Le caratteristiche di imaging a risonanza magnetica delle lesioni si riferiscono alla difficoltà delle procedure endovascolari arteriose periferiche.

OBIETTIVO:
Limitazioni con le attuali modalità di imaging delle arterie periferiche rendono difficile la selezione dei pazienti per gli interventi vascolari percutanei. Lo scopo di questo studio era di determinare se un nuovo metodo di imaging a risonanza magnetica preprocedurale (MRI) può identificare le lesioni che sarebbero più difficili da superare durante l’intervento vascolare percutaneo….

[Tratto da: www.ncbi.nlm.nih.gov ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.