Il chitosano è un derivato della chitina per deacetilazione ed è derivato da materiali biologici abbondanti in natura. 1,2 È il componente principale degli scarti dei frutti di mare ed è considerato un materiale ecologico. 2 Le proprietà e le caratteristiche intrinseche del chitosano, come la sua biocompatibilità, biodegradabilità, non tossicità, bioadesione, attività antibatterica ed effetto emostatico, fanno sì che sia ampiamente utilizzato in vari campi. 3,4 Oltre a queste caratteristiche, il chitosano può avere un impatto positivo su diverse fasi del processo di guarigione della ferita . 5–7

Quando la pelle è danneggiata, sono necessarie medicazioni temporanee come barriera contro la contaminazione e per creare un ambiente umido per favorire la guarigione. 8 La ricerca ha dimostrato che rispetto alle medicazioni tradizionali per ferite come le garze, le medicazioni al chitosano sono più efficaci nel promuovere la guarigione. 5–7,9–17 I suoi meccanismi principali sono i seguenti: 9–14(1) il chitosano aumenta la migrazione delle cellule endoteliali vascolari e chiude efficacemente i vasi sanguigni danneggiati durante l’omeostasi; (2) promuove la migrazione e il reclutamento di cellule come neutrofili e globuli bianchi per rilasciare più fattori infiammatori; (3) regola i fibroblasti e vari tipi di sintesi del collagene per accelerare la crescita del tessuto di granulazione; (4) può regolare la proliferazione delle cellule epiteliali, aumentare la velocità di scansione delle cellule epiteliali e ridurre i tempi di guarigione; (5) dimostra una buona capacità di assorbire l’essudato e fornisce un ambiente umido per la guarigione delle ferite . Inoltre, il suo ruolo nel promuovere la guarigione delle ferite è stato dimostrato con diverse forme di chitosano in vivo, come le formulazioni in polvere, membrana e gel.5–7,15–17

Sebbene molti studi in vitro o in vivo abbiano dimostrato il marcato effetto curativo delle ferite del chitosano, la sua efficacia clinica non è stata ben esplorata. Pertanto, lo scopo di questa revisione sistematica era di esplorare l’effetto delle medicazioni al chitosano sulla guarigione delle ferite cliniche .

METODI

Questa revisione sistematica è stata condotta in conformità con le linee guida PRISMA (Preferred Reporting Items for Systematic Reviews and Meta-Analyzes) ( Figura 1 ). 18 PubMed, EMBASE, la biblioteca Cochrane e Web of Science sono stati utilizzati per recuperare la letteratura per tutti gli anni disponibili da gennaio 2000 a novembre 2019. La strategia di ricerca ha utilizzato titoli di soggetti medici e parole chiave corrispondenti: “(chitosano” OR “chitina” OR ” poliglusam ”E“ guarigione delle ferite ”). I termini di ricerca sono stati modificati in base alle raccomandazioni dei diversi motori di ricerca. La ricerca è stata limitata alla lingua inglese. Gli elenchi di riferimento di articoli idonei sono stati cercati manualmente per altri possibili studi ammissibili.

Figura 1.
Figura 1.: 

DIAGRAMMA DI FLUSSO DELLO STUDIO

Criteri di inclusione ed esclusione

Studi ammissibili hanno arruolato partecipanti con ferite acute o croniche e hanno somministrato solo interventi di medicazione con chitosano o derivati ​​del chitosano durante il trattamento. Prima di utilizzare la medicazione, i gruppi di controllo e osservazione devono aver ricevuto lo stesso debridement. Gli studi inclusi erano limitati a studi randomizzati controllati (RCT) e nessun altro farmaco o materiale poteva essere aggiunto alla medicazione al chitosano. Il gruppo di controllo doveva ricevere cure standard (medicazioni per ferite tipicamente disponibili nel loro ambiente) senza materiali o farmaci aggiuntivi. I risultati dovevano includere indicatori di guarigione delle ferite come la guarigione delle feriteriduzione del tempo e dell’area della ferita. Sono stati esclusi i pazienti in gravidanza o allergici ai frutti di mare o con diabete non controllato (glicemia> 10 mmol / L), disadattamento dei tessuti o qualsiasi patologia cutanea (come l’eczema). Sono stati esclusi studi trasversali, studi quasi sperimentali, case report, abstract pubblicati, white paper, revisioni e relazioni di conferenze.

Estrazione e analisi dei dati

Due revisori hanno esaminato in modo indipendente i titoli e gli abstract degli articoli identificati per determinare in modo indipendente l’eleggibilità. Gli articoli potenzialmente idonei sono stati recuperati nella loro interezza e sono stati quindi ulteriormente esaminati da due revisori indipendenti utilizzando moduli di estrazione dati standard sviluppati dagli autori per prendere una decisione finale sull’inclusione. Tutti i filtri per titolo, abstract e full-text sono stati eseguiti con Endnote X9 (Clarivate Analytics, Philadelphia, Pennsylvania). Il rischio di bias è stato valutato con lo strumento della Cochrane Collaboration per valutare il rischio di bias negli RCT. Ogni parametro di bias è stato classificato come rischio alto, basso o sconosciuto. I ricercatori hanno costruito un foglio di calcolo Excel (Microsoft, Redmond, Washington) per raccogliere tutti i dati dello studio ed hanno eseguito un’analisi della distorsione del rischio con Review Manager 5.3 (Cochrane, Londra, Regno Unito).

RISULTATI

Il rischio di bias per tutti gli studi inclusi è riassunto nella Figura 2 . 19-23 I rischi di bias di selezione basati su un’adeguata generazione di sequenze casuali sono stati giudicati a basso rischio per due prove (40%). 122,23 I rischi di occultamento dell’allocazione per bias di selezione sono stati segnalati utilizzando un metodo standard e sono stati giudicati a basso rischio in due prove (40%). 22,23 L’accecamento dei partecipanti e del personale per il bias delle prestazioni ha suggerito un basso rischio per tre prove, 20,22,23 mentre le altre prove avevano un rischio non chiaro. 19,21 Il bias di rilevamento relativo all’accecamento dei dati sui risultati è stato giudicato ad alto rischio rispetto a due studi. 20,23 Le due prove erano in singolo cieco, 21,23e uno studio 22 ha applicato il doppio cieco per assicurarsi che lo studio mantenga un’elevata qualità. Tuttavia, altri studi non hanno menzionato il bias di rilevamento, quindi il livello era sconosciuto. I risultati incompleti del bias di rilevamento e la segnalazione selettiva di bias erano a basso rischio in tutti gli studi (100%). 19-23 Poiché il piano di ricerca completo, la raccolta dei dati e il processo di analisi sono stati coinvolti nella ricerca, le altre fonti di bias erano a basso rischio in tre prove 20,22,23 ma ad alto rischio in due prove. 19,21

Figura 2.
Figura 2.: 

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI BIAS

Effetti del chitosano sulla guarigione delle ferite

Tutti gli studi hanno confrontato il chitosano con altre medicazioni comuni utilizzate per la guarigione delle ferite . Il grado di guarigione della ferita è stato valutato in base al tempo di guarigione della ferita e alla riduzione dell’area ( Tabella ). Tre studi 19,20,22 hanno utilizzato pellicole per ferite di chitosano, mentre due studi 21,23 hanno utilizzato pellicole per ferite con carbossimetil chitosano (il carbossimetil chitosano è un derivato del chitosano idrosolubile).

[Tratto da: www.journals.lww.com ]

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.