Gestione del dolore

La gestione del dolore nella cura delle ferite è una preoccupazione costante per un medico. Sia che si assicuri che un paziente palliativo possa riposare facilmente e con dignità o ridurre al minimo il dolore sperimentato con un cambio di medicazione o anche una procedura di debride , la cura delle ferite è irta di dolore e quindi di opportunità per la gestione del dolore.

L’Unione mondiale delle società di guarigione delle ferite distingue tra quattro tipi di dolore associati alle ferite:

Dolore di fondo

Questo è un dolore continuo derivante dalla ferita stessa. Questo include il dolore associato a un’infezione. I livelli di dolore possono fluttuare per il dolore di fondo nel corso della giornata a causa di cambiamenti nella ferita o se il paziente è in grado di distrarsi. I dispositivi di scarico possono aiutare ad alleviare il dolore di alcune ferite e impedirne il deterioramento.

Dolore incidente

Questo è il dolore causato da un movimento di qualche tipo, sia da attrito e taglio quando il paziente si muove o il movimento di una medicazione con adesivo inadeguato.

Dolore procedurale

Dolore sperimentato durante procedure come cambi di medicazione o alterazioni della sacca ostomica. Questo a volte può essere gestito con la pre-medicazione. Le medicazioni umidificate prima della rimozione, riducendo al minimo l’uso dell’adesivo e lavorando lentamente con intervalli per consentire al paziente di recuperare sono tutte strategie per ridurre al minimo l’angoscia per i pazienti sottoposti a cambi di medicazione.

Dolore Operativo

Simile al dolore procedurale, il dolore operatorio è abbastanza grave da richiedere l’anestesia per una procedura. Il debridement della ferita è un eccellente esempio di procedura che produce dolore operatorio.

Opzioni di gestione del dolore in Wound Care

Il dolore deve essere valutato frequentemente per aiutare il clinico ad accertare l’efficacia di qualsiasi modalità di sollievo dal dolore e l’effetto che eventuali procedure possono avere sui livelli di dolore. Sono disponibili un numero qualsiasi di scale di valutazione per il dolore ed è importante mantenere la continuità per l’uso di scala in tutta una struttura per facilitare i confronti. Il dolore è anche soggettivo e individuale, il che significa che i regimi di alleviamento del dolore che sono altamente efficaci per un paziente potrebbero non essere utili per un altro e procedure che causano a un paziente una grande sofferenza possono essere meno difficili per un secondo paziente. Altri fattori possono influenzare la gestione del dolore, ad esempio, un paziente vicino alla fine della sua vita potrebbe avere il controllo del dolore priorizzato sulla guarigione della ferita o altre considerazioni.

Nota: il dolore è qualsiasi cosa l’individuo dice che è e deve essere affrontato di conseguenza dal medico.

[Tratto da: www.woundsource.com ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.