Quasi la metà del personale di terapia intensiva in Inghilterra ha riportato sintomi di disturbo da stress post-traumatico, depressione grave o ansia durante la prima ondata della pandemia di coronavirus, ha dimostrato un nuovo studio.

I ricercatori hanno scoperto che la cattiva salute mentale era anche più pronunciata tra gli infermieri rispetto ai medici o altro personale sanitario.

“I nostri risultati mostrano un carico sostanziale di sintomi di salute mentale segnalati dal personale di terapia intensiva”

Neil Greenberg

I risultati fanno parte di un nuovo studio , pubblicato oggi dal King’s College di Londra, che ha mostrato il forte impatto del lavoro in terapia intensiva a giugno e luglio dello scorso anno e ha chiesto una “strategia nazionale” per aiutare a proteggere il benessere del personale.

Si è basato su un sondaggio di 709 personale sanitario, inclusi 344 infermieri, di nove unità di terapia intensiva in tutta l’Inghilterra.

Mentre il 59% degli intervistati ha riportato un buon benessere, i ricercatori hanno affermato di aver riscontrato “alti tassi di probabile malattia mentale”.

Complessivamente, il 45% degli intervistati ha riportato sintomi di almeno una delle seguenti condizioni: probabile disturbo da stress post-traumatico, depressione grave, ansia grave e problemi con l’alcol.

L’analisi ha scoperto che più di uno su sette membri del personale di terapia intensiva ha riferito di pensare che sarebbe stato meglio morire o ferirsi in qualche modo per diversi giorni.

Inoltre, gli infermieri avevano maggiori probabilità di segnalare cattive condizioni di salute mentale e idee di autolesionismo o ideazione suicidaria, rispetto ai medici o ad altro personale sanitario, afferma lo studio, pubblicato su Medicina del lavoro .

Ha aggiunto che gli infermieri avevano maggiori probabilità di raggiungere le soglie per depressione moderata e grave, probabile PTSD e ansia moderata e grave.

L’autore principale, il professor Neil Greenberg, dell’Istituto di psichiatria, psicologia e neuroscienze del King’s College di Londra, ha affermato che i risultati suggeriscono che vi è “un urgente bisogno di una strategia nazionale per proteggere la salute mentale del personale”.

“I nostri risultati mostrano un notevole carico di sintomi di salute mentale segnalati dal personale di terapia intensiva verso la fine della prima ondata nel luglio 2020”, ha detto.

Il professor Greenberg ha avvertito che la “gravità dei sintomi” osservata nello studio era “altamente probabile che compromettesse la capacità di alcuni membri del personale di terapia intensiva di fornire cure di alta qualità, oltre ad avere un impatto negativo sulla loro qualità di vita”.

Ha aggiunto: “Sebbene questi risultati in qualche modo non siano sorprendenti, dovrebbero servire come un forte promemoria per i dirigenti del NHS della pressante necessità di proteggere la salute mentale dei lavoratori in terapia intensiva ora al fine di garantire che possano fornire cure vitali a coloro che ne hanno bisogno. .

“Sono al punto di rottura e la loro salute mentale dovrebbe essere una priorità”

Nicki Credland

“Dovrebbero essere in atto meccanismi basati sull’evidenza in modo che tutti gli operatori sanitari, compreso il personale di terapia intensiva, possano accedere prontamente alle cure per problemi di salute mentale.

“Se proteggiamo la salute mentale degli operatori sanitari durante la pandemia Covid-19, il personale sarà in grado di fornire in modo sostenibile cure di alta qualità a un gran numero di pazienti gravemente malati di Covid-19”.

Nursing Times ha lanciato il Covid-19: stai bene? campagna di aprile per sensibilizzare innanzitutto le pressioni sulla salute mentale e le esigenze di benessere degli infermieri durante e dopo la pandemia di coronavirus.

È stata ora avviata la seconda fase della campagna, che in parte comporta la richiesta di organizzazioni competenti, inclusi enti di beneficenza, sindacati e altri organismi rappresentativi, a sostenere i suoi obiettivi.

Il professor Greenberg ha aggiunto: “ I nostri risultati evidenziano il potenziale impatto profondo che Covid-19 ha avuto sulla salute mentale del personale in prima linea del Regno Unito e indicano l’urgente necessità di una strategia nazionale per proteggere la salute mentale del personale e ridurre il rischio di compromissione funzionale del personale in terapia intensiva mentre svolgono il loro lavoro essenziale durante Covid-19 e oltre. “

Commentando anche i risultati, Nicki Credland, docente senior presso l’Università di Hull e presidente della British Association of Critical Care Nurses, ha detto a Nursing Times che gli infermieri di terapia intensiva stavano “sopportando il peso della tempesta Covid-19”.

 

BACCN

Nicki Credland

“Sono sotto un’enorme pressione fisica e psicologica, lavorano per lunghe ore, supportano le famiglie che non possono visitare i loro cari in terapia intensiva, lavorano in un ambiente estremamente stressante e complesso e gestiscono fino a quattro volte il carico di lavoro che hanno fatto prima del covid”, ha detto. disse.

Ha aggiunto: “Sono al punto di rottura e la loro salute mentale dovrebbe essere una priorità per i leader sanitari e i responsabili politici. Senza infermieri di terapia intensiva non ci sono cure critiche “.

La ricerca è stata una collaborazione tra il King’s College London e l’University College London, con contributi della Public Health England e dell’Università di Oxford.

L’effetto ‘Covid-19’

Nel frattempo, anche l’International Council of Nurses ha avvertito oggi di un “fenomeno globale di trauma di massa” tra gli infermieri che lavorano come parte della risposta Covid-19.

I risultati preliminari di un recente sondaggio delle sue oltre 130 associazioni infermieristiche nazionali hanno mostrato che quasi l’80% aveva ricevuto segnalazioni di problemi di salute mentale da parte degli infermieri durante la pandemia.

“Stiamo assistendo a un trauma professionale unico e complesso che sta interessando la forza lavoro infermieristica globale”

Howard Catton

Un rapporto dell’ICN, pubblicato oggi, afferma che gli infermieri di tutto il mondo “si sentono isolati dalle loro famiglie e sono ansiosi di evitare di infettare i loro familiari con Covid-19”.

Gli infermieri avevano anche riferito di “aumentare l’orario di lavoro” e di “provare disagio mentale a causa della mancanza di dispositivi di protezione individuale”.

Secondo i dati dell’ICN, la percentuale di infermieri che hanno segnalato problemi di salute mentale dalla prima ondata di pandemia è aumentata dal 60% all’80% in molti paesi.

Nel complesso, il rapporto afferma: “Le prove emergenti suggeriscono che esiste un fenomeno globale di trauma di massa sperimentato dagli infermieri che lavorano nella risposta al Covid-19”.

Sulla scia di questi risultati, l’ICN avverte di ciò che ha coniato l ‘”effetto Covid-19″ e ha invitato i governi del mondo ad agire.

L’amministratore delegato di ICN Howard Catton ha dichiarato: “Stiamo assistendo a un trauma professionale unico e complesso che sta colpendo la forza lavoro infermieristica globale.

“Gli infermieri hanno a che fare con richieste implacabili e senza precedenti da parte dei loro pazienti, con conseguente esaurimento fisico.

“Ma stanno anche affrontando enormi pressioni sulla salute mentale che portano a gravi disagi psicologici”.

Ha avvertito che il trauma di massa stava avendo un “effetto immediato e profondo” sulla forza lavoro e che era “altamente probabile che avesse anche un impatto significativo a lungo termine”, attraverso il disturbo da stress post-traumatico, la depressione e l’ansia.

 

Consiglio internazionale degli infermieri

Howard Catton

 

Preoccupato per l’impatto della pandemia sulla fidelizzazione degli infermieri, Catton ha aggiunto: “Non ci sono dubbi che ci sarà un grande effetto Covid-19 sulla dimensione della forza lavoro infermieristica, che è già destinata a un deficit di 10 milioni.

“Anche se solo il 10-15% dell’attuale popolazione infermieristica si dimette a causa dell’effetto Covid-19, potremmo avere un potenziale deficit di 14 milioni di infermieri entro il 2030, che è l’equivalente della metà dell’attuale forza lavoro infermieristica”.

Il signor Catton ha affermato che il rischio che questa carenza ha rappresentato per i servizi sanitari e di assistenza dopo la pandemia era “a tal punto che direi che la salute della forza lavoro infermieristica potrebbe essere il più determinante della salute della popolazione mondiale nel prossimo decennio” .

 

[Tratto da: www.nursingtimes.net ]

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.