Le EHR possono migliorare la sicurezza del paziente – se sono ottimizzate bene

Contrariamente agli attuali livelli di frustrazione tra medici e altri utenti, le EHR hanno il potere di influire positivamente sulla cura del paziente. Ma ciò richiede un approccio più ponderato e graduale rispetto alla semplice implementazione di una nuova piattaforma di cartelle cliniche elettroniche o al passaggio all’ultima versione.

Invece, gli ospedali dovrebbero procedere a un ritmo realistico e ragionevole quando implementano le funzioni di base, attivando funzionalità maturate dall’installazione iniziale e ottimizzando gradualmente la funzionalità generale e l’esperienza utente se sperano di ottenere miglioramenti in termini di qualità e prestazioni.

Considera l’evoluzione delle CCE: tra il 2008 (quando la tecnologia era relativamente nuova) e il 2013 il software per i record elettronici passò dall’essere collegato a un tasso di mortalità a 30 giorni più alto dell’11% per essere associato a una percentuale inferiore dello 0,09% rispetto alla stessa metrica .

[Anche: EHR Next-gen: come sarà il futuro?]

Questi sono i risultati principali di uno studio pubblicato su Health Affairs. Ma cosa ha alimentato il dietro-fronte e in che modo gli ospedali e i venditori di tecnologia hanno trasformato il negativo in positivo? Pazienza e ritmo.

Non aspettarti che le EHR evolvano da un giorno all’altro
“L’assistenza sanitaria è complessa, le EHR sono complesse”, ha affermato Julia Adler-Milstein, professore associato di medicina e direttore del Centro di ricerca clinica e di miglioramento clinico presso l’Università della California, San Francisco School of Medicine. “I due insieme sono estremamente complessi e questa idea che abbiamo messo insieme i due e il prossimo giorno l’assistenza sanitaria sarebbe migliorata è stata ingenua. La maggior parte degli altri settori impiega un decennio perché l’IT si trasformi davvero “.

I ricercatori hanno esaminato le richieste ospedaliere nazionali di Medicare per 3.329 ospedali non federali, per uso acuto, dal 2008 al 2013, dal momento che i dati nazionali sono stati avviati solo nel 2008 e non che molti ospedali avevano molte funzionalità EHR prima di allora. Hanno anche utilizzato i dati per il 2014 dall’American Hospital Association Annual Survey Database, incluso il suo Supplemento alla tecnologia dell’informazione. Hanno quindi creato un set di dati che conteneva misure annuali di adozione EHR ospedaliera, caratteristiche e prestazioni di mortalità.

[Inoltre: i fattori umani devono svolgere un ruolo più importante nella progettazione e realizzazione delle EHR, afferma AMA]

Ma non potevano semplicemente chiedere se la CCE funzionasse o meno. Sono state necessarie informazioni più specifiche. Quindi hanno analizzato il numero di funzioni di base che ciascun ospedale ha inizialmente adottato, hanno esaminato il modo in cui l’EHR ha utilizzato e ottimizzato l’andamento nel tempo (noto anche come maturazione) e ha esaminato il ritmo con cui sono state adottate nuove funzioni.

“È raro che gli ospedali utilizzino la carta completamente per il digitale. Molto spesso, nuove funzioni vengono aggiunte nel tempo. Quindi il ritmo a cui è successo è il terzo componente. Da un lato, potrebbe esserci un argomento per spostarsi rapidamente come è possibile in un ambiente completamente digitale perché ci sono alcuni rischi nell’essere parzialmente in carta digitale e parlata. Ma d’altra parte si sente molto sul cambiamento di fatica e su quanto può assumere un’organizzazione. Ecco perché anche quel terzo pezzo è stato interessante “, ha detto Adler Milstein.

Infatti, dal momento che il sistema e l’abilità degli utenti nella navigazione delle interfacce del software sono progrediti nel tempo, i risultati degli studi hanno mostrato che il tasso di mortalità è cresciuto del 0,09%. Logicamente, l’aggiunta di nuove funzioni di base nel tempo è stata anche collegata a tassi di mortalità più bassi.

Perché stimolare la nuova funzionalità EHR è fondamentale
Gli utenti medi, ovvero quelli che avevano un’adozione di base vicino al tasso medio di 5 funzioni, erano migliori di quelli che non ne avevano adottato nessuno, con meno 67 morti ogni 100 ammissioni.

L’asporto qui è che gli ospedali e le persone che lavorano e li gestiscono dovrebbero aspettarsi che i guadagni legati alle prestazioni derivanti dall’adozione di EHR richiedano tempo. Questi guadagni possono essere aumentati se abbinati a un robusto supporto EHR e agli sforzi di miglioramento della qualità EHR, e questo dovrebbe informare quante funzioni vengono inizialmente adottate, quante sono aggiunte ogni anno e le aspettative che è ragionevole avere per valutare i risultati lungo la via.

“È possibile che l’avvio con molte funzioni o l’aggiunta di molte nuove funzioni potrebbe avere la conseguenza non intenzionale di danneggiare le prestazioni, a causa del cambiamento di fatica o della deviazione dell’attenzione da priorità più critiche”, ha affermato lo studio.

Adler-Milstein ha aggiunto che è anche cruciale assicurarsi di migliorare costantemente, non di visualizzare l’adozione di EHR come una cosa che può essere fatta prima di passare al prossimo progetto IT.

“È davvero uno strumento che ti fa pensare a come fai tutto all’ospedale e devi continuare a migliorare la CCE stessa e come fornire assistenza. Non esitare a continuare ad aggiungere “, ha spiegato. “Continua a ottimizzare ciò che hai e continua verso la piena digitalizzazione. Ma ricorda che non è la tecnologia che lo farà. È l’organizzazione che deve capire come utilizzare la tecnologia in modo vantaggioso “.

[Tratto da: www.healthcareitnews.com ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.