Cosa sta causando il rossore degli arti inferiori del tuo paziente?

arrossamento degli arti inferiori del paziente

Di Robyn Bjork, MPT, CWS, WCC, CLT-LANA

La capacità di comprendere o “leggere” il rossore degli arti inferiori nel paziente è essenziale per determinarne la causa e fornire un trattamento efficace. L’arrossamento può verificarsi in molteplici condizioni: colorazione con emosiderina, lipodermatosclerosi, dermatite venosa, infiammazione cronica, cellulite e rubor dipendente. Questo articolo fornisce indizi per aiutarti a differenziare queste condizioni e identificare la causa specifica del rossore degli arti inferiori del tuo paziente.

Colorazione dell’emosiderina e lipodermatosclerosi

La colorazione con emosiderina è viola scuro o colorazione arrugginita della parte inferiore delle gambe causata da malattia venosa cronica. Uno studio del 2010 ha rilevato la colorazione con emosiderina in tutti i soggetti con lipodermatosclerosi e ulcere venose. Quando le valvole venose non funzionano, il sangue rigurgitato spinge i globuli rossi (RBC) fuori dai capillari. I globuli rossi rilasciano ferro, che viene immagazzinato nei tessuti come emosiderina, macchiando la pelle.

La colorazione con emosiderina e la lipodermatosclerosi attiva possono essere erroneamente diagnosticate come cellulite. La lipodermatosclerosi attiva causa macchie rosse dolorose e chiaramente delimitate sugli aspetti mediali della parte inferiore della gamba. A differenza della cellulite, il rossore della lipodermatosclerosi è localizzato in aree di colorazione e indurimento dell’emosiderina. Inoltre, la pelle non è calda e il paziente è insensibile e non risponde agli antibiotici. La lipodermatosclerosi progredisce verso la fibrosi e la costrizione, causando un aspetto invertito delle gambe della bottiglia di champagne.

Trattare la lipodermatosclerosi attiva con terapia compressiva e corticosteroidi topici, se necessario. Controllare l’ipertensione venosa cronica con compressione e la colorazione dell’emosiderina si attenuerà. Rivolgersi al paziente per potenziali procedure chirurgiche venose correttive.

Dermatite venosa

Dermatite venosa

Definita come infiammazione dell’epidermide e del derma, la dermatite venosa (stasi) è comune nei pazienti con malattia venosa degli arti inferiori. Segni e sintomi includono ridimensionamento, formazione di croste, pianto, eritema, erosioni e intenso prurito. Questo disturbo aumenta il rischio di sensibilità del contatto. Consigliare al paziente di evitare prodotti quali lanolina, balsamo del Perù, gomma, adesivi, profumi, coloranti, conservanti, sigillanti per la pelle, sulfadiazina d’argento, neomicina e bacitracina, tutti noti per esacerbare la dermatite venosa.

La dermatite venosa comunemente viene confusa con la cellulite. Uno studio del 2011 ha rilevato che il 28% dei 145 pazienti ospedalizzati per cellulite era stato diagnosticato erroneamente. La diagnosi errata più comune è stata la dermatite venosa. A differenza della cellulite, la dermatite venosa provoca prurito e formazione di croste; inoltre, la pelle non è acutamente dolorosa o calda e il paziente è insensibile.

Trattare la dermatite venosa acuta con terapia compressiva e corticosteroidi topici a lieve potenza. Applicare corticosteroidi con parsimonia alle aree colpite una o due volte al giorno per 2 settimane; essere consapevoli che la sospensione prematura può portare a recidiva, mentre l’uso prolungato può causare un assottigliamento della pelle e una riduzione dell’efficacia. Domeboro assorbe anche il pianto, l’irritazione e il prurito. Le bende impregnate con calamina o ossido di zinco sono lenitive e asciuganti. Tuttavia, alcuni pazienti possono reagire ai conservanti in bende di pasta, quindi un test di patch è prudente.

Infiammazione cronica

Il linfedema provoca infiammazione cronica. Circa il 50% delle proteine ​​plasmatiche si riversa quotidianamente nello spazio interstiziale e viene riciclato attraverso i vasi linfatici. L’insufficienza linfatica intrappola le proteine ​​nei tessuti; le proteine ​​agiscono come spugne, attraggono e legano il fluido. Le proteine ​​poi denaturano, innescando una risposta infiammatoria cronica. Questa risposta a volte viene erroneamente diagnosticata e trattata come cellulite cronica.

Rispetto alla cellulite, l’infiammazione cronica ad alto contenuto proteico è diffusa e non trasmessa, con lieve arrossamento e calore lievemente aumentato. I cambiamenti cutanei locali possono includere l’ispessimento o la papillomatosi (aspetto bitorzoluto e irregolare). Un segno positivo di Stemmer conferma il linfedema . La fisioterapia decongestiva completa favorisce il riassorbimento delle proteine ​​e risolve l’infiammazione cronica.

Cellulite

Cellulite

La cellulite è un’infezione a rapida diffusione del derma e del tessuto sottocutaneo. Negli adulti, si tratta in genere di infezione da Staphylococcus aureus delle gambe. L’erisipela, una forma superficiale di cellulite, coinvolge il sistema linfatico e si differenzia per “striature” verso un linfonodo regionale.

La pelle cellulitica è calda, intensamente dolorosa, edematosa e indurita. I rossori si diffondono ei bordi di solito sono irregolari, definiti nettamente e leggermente sollevati. Possono svilupparsi vesciche, bolle emorragiche, ascessi, erosioni e necrosi. Circa il 30% -80% dei pazienti con cellulite degli arti inferiori sono afe- bili. Il numero di globuli bianchi, il tasso di sedimentazione degli eritrociti e i livelli di proteina C-reattiva sono comunemente elevati, ma i valori normali non escludono la cellulite.

Trattare la cellulite con antibiotici orali efficaci contro lo stafilococco e lo streptococco. L’aggiunta di un breve ciclo di corticosteroidi orali riduce significativamente la durata della cellulite. Casi gravi possono richiedere ospedalizzazione e antibiotici per via endovenosa, oltre a incisione e drenaggio di ascessi. Controlla l’edema con il riposo a letto e l’elevazione della gamba.

La cellulite ricorrente è comune nei pazienti con linfedema . Con immunità alla pelle compromessa, i batteri invadono e si espandono con poca resistenza. Se è presente linfedema , consultare il paziente per il trattamento dopo che la cellulite acuta si risolve. Se il paziente è già in trattamento per linfedema , sospendere il drenaggio linfatico manuale e la compressione fino a quando la cellulite acuta non si risolve.

I disturbi più comuni scambiati per la cellulite degli arti inferiori sono la dermatite venosa, la lipodermatosclerosi, la dermatite irritante e il linfedema . Può anche essere confuso con trombosi venosa profonda (TVP) o con il brodo dipendente. Escludere la TVP utilizzando l’ecografia duplex venosa. Il rubaggio dipendente scompare con l’elevazione della gamba, mentre il rossore cellulitico no.

Rubor dipendente

Il rubaggio dipendente è una colorazione infuocata di colore rosso scuro visibile quando la gamba si trova in una posizione dipendente, ma non quando è sollevata sopra il cuore. La causa sottostante è la malattia arteriosa periferica (PAD), quindi l’estremità è fredda al tatto. Per testare il rubor dipendente, posizionare il paziente in posizione supina ed elevare le gambe di 60 ° per 1 minuto; quindi esaminare il colore unico. PAD fa sì che le suole cambino da rosa a pallide in persone dalla pelle chiara e grigia o cinerea in persone dalla pelle scura. Più velocemente appare il pallore, peggiore è il PAD. Pallore entro 25 secondi dall’elevazione della gamba indica una grave malattia occlusiva, che richiede un’ulteriore valutazione per la potenziale rivascolarizzazione.

Successivamente, osservare i cambiamenti di colore della pelle con il paziente in posizione seduta. Normalmente, il piede e la gamba devono rimanere rosa con elevazione e dipendenza. In PAD, il colore cambia da pallido a rosa e poi progredisce in rosso porpora o rosso brillante. Il rubare dipendente più lungo richiede di riapparire, peggiore è il PAD. Il rubor che appare tra 25 e 40 secondi indica una grave ischemia. Se il rubor scompare rapidamente con elevazione e ritorna in meno di 25 secondi, prendere in considerazione la possibilità che il paziente abbia reflusso venoso, non PAD. In questo caso, il sangue accumulato causando il drenaggio dei rubini rapidamente dalle vene quando la gamba è elevata e rigurgita di nuovo nei tessuti quando la gamba è dipendente.

Se si rileva il rubor dipendente, ottenere l’indice caviglia-brachiale ( ABI ) per confermare PAD. Per PAD moderata ( ABI da 0,5 a 0,79), consultare il paziente per un consulto specialistico vascolare di routine. Per PAD severa ( ABIinferiore a 0,5), mantenere un’asciuga di ferita asciutta e stabile e rivolgere urgentemente il paziente a uno specialista vascolare per una potenziale rivascolarizzazione.

Riepilogo della conoscenza

“Leggere” le cause comuni di arrossamento delle gambe aiuta a determinare che cosa sta causando il rossore del paziente in modo da poter fornire un trattamento efficace. Ricorda: la malattia venosa cronica causa la colorazione di emosiderina, lipodermatosclerosi e dermatite venosa. La dermatite è pruriginosa e croccante; la lipodermatosclerosi provoca la sclerosi e l’aspetto invertito delle gambe della bottiglia di champagne. Alleviare l’infiammazione e il prurito con corticosteroidi topici e trattare le patologie venose con compressione e chirurgia correttiva.  Il linfedema provoca infiammazione cronica; trattare con fisioterapia decongestiva completa. La cellulite è una diffusione dell’infezione cutanea che è acutamente dolorosa e calda; trattare con antibiotici. PAD causa il rubor dipendente, che scompare con l’elevazione della gamba.

[Tratto da: www.woundcareadvisor.com ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.