodotti di seguito, scelti da cinque podologi e pedicuristi, possono aiutare.

…. per leggere l’articolo completo e in lingua originale digitare il link sotto.

[Tratto da: www.nymag.com ]

Ultime revisioni Cochrane. Cochrane Reviews

Profilassi antibiotica per prevenire complicazioni infettive nella chirurgia ortognatica

https://www.cochranelibrary.com/cdsr/doi/10.1002/14651858.CD010266.pub2/full?fbclid=IwAR3mbmiCPQEu2yJph4FDdkbydfyDIY3lcYrGqfjh60T-CBh2oEMZqw6vAdc

Antisettici per ustioni

https://www.cochranelibrary.com/cdsr/doi/10.1002/14651858.CD011821.pub2/full?fbclid=IwAR3YBSt-P7d2HlEpusjX7H27TCRN9vGMq5-QBiQBG99iZ46AxsO6a5_zE1c

Interventi complessi per prevenire l’ulcerazione del piede diabetico

https://www.cochranelibrary.com/cdsr/doi/10.1002/14651858.CD007610.pub3/full?fbclid=IwAR1re_-SqIB_PFgYwMTJBcbyDL8EcDox84q3p0f9tgffLZt7cn_vZi7iP8w

Debridement of diabetic foot ulcers

https://www.cochranelibrary.com/cdsr/doi/10.1002/14651858.CD003556.pub2/full?fbclid=IwAR3YBSt-P7d2HlEpusjX7H27TCRN9vGMq5-QBiQBG99iZ46AxsO6a5_zE1c

Il miele come trattamento topico per le ferite

https://www.cochranelibrary.com/cdsr/doi/10.1002/14651858.CD005083.pub4/full?fbclid=IwAR1re_-SqIB_PFgYwMTJBcbyDL8EcDox84q3p0f9tgffLZt7cn_vZi7iP8w

Massoterapia per prevenire le ulcere da pressione

https://www.cochranelibrary.com/cdsr/doi/10.1002/14651858.CD010518.pub2/full

Interventi nutrizionali per la prevenzione e il trattamento delle ulcere da pressione

https://www.cochranelibrary.com/cdsr/doi/10.1002/14651858.CD003216.pub2/full

Organizzazione di servizi sanitari per la prevenzione e il trattamento delle ulcere da pressione

https://www.cochranelibrary.com/cdsr/doi/10.1002/14651858.CD012132.pub2/full

Riposizionamento per la prevenzione delle ulcere da decubito negli adulti

https://www.cochranelibrary.com/cdsr/doi/10.1002/14651858.CD009958.pub2/full?fbclid=IwAR0FvjvvYgQkVHrkCRvW72FXS7ECdTxK1qCBy5i2bq6eCcRUKfRxC-F5O0k

Strumenti di valutazione del rischio per la prevenzione delle ulcere da pressione

https://www.cochranelibrary.com/cdsr/doi/10.1002/14651858.CD006471.pub4/full

Superfici di supporto per la prevenzione delle ulcere da pressione

https://www.cochranelibrary.com/cdsr/doi/10.1002/14651858.CD001735.pub5/full?fbclid=IwAR0torpKfsC3Voo1InGh7-hD3nwShLn2zjiZ9J5Dopqjiw1XZwQ5S7QLQY4

[Tratto da: www.cochranelibrary.com ]

Come valutare l’essudato della ferita

L’essudato (drenaggio), un liquido prodotto dal corpo in risposta al danno tissutale, è presente nelle ferite mentre guariscono. Consiste di liquido che è fuoriuscito dai vasi sanguigni e ricorda da vicino il plasma sanguigno. L’essudato può derivare anche da condizioni che causano edema, come infiammazione, immobilità, dipendenza degli arti e insufficienza venosa e linfatica.

La valutazione accurata dell’essudato è importante durante tutto il processo di guarigione perché il colore, la consistenza, l’odore e la quantità cambiano a causa di vari processi fisiologici e complicazioni sottostanti.

La terminologia coerente è fondamentale per assicurare una comunicazione accurata tra i medici. Ecco i termini da tenere a mente quando si osserva la ferita e si documentano i risultati.

Genere

  • Plasma sieroso, chiaro, acquoso, osservato nelle ferite a spessore parziale e nelle ulcere venose. Una quantità da moderata a pesante può indicare un pesante bio-onere o cronicità da un’infezione subclinica. L’essudato sieroso nello stadio infiammatorio acuto è normale.
  • Drenaggio sanguigno sanguinante (sanguinamento fresco) osservato in ferite profonde a spessore parziale e a tutto spessore durante l’angiogenesi. Una piccola quantità è normale nella fase infiammatoria acuta.
  • Plasma rosso-sereno-sottile, acquoso, da rosso pallido con globuli rossi. Piccole quantità possono essere osservate nelle fasi di guarigione acuta infiammatoria o acuta proliferativa.
  • Drenaggio opaco denso purulento che è marrone chiaro, giallo, verde o marrone. L’essudato purulento non è mai normale ed è spesso associato a infezioni o alti livelli di batteri.

ferita essudato

Quantità

  • Nessuno-I tessuti delle ferite sono asciutti.
  • I tessuti a scarso allineamento sono umidi, ma non c’è drenaggio misurabile.
  • I tessuti a piccole / minime ferite sono molto umidi o bagnati; il drenaggio copre meno del 25% della medicazione.
  • I tessuti moderati-Wound sono bagnati; il drenaggio coinvolge più del 25% -75% della medicazione.
  • Le ferite grandi o copiose sono riempite con fluido che coinvolge più del 75% della medicazione.

Consistenza

  • Bassa viscosità: sottile, gocciolante
  • Alta viscosità – spessa o appiccicosa; non scorre facilmente

Odore

  • Nessun odore notato
  • Forte, fallo, pungente, fecale, ammuffito o dolce

Utilizzare i seguenti termini per descrivere la condizione delle medicazioni primarie e secondarie:

  • Secco: la medicazione primaria non è contrassegnata dall’essudato; la medicazione può aderire alla ferita.
  • Umidità: piccole quantità di essudato sono visibili quando la medicazione viene rimossa; la medicazione primaria può essere leggermente marcata.
  • Saturato: la medicazione primaria è bagnata e si verifica barrato.
  • Perdita: le medicazioni sono sature e l’essudato perde dalle medicazioni primarie e secondarie sui vestiti del paziente.

Una risorsa utile per aiutarvi con la vostra valutazione è lo strumento di valutazione delle ferite Bates-Jensen .

[Tratto da: woundcareadvisor.com ]