Official Site IL DITO NELLA PIAGA

Perchè parlare del Wound Care si può? NO, si deve! DAL 2017

Guarigione delle lesioni del tessuto ischemico dopo intervento chirurgico di bypass infrainguinale per ischemia critica degli arti inferiori

Obiettivo: valutare il tempo di guarigione delle lesioni del tessuto ischemico, il salvataggio degli arti e la sopravvivenza in pazienti affetti da ischemia critica degli arti (CLI) con perdita di tessuto.

Disegno: studio prospettico di coorte a centro unico.

Materiale e metodi: pazienti consecutivi con CLI e perdita di tessuto (Fontaine IV) (148 pazienti, 150 arti) sono stati seguiti in modo prospettico per 1 anno dopo il bypass infrainguinale. Sono stati analizzati il ​​tempo di guarigione delle lesioni tissutali, la pervietà dell’innesto, il salvataggio dell’arto, i tassi di sopravvivenza e la necessità complessiva di qualsiasi tipo di procedura chirurgica ed endovascolare. Le comorbidità dei pazienti sono state valutate mediante analisi uni- e multivariata per determinare i fattori di rischio per gli esiti avversi.

Risultati: la guarigione completa dei tessuti, inclusa la guarigione delle lesioni del tessuto ischemico e delle ferite chirurgiche, a 6 e 12 mesi dopo il bypass infrainguinale è stata rispettivamente del 40% e del 75%. Il tempo mediano per completare la guarigione dei tessuti è stato di 190 giorni. Il diabete è stato l’unico fattore di rischio significativo che ha ritardato la guarigione dei tessuti. I tassi di pervietà complessiva, salvataggio dell’arto, sopravvivenza e sopravvivenza libera da amputazione erano rispettivamente dell’80%, 81%, 73% e 63% a 12 mesi. L’endpoint clinicamente importante della sopravvivenza libera da amputazione con ferite completamente guarite è stato raggiunto nel 50% dei pazienti a 1 anno.

Conclusione: la guarigione completa delle lesioni del tessuto ischemico è lenta anche dopo un bypass infrainguinale riuscito.

[ Tratto da: www.pubmed.ncbi.nlm.nih.gov ]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: