Official Site IL DITO NELLA PIAGA

Perchè parlare del Wound Care si può? NO, si deve! DAL 2017

Ricorrenza di ischemia degli arti critici dopo intervento endovascolare in pazienti con ulcere del piede diabetico.

Astratto

Obiettivo: stabilire il tasso di recidiva clinica dell’ischemia critica degli arti (CLI) nei pazienti diabetici con ulcere ischemiche del piede (DFU) trattati mediante angioplastica transluminale percutanea (PTA).

Approccio: il gruppo di studio era composto da 304 pazienti con DFU ischemici trattati con PTA. Abbiamo valutato il tasso di recidiva clinica della CLI che richiede una seconda PTA (ripetuta PTA [rePTA]), i fattori correlati alla recidiva della CLI e gli esiti dei pazienti rePTA. Il follow-up è stato di 12,5 ± 6,6 mesi.

Risultati: 74 pazienti su 304 (24,3%) avevano bisogno di rePTA. Il tempo medio per rePTA era 3,5 ± 0,64 mesi. il gruppo rePTA in confronto con nessun gruppo rePTA aveva un tasso di guarigione inferiore (28,5% vs 71,9% p  = 0,0001), maggiore frequenza di recidiva dell’ulcera (20% vs 10,3% p  = 0,03), amputazione maggiore (24,3% vs. 4,3 % p  = 0,0005) e morte (33,3% vs 7,9% p  = 0,002). L’emoglobina glicata, tipo A1C (HbA1c; 2,2 [1.9-2.7] p  = 0.02) e dialisi (1.5 [1.4-3.6] p  = 0.006) erano indipendentemente associati alla recidiva clinica di CLI dopo PTA.

Innovazione: identificare i risultati dei pazienti con recidiva clinica della CLI e i fattori clinici coinvolti per ridurre il tasso di restenosi dopo il trattamento endovascolare e migliorare il tasso di recupero degli arti.

Conclusioni: la recidiva clinica della CLI è associata ad un’alta percentuale di recidive dell’ulcera non cicatrizzante, amputazione maggiore e morte. La dialisi e il controllo glicemico alterato erano predittori indipendenti della recidiva della CLI dopo trattamento endovascolare.

Parole chiave:  : diabete, ulcere del piede diabetico, critica ischemia degli arti, di rivascolarizzazione, salvataggio d’arto. 

Introduzione

arteriopatia eripheral (PAD) è una grave complicazione del diabete e può essere trovato in circa il 50% dei soggetti con ulcere del piede diabetico (DFU).  PAD è un forte fattore di rischio per l’amputazione maggiore,  ,  e la rivascolarizzazione periferica, chirurgica o endovascolare è l’unica opzione terapeutica. Il ruolo dell’angioplastica transluminale percutanea (PTA) nei pazienti diabetici con PAD critica, in particolare la malattia infrapoplitea, è ben riconosciuto. Diversi studi hanno documentato buoni risultati in termini di fattibilità, efficacia tecnica, ridotto numero di complicanze e tasso di recupero degli arti. Inoltre, la PTA può essere eseguita anche in pazienti che non possono essere candidati a chirurgia a cielo aperto a causa della presenza di diverse comorbidità….

Marco Meloni , 1, Valentina Izzo , Laura Giurato , Costantino Del Giudice , Valerio Da Ros , Valerio Cervelli , 3Roberto Gandini , 1 e Luigi Uccioli 1

[Tratto da: www.ncbi.nlm.nih.gov ]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: