L’ insufficienza di infermieri registrata è pari al 3% di aumento del rischio di morte del paziente

Avere troppe poche infermiere addestrate nei reparti ospedalieri è legata a un aumento giornaliero del 3% del rischio di morte del paziente, che non si riduce quando le lacune del personale sono collegate a assistenti infermieristici, ha rilevato una nuova ricerca del Regno Unito.

Mentre gli assistenti infermieristici non registrati possono avere un ruolo chiave nel garantire assistenza sicura, “non possono agire come sostituti degli infermieri registrati”, concludono quelli dietro lo studio pubblicato sulla rivista BMJ Quality & Safety.

I risultati dimostrano anche l’importanza di agire per far fronte alla carenza di personale infermieristico e aumentare la fidelizzazione, hanno affermato gli autori.

Un gruppo di ricerca, guidato dall’università di Southampton, ha analizzato i dati relativi al personale di 32 reparti presso una grande fiducia acuta nel sud dell’Inghilterra tra aprile 2012 e marzo 2015 per esaminare l’impatto del mix di competenze.

Durante questo periodo, più di 138.000 pazienti adulti hanno trascorso almeno un giorno in reparti medici e chirurgici con la maggior parte – il 79% – ammessi come emergenze.

I livelli di personale sono stati misurati come ore per paziente al giorno con livelli di personale in tutti i reparti con una media di 4,75 ore per gli infermieri. Nel frattempo, i livelli di organico medio per gli assistenti di cura sono arrivati ​​a 2,99 ore.

Tuttavia, i dati mostrano che i livelli di personale infermieristico e di assistenza infermieristica sono caduti regolarmente al di sotto della media. Durante i primi cinque giorni di permanenza in ospedale i pazienti hanno avuto in media quasi due giorni di carenza di personale.

Durante il periodo di studio, il tasso di mortalità complessivo era di poco superiore al 4% con 5.662 morti in totale.

I ricercatori hanno scoperto che il rischio di morte dei pazienti aumentava quando c’era carenza di infermieri, ma diminuiva con una maggiore assistenza infermieristica.

Tuttavia, lo stesso non era vero per gli assistenti infermieri con livelli bassi e superiori di personale assistente infermieristico collegato a un aumento della mortalità.

L’analisi dei dati ha mostrato che le probabilità di morte sono aumentate del 3% per ogni giorno trascorso da un paziente con livelli di personale infermieristico al di sotto della media per quel reparto.

Nei giorni in cui il numero di ricoveri per ciascuna infermiera registrata era sostanzialmente più alto del solito – oltre il 25% sopra la media – questo era associato a un aumento del rischio di morte del 5%. Tuttavia, non vi era alcun legame significativo tra le ammissioni per assistente infermieristico e il rischio di morte.

Nel frattempo, ogni ora supplementare di assistenza fornita da un’infermiera registrata era legata a una riduzione del 3% delle possibilità di morire. Tuttavia, nessun impatto di questo tipo era evidente per le ore aggiuntive di assistenza fornite dagli assistenti infermieri.

Al fine di fornire un’ora di assistenza infermieristica per paziente al giorno, un ospedale dovrebbe assumere un infermiere supplementare per ogni turno per un reparto di 24 letti, suggerire gli autori.

Per i pazienti con una durata media della degenza che aggiungerebbe fino a 2,7 ore extra di assistenza infermieristica e potenzialmente una riduzione dell’8% del rischio di morte, secondo i loro calcoli.

Mentre non riescono a trarre conclusioni su causa ed effetto, affermano che le loro scoperte sono in linea con altre ricerche che suggeriscono che l’aumento del personale infermieristico sia collegato a cure di qualità più elevata con un rischio ridotto di lesioni o morte.

Suggeriscono inoltre che le politiche volte a rafforzare la forza lavoro di supporto infermieristico – come lo sviluppo del nuovo ruolo di assistente infermieristico – non risolveranno i problemi legati alla diffusa carenza di infermieri.

“Questi risultati mostrano le potenziali conseguenze della carenza di infermieri registrati in termini di impatto negativo sulla sicurezza dei pazienti”, ha detto il documento.

“Mentre gli assistenti di assistenza infermieristica hanno anche un ruolo importante da svolgere nel mantenimento della sicurezza dei reparti ospedalieri, non possono agire come sostituti degli infermieri registrati”.

Quando si valutano i requisiti di personale o si fanno paragoni, le ore di assistente infermieristico e di assistenza infermieristica “non dovrebbero essere considerate equivalenti”, aggiunge il documento.

“Sono necessarie strategie per migliorare l’offerta di infermieri registrati”, conclude. “È improbabile che le conseguenze negative delle carenze di infermieri registrate possano essere risolte aumentando il numero di personale infermieristico meno qualificato nella forza lavoro”.

Le ultime cifre mostrano che c’erano 40.877 posti di lavoro infermieri nel NHS in Inghilterra nel secondo trimestre del 2018/19 – un aumento da 39.154 nello stesso periodo dell’anno scorso.

Un nuovo rapporto sui dati universitari ha inoltre rivelato un continuo declino negli studenti che studiano infermieristica nel paese.

Rispondendo ai risultati, Donna Donna Kinnair, amministratore delegato e segretario generale del Royal College of Nursing, ha dichiarato: “Mentre il conteggio ufficiale dei posti vacanti per le infermiere aumenta quest’anno, questo studio mostra anche il conteggio dei decessi: è così forte come quello. 

“Il governo e il servizio sanitario nazionale in Inghilterra devono riunirsi per risolvere la crisi del personale – i pazienti stanno pagando il prezzo più alto per la carenza di infermieri”, ha aggiunto. 

Royal College of Nursing

FONTE: KATE STANWORTH

Dame Donna Kinnair

Dame Donna ha affermato che la ricerca è l’ultima di una “lunga serie di studi” che dimostra che la sicurezza del paziente è a rischio di fallimenti nella pianificazione della forza lavoro a lungo termine.

Ha rinnovato le richieste dell’RCN per un ulteriore 1 miliardo di sterline da investire nell’istruzione superiore infermieristica e affinché il personale sicuro sia sancito dalla legge. 

[Tratto da: www.nursingtimes.net ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.