Un modello concettuale di cura del piede diabetico

fpubh-05-00337-g001
I modelli “Cascade” o “continuum” sono stati sviluppati per un numero di malattie e condizioni. Questi modelli definiscono i passi successivi desiderati per quella malattia o condizione e rappresentano la proporzione della popolazione che ha completato ogni fase. Questi modelli possono essere utilizzati per confrontare l’assistenza tra sottogruppi o popolazioni e per identificare e valutare gli interventi intesi a migliorare i risultati a livello di popolazione. I precedenti modelli a cascata o continuum sono stati limitati da diversi fattori. Questi modelli sono più adatti a processi con esiti graduali – come screening, diagnosi e trattamento – con un singolo risultato definito (ad es. Trattamento o cura) per ciascun membro della popolazione. Tuttavia, la modellazione continua non è ben sviluppata per processi complessi con passi non sequenziali o ricorrenti o senza esiti singolari. Come mostrato qui usando l’esempio della cura del piede diabetico, il concetto di modellazione continua può essere ripensato con un approccio ciclico…..
[Tratto da: www.frontiersin.org ]

2 risposte a “Un modello concettuale di cura del piede diabetico”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *